Guerra: i costi in tempo di pace

costi della guerra

La guerra ha sempre un costo. Città distrutte, feriti, morti, orfani, invalidi, traumatizzati… E paradossalmente ha anche un costo in tempo di pace, seppur meno evidente: si tratta delle risorse necessarie a mantenere attive delle forze armate.

Questo non è un articolo per discutere se queste siano necessarie, efficienti o altro, ma una semplice riflessione: e se, per assurdo, queste risorse fossero state investite in altri settori?

Se la guerra scomparisse d’improvviso, oltre ad evitare morte e distruzione, cosa sarebbe possibile fare con le risorse liberate? I conti che seguono riguardano in particolare la situazione italiana, ma analogo ragionamento potrebbe esser fatto per qualsiasi paese non in guerra.

I costi della guerra, i costi della pace

Nota: le possibilità di spesa sono mutuamente esclusive, ad esempio con una data cifra sarebbe possibile costruire X ospedali oppure Y scuole, non X ospedali e Y scuole.

Un veicolo blindato Centauro 2 costa 10.600.000€ (MILEX, 530 milioni di euro per 50 blindati), cioè quanto:

  • 2 scuole, per 400 studenti

  • 44 autobus urbani, per 3.960 passeggeri

  • 66 case popolari, per 264 persone

  • 82 percorsi di formazione per medici specialisti

  • 118 ambulanze

  • 265 posti letto per studenti

Lo sviluppo e l’acquisizione di nuovi elicotteri da esplorazione e scorta si stima costeranno circa 57.700.000€ ad unità (Documento Programmatico Pluriennale per la Difesa 2020, pag. 87, “Fabbisogno complessivo: 2.770 M€“), cioè quanto:

  • 16 scuole, per 3.200 studenti

  • 240 autobus urbani, per 21.600 passeggeri

  • 360 case popolari, per 1.440 persone

  • 450 percorsi di formazione per medici specialisti

  • 641 ambulanze

  • 1.442 posti letto per studenti

La Trieste, unità multiruolo della Marina Militare varata nel 2019, è costata 1.126.000.000€ (La Repubblica), cioè quanto:

  • 5 ospedali

  • 10 complessi universitari

  • 37,5 km di TAV

  • 312 scuole, per 62.400 studenti

  • 4.692 autobus urbani, per oltre 400.000 passeggeri

  • 7.037 case popolari, per 28.148 persone

  • 8.796 percorsi di formazione per medici specialisti

  • 12.511 ambulanze

  • 28.150 posti letto per studenti

L’impegno di portare le spese per la Difesa al 2% del PIL, con un aumento di 12.200.000.000€ (MILEX) corrisponderebbe ogni anno a:

  • 61 ospedali

  • 110 complessi universitari

  • 406,6 km di TAV: Salerno – Reggio Calabria col più breve percorso stradale

  • 3.388 scuole, per 677.600 studenti

  • 50.833 autobus urbani, per oltre quattro milioni di passeggeri

  • 76.250 case popolari, per 305.000 persone

  • 95.312 percorsi di formazione per medici specialisti

  • 135.555 ambulanze

  • 305.000 posti letto per studenti

I dati utilizzati

Edilizia popolare

La media su nove Regioni dei massimali dei costi totali per nuove costruzioni si aggira sui 1600€/mq (ANCE). Per semplicità vengono considerati per quattro persone alloggi da 100 metri quadrati (la normativa prevede un minimo di 56 mq), quindi 160.000€ ad alloggio.

Salute

Un’ambulanza nuova completamente allestita costa 90.000€ (Tgcom24).

Il costo per formare un medico specialista, durante 11 anni di studio, viene stimato in 128.000€ (Il Sole 24 Ore).

Nel 2018 il costo di costruzione di un nuovo ospedale a Cuneo è stato stimato in 200.000.000€ (Cuneodice).

Scuole

Dalla Relazione annuale sulle attività e sui risultati della Task Force Edilizia Scolastica al 31 dicembre 2019 (pubblicata dall’Agenzia per la Coesione Territoriale), tabella 16, emerge un costo medio massimo di circa 18.000 €/alunno. Dal XXI Rapporto Ecosistema Scuola di Legambiente si vede che 7.037 edifici ospitano 1.424.322 studenti, da cui una media di 200 studenti per scuola. Di conseguenza il costo medio di una scuola risulta di 3.600.000€.

Trasporti

Mediamente un autobus urbano da 12 metri (per circa 90 passeggeri) costa 240.000€ (Provincia di Trento).

Un chilometro di TAV mediamente costa 30.000.000€ (AGI).

Università

Nel 2020 in Liguria sono stati realizzati 384 posti letti per studente con 20.000.000€, per circa 52.000€/posto (IVG). A livello nazionale tra il 2015 ed il 2017 sono stati spesi 100.000.000€ per oltre 3.300 posti, per una media di 30.000€/posto letto (Edilportale). Mediando tra i due si può supporre ragionevole un costo di circa 40.000€/posto letto.

La costruzione ex novo dell’Università di Bolzano è costata 111.000.000€ (Provincia di Bolzano).

 

Immagine: cost-calculator-dollar-money-4165540 di geralt, licenza Pixabay License

Francesco Di Nucci

A proposito di Francesco Di Nucci

Studente, appassionato di musica e libri.

Vedi tutti gli articoli di Francesco Di Nucci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.