Seguici e condividi:

Eroica Fenice

Visit Campi Flegrei

Discesa degli Inferi con Visit Campi Flegrei

Domenica 15 settembre, Visit Campi Flegrei (qui) ha accompagnato Eroica Fenice in uno dei sentieri di trekking più affascinanti nei Campi Flegrei, conosciuto da molti come la “Discesa degli Inferi”.
L’escursione è partita dalle pendici del Monte Nuovo, nato con l’ultima eruzione dei Campi Flegrei, risalente al 1538, per arrivare in cima, attraversando la pineta e la macchia mediterranea che circonda la zona delle fumarole, per scendere poi alle sponde del Lago d’Averno, situato all’interno di un cratere vulcanico di 4000 anni fa. Il Lago d’Averno è considerato da Dante come l’ingresso agli Inferi perché si racconta che in passato le sue acque esalassero acido carbonico e gas che non permettevano la vita agli uccelli. Da qui il nome “Avernus”, dal greco “Aornon”, luogo senza uccelli.

Discesa degli Inferi, l’escursione naturalistica tra incanto e mistero con Visit Campi Flegrei

La terra campana è un palcoscenico naturale tutto da scoprire, incastonato in un’atmosfera suggestiva che è baciata quasi sempre dal sole. Gli scorci panoramici che offre sono solenni e di grande impatto per il cuore di chi ha voglia di mettersi in cammino e lasciarsi sedurre dalla loro immensa bellezza.
Domenica è bastato qualche passo attraverso il bosco di querce dei Campi Flegrei per irrobustire le nostre radici e sentirci più saldi, più forti, e per avere il nutrimento necessario ad avanzare in stretta connessione con Madre Terra. Ci siamo cibati di un entusiasmo, un fervore e un’energia tale che hanno scandito il ritmo della nostra passeggiata sollecitando ogni nostro senso tra il profumo degli eucalipti, la freschezza e la purezza dell’aria e tutto il buono da toccare e assaporare che la natura ci ha offerto.
La Discesa degli Inferi appare come un luogo stregato in cui meraviglia, natura e cultura si sposano in un turbinio di emozioni innescate da uno scenario d’incontestabile bellezza puntellato da lecci, salici bianchi, cannucce, salicornie, ginestre, pini marittimi, pesci, gabbiani, molluschi e antiche rovine, come il “Tempio di Apollo”, una grandiosa sala termale sita lungo la sponda orientale del lago.
È al calar della sera che si è giunti sul Lago d’Averno, quando il sole ha infuocato violentemente le sue acque torbide, quasi arrabbiato per la prepotenza della luna che, alla stessa ora, ogni giorno, vuole impadronirsi del suo cielo.
Ammirare il lago è stato come assistere a un’allucinazione dalle tinte oniriche. Si è trasceso il reale. Mossa da non so quali fili invisibili, ho preso istintivamente le cuffie dallo zaino per lasciarmi cullare da quel famoso leggero arpeggio orientaleggiante di Ghigo che apre la canzone “Fata Morgana” dei Litfiba. La voce di Piero Pelù mi ha trascinata negli angoli più reconditi della mente generando immagini casuali, confuse, costellate di labili illusioni. La potenza della batteria e dei riff di Ghigo mi hanno fatto trovare l’uscita d’emergenza che mi ha ricondotta alla realtà, ancor più assetata di vita e con uno sguardo più profondo spalancato sul meraviglioso paesaggio.

Fata Morgana ha già cambiato ogni profilo
Aspetto a parlare prima che l’illusione si sia mossa

Ogni singola parola di questa strofa ribolle ancora nel sangue.

C’è d’inquietante che, nei meandri del web, ho avuto modo di leggere che il Lago d’Averno, negli ultimi secoli, è stato oggetto di studio per l’effetto ottico, definito “Fata Morgana“, che si presentava sul suo specchio d’acqua. Si tratta di un miraggio, creato da una serie di riflessi e rifrazioni della luce, che distorcono l’immagine degli oggetti presenti all’orizzonte. Questo ha alimentato leggende secondo le quali la fata Morgana della mitologia celtica inducesse i marinai a credere di essere nei pressi di castelli “volanti” apparsi sotto forma di visioni, per attirarli a sé e ucciderli.
Posso assicurarvi che le acque scure e immobili del Lago d’Averno serbano ancora l’aura misteriosa di un tempo e la Discesa degli Inferi è consigliatissima agli amanti della natura e del mistero.

Fonte immagine: Chiara D’Auria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *