Seguici e condividi:

Eroica Fenice

La Tag: fumetti contiene 2 articoli

Nerd zone

Super-eroi: alla scoperta degli antenati degli odierni paladini della legge

Super-eroi, in occasione dell’uscita nelle sale di Black Widow e The Suicide Squad, alla scoperta dei primi paladini della giustizia Al momento i super-eroi dominano il mondo dei nerd. Nei prossimi giorni usciranno nelle sale i film Black Widow e The Suicide Squad mentre Netflix con le serie tv The Umbrella Accademy e Jupiter’s Legacy sfida Amazon Prime Video con The Boys e Invincible. In tutto questo, molti si pongono una domanda: da dove e quando nascono i supereroi? Chi sono i super-eori ? Quando hanno fatto la loro prima apparizione ? Il vocabolario Treccani propone come definizione di supereroe la seguente: “Personaggio immaginario, nato nell’ambito dei fumetti per ragazzi e poi trasferito nel cinema, dotato di forza muscolare, di capacità sensoriali e talvolta di capacità intellettuali straordinarie e sovrannaturali, che si assume il compito di proteggere l’umanità da catastrofi naturali o accidentali e […], di combattere pericolosi e astuti criminali, di fronte ai quali le regolari forze dell’ordine risultano impotenti” Se pensassimo a tutto il nostro bagaglio culturale, in tutte le epoche non sono mancati individui del genere. È il caso degli eroi dei miti greci come Ercole, Giasone e Ulisse oppure personaggi più antichi come Gilgamesh o quelli dell’età medievale tra cui re Artù, Rolando e Robin Hood. Nonostante ogni epoca avesse i suoi “super-eroi”, i più prossimi a quelli attuali comparvero solo all’inizio del secolo scorso. Tarzan e John Carter, i due super-eroi di Edgar R. Burroughs Edgar Rice Burroghs, scrittore americano e autore di molti romanzi fantastici e avventurosi, pubblicati a puntate su riviste (le famose pulp fiction), è, secondo molti, il padre dei moderni super-eroi. Nel 1912 comparve John Carter nelle pagine del romanzo “Sotto le lune di Marte” mentre due anni dopo nacque Tarzan delle scimmie. John Carter, ex-soldato dell’esercito confederato, viene teletrasportato sul pianeta Marte dove scopre che lo scontro tra due civiltà ha contribuito alla fine del pianeta. Qui, il nostro eroe, trovandosi in un’atmosfera diversa dalla nostra, sviluppa dei poteri come super-forza e capacità di compiere grandi salti. Diverso è il caso di Tarzan, alias John Clayton visconte di Greystoke III. Figlio di due superstiti di un ammutinamento, i coniugi Greystock non riuscirono a sopravvivere nella giungla, lasciando il proprio figlio nelle mani dei “mangani”, una specie di gorilla. Il bambino riesce ad adattarsi nella giungla, sviluppando una notevole forza e resistenza nonché abilità tattiche. Le due creazioni di Burroghs hanno contribuito alla nascita di Superman.Infatti il supereroe kryptoniano è stato abbandonato dai genitori originari, proprio come Tarzan, e su un pianeta alieno ha sviluppato i superpoteri come John Carter. McCulley e il primo super-eroe con identità segreta e costume, il caso di Zorro Nel 1919 nasce un altro personaggio molto apprezzato grazie a film e serie tv. Si tratta di Don Diego de la Vega, conosciuto col nome di Zorro e creato dallo sceneggiatore e scrittore Johnston McCulley. La sua prima apparizione è nel romanzo “La Maledizione di Capistrano”, anche esso pubblicato a puntate sulla rivista All-Story Weekley. Siamo nella […]

... continua la lettura
Libri

Daniele Lombardi – intervista su Gluttony la fiaba oscura

Intervista allo scrittore e sceneggiatore Daniele Lombardi su Gluttony la fiaba oscura, pubblicata gratuitamente durante la quarantena. Trama di Gluttony Gluttony è la nuova fiaba dark di Daniele Lombardi. È uscita il 7 aprile 2020 ed è stata messa a disposizione di chiunque, durante questo periodo di “lockdown”. In un mondo di dolci, marzapane e zucchero magico, la quiete di un villaggio sereno e felice viene improvvisamente interrotta dal gigante Gordon, che cacciato dalla sua terra si imbatte nei festeggiamenti dei contadini e nella buonissima Torta-Vis al Supercioccolato. Colto da un’irrefrenabile fame, il gigante mangia l’intera torta senza il consenso dei cittadini, scatenando le proteste accese del giovane Friendmilk. Di risposta, Gordon schiaccia il ragazzo e tra l’orrore della folla stermina mezzo villaggio. La cuoca Maia, allora, propone al gigante un accordo: aspettare una settimana per la preparazione della torta, in cambio della vita. Gordon accetta e così, sotto sorveglianza, inizia una schiavitù lunga vent’anni. Daniele Lombardi: biografia Daniele Lombardi è uno scrittore e sceneggiatore brillante e carismatico, nato ad Aversa nel 1995. Appassionato di molte forme d’arte, inizia il suo percorso dopo il liceo, studiando dal 2015 al 2017 presso la CreativArt School di Aversa. Nel 2016 partecipa alla Masterclass di regia e scrittura cinematografica del Giffoni Film Festival e nel 2017 pubblica il suo primo racconto Il rito e la stanza nell’antologia annuale Z di Zombie, curata dal sito Letteraturahorror. Nel 2018 collabora con Shockdom al libro illustrato Il maestro Noah e le paure della buonanotte, seguito da Il maestro Noah e i segreti del volersi bene. Nel 2019 pubblica con Resh Stories il suo primo romanzo piratesco: The Blackest Island. Intervista a Daniele Lombardi: 1) Che cos’è Gluttony? “È un racconto breve e nasce da un soggetto che inizialmente avrebbe potuto essere trasposto in altre forme, tra cui il fumetto o il libro illustrato. A inizio Marzo, vedendo che tutti i più importanti operatori di cultura caricavano sul web gratuitamente film, libri, serie tv, cd, ho pensato di fare lo stesso, donando un po’ di quello che scrivo. Così, attraverso una fiaba oscura, ho raccontato la storia di Gordon.” 2) Quali sono state le fonti di ispirazione di cui ti sei servito? “Per questa storia non ho avuto una fonte ben precisa, ma poiché Gluttony si ascrive al genere dark fantasy, opterei per tutte quelle narrazioni che ospitano più ombre che luci. E trattandosi di uno dei sette peccati capitali, direi che è anche questo il caso.” 3) Il lock-down ha influito nella scelta del racconto? “Ha influito poco. La cosa più banale che potessi fare era scrivere una storia con all’interno la trasposizione di quello che sta accadendo in questo periodo. Ci sono già altri che lo stanno facendo, e bene. Il mio obiettivo era, più che altro, mettere a disposizione di tutti un qualcosa che fosse rapido e intrigante. Qualcosa per staccare cinque minuti dalla monotonia delle giornate di ognuno di noi.” 4) Cosa ti ha spinto a pubblicare il racconto? “Sicuramente mi sono lasciato […]

... continua la lettura