Seguici e condividi:

Eroica Fenice

Pulcinella, storia e origini della maschera

Pulcinella, storia e origini della maschera

La tradizione partenopea viene conosciuta e tramandata grazie ai particolari e meravigliosi simboli che la rendono unica agli occhi del caldo popolo e del mondo intero. I gustosi spaghetti al pomodoro fumanti, i deliziosi babà, il tenebroso ma incantevole Vesuvio. Ancora la pizza, la tarantella, la lingua, la canzone, il teatro e il panorama mozzafiato che la città offre con orgoglio ad occhi innamorati. Poi c’è Pulcinella, la maschera napoletana che colora d’allegria e sfrontatezza il Carnevale italiano e popolare in tutto il mondo.

Pulcinella. Storia e origini della maschera

Conosciuta sin dai tempi dell’antichità romana, sparisce con l’avvento del Cristianesimo e risorge intorno alla metà del Cinquecento con la Commedia dell’Arte, divenendo da allora una delle maschere più amate insieme ad Arlecchino.

La storia della maschera di Pulcinella affonda le sue radici nell’antichità, probabilmente risale al IV a.C. quale discendente da Maccus, personaggio delle Atellane Romane. Maccus impersonava infatti la tipologia di servo dal naso lungo, faccia bitorzoluta, guance grosse e ventre prominente, con una camicia a veste larga e bianca.

Altri fanno risalire l’origine della maschera di Pulcinella ad un altro personaggio delle Fabulae Atellanae, Kikirrus, maschera teriomorfa (dall’aspetto animale), il cui nome richiama il famoso verso del gallo “chicchirichì”. Proprio quest’ultimo personaggio ricorda più da vicino Pulcinella in virtù del fatto che la maschera partenopea si esprime e recita con voce chioccia, come quella di un pulcino.  Da qui l’altra possibile origine che fa discendere il nome da Pulcinello, un piccolo pulcino con naso adunco.

La maschera di Pulcinella farebbe inoltre riferimento all’ermafroditismo del personaggio: la parte superiore – composta da naso, cappello a punta e corno – sarebbe maschile, mentre quella inferiore – composta da ventre gravido, natiche enormi e seni prominenti – sarebbe femminile. In effetti il carattere dialettico è ciò che caratterizza un po’ Pulcinella. Nascerebbe infatti da un uovo di gallina, animale sacro a Persefone, sposa di Ade e regina degli Inferi. Incarna la morte appunto e le miserie umane (si pensi al colore nero della maschera che copre il volto lasciando libera solo la bocca). Ma allo stesso tempo le scongiura grazie alla sua spontaneità, all’allegria, al cappello a forma di corno dell’abbondanza.

Pulcinella non è un personaggio, ma una schiera di personaggi. I ruoli che ricopre sono molteplici, simboleggiando tanto i difetti quanto le qualità del popolo napoletano. Perché Pulcinella è comico e tragico, affidabile ed arrogante, ricco di genuinità e povero di status. L’emblema autentico del napoletano, spesso in crisi, ma pronto a rialzarsi anche a costo di farsi beffa dei prepotenti, arrangiandosi secondo quella che è l’arte tipica del popolo partenopeo.

Pulcinella. Caratteristiche e significato della maschera

La maschera di Pulcinella è stata inventata ufficialmente a Napoli dall’attore Silvio Fiorillo nella seconda metà del Cinquecento (nel periodo dunque della Commedia dell’Arte). Tuttavia il costume della maschera, così come lo conosciamo oggi, fu inventato nell’Ottocento da Antonio Petito. Quella di Fiorillo infatti indossava un cappello bicorno, contro l’attuale a “pan di zucchero”, e portava barba e baffi. Con Silvio Fiorillo Pulcinella approdò nelle grandi compagnie comiche del nord divenendo l’antagonista di Arlecchino, maschera bergamasca che incarna il servo sciocco e credulone.

Pulcinella è colui che smaschera le bugie e le ipocrisie di potenti ed oppressori, riuscendo a non soccombere. Pulcinella è un gran chiacchierone e dotato di un’insaziabile voracità che lo mostra alla costante ricerca di cibo. Ricorda a tal proposito il grande maestro Antonio De Curtis, in arte Totò, nella celebre scena del film Miseria e Nobiltà dei maccheroni fumanti riposti avidamente nelle tasche.

Le sue vesti sono bianche, con pantaloni e camicia larga stretta in vita da una cintura nera. E sembra di vederlo ora muoversi e gesticolare in situazioni perennemente teatrali.

A proposito della sua loquacità, esiste appunto l’espressione “il segreto di Pulcinella”, indicante appunto un segreto che non riesce più ad essere tale, caratteristica della maschera napoletana che, non riuscendo a tacere, è incapace di mantenere un segreto.

Oltre al suo dualismo e al plurimorfismo dei caratteri che incarna, Pulcinella inventa se stesso ogni giorno. Oggi imbroglione, domani ladro, poi fornaio, contadino, aggirandosi per i colorati e musicali vicoli della città alla ricerca di espedienti per sopravvivere.

Pulcinella è più di una maschera divertente esibita a Carnevale. Pulcinella è l’anima stessa di Napoli e del suo popolo, con tutte le problematiche che si trova perennemente ad affrontare, ma con una sempre pronta ed insaziabile voglia di riscossa e di vittoria su soprusi ed ingiustizie.

Pulcinella. Dalla Commedia dell’Arte al teatro dei burattini e marionette e alle interpretazioni prestate

La fama di pulcinella trae quindi origine dalla Commedia dell’Arte. Ma nel corso del tempo acquista rilievo, specie per l’intrattenimento infantile, nel teatro di burattini e marionette. Quanti spettacoli di teatrini ambulanti montati nelle piazze per divertire piccini ed anche adulti!

La sua arte, la sua allegria prorompente, la sua scaltrezza sono così contagiosi e si prestano all’interpretazione di attori e cantanti.

Antonio Petito (1822-1876) fu il più famoso Pulcinella dell’Ottocento.

Come non menzionare Eduardo De Filippo (1900-1984), che ne vestì spesso i panni, soprattutto a inizio carriera.

Massimo Ranieri (1951) nella stagione teatrale 1986-87 fu interprete dello spettacolo Pulcinella di Maurizio Scaparro.

Il grande Massimo Troisi (1953-1994) nel film di Ettore Scola Il viaggio di Capitan Fracassa del 1990.

Fino a Pino Daniele (1955-2015) che, nel suo Album d’esordio Terra mia (1977), interpreta nel brano Suonno d’ajere la parte di un Pulcinella malinconico ed arrabbiato che, toltosi la maschera, pensando al dolore dei poveri, medita un’azione di rivolta.

Infine un Pulcinella in formato cartone animato nel celebre film d’animazione Totò Sapore.

Cosa aggiungere di più, se non l’invito a poter godere e conoscere la storia della maschera di Pulcinella presso il Museo del Folklore e della Civiltà Contadina allestito in un castello di Acerra risalente all’ IX secolo. Un tuffo nei meandri della tradizione e delle origini legate ad uno dei personaggi più particolari e straordinari che la città di Napoli abbia cullato e mostrato con orgoglio.

Fonte immagine: http://terredicampania.it/cultura/pulcinella-una-maschera-senza-tempo/09/02/2016/

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *