Professor Marston and the Wonder Women di Angela Robinson | La recensione

Professor Marston and the Wonder Women

Professor Marston and the Wonder Women, la recensione del film scritto e diretto da Angela Robinson attualmente disponibile su Prime Video

Cosa accomuna il modello comportamentale D.I.S.C. (ovvero i quattro angoli dell’agire umano: dominanza, influenza, stabilità e cautela), la macchina della verità e il personaggio fumettistico di Wonder Woman? Semplicemente il loro essere nati dalla mente del docente di psicologia William Moulton Marston, conosciuto anche come Charles Moulton.

Questo è ciò che racconta il film biografico Professor Marston and the Wonder Women, diretto e sceneggiato da Angela Robinson con Luke Evans, Rebecca Hall e Bella Heathcote nei rispettivi panni del professor William Moulton Marston, Elizabeth Hollway e Olive Byrne. La pellicola è stata distribuita nelle sale cinematografiche nel 2017 e attualmente disponibile su Amazon Prime Video.

Professor Marston and the Wonder Women, la trama del film biografico sul William Moulton Marston

La vicenda si svolge dagli anni Venti fino agli anni Quaranta ed è raccontata principalmente dal punto di vista del protagonista. Il professor Marston è un docente universitario di psicologia ad Harvard, mentre sua moglie Elizabeth è una dottoranda. Ambedue, noti nell’ambito accademico per le loro idee liberali e filo-femministe, incontrano una giovane studentesse di nome Olive, la quale offre il suo aiuto per la ricerca clinica per la nascita della macchina della verità.

Dopo essere stati travolti da uno scandalo, a causa della relazione poliamorosa che il docente e la moglie hanno instaurato con Olive, essi sono costretti ad abbandonare il loro ruolo. Proprio così, il professore si reinventa fumettista e diffonde le sue idee e tesi attraverso uno dei personaggi più noti dei fumetti statunitensi della National Periodical Publications (attuale DC Comics): Wonder Woman.

Dalla psicologia ai fumetti, la genesi della famosa supereroina della DC

Il film (distribuito nello stesso anno del film Wonder Woman di Patty Jenkins con l’attrice israeliana Gal Gadot nei panni dell’eroina) racconta le genesi della celebre amazzone ma anche degli studi e delle ricerche condotte dal duo Marston-Ollway ad Harvard. L’obiettivo di Professor Marston and Wonder Women è quello di costruire un fil rouge che unisce gli studi di psicologia alle sceneggiature delle avventure della supereroina; infatti, lo scopo di Marston è  di contribuire alla nascita di una nuova società ed all’educare i ragazzi e le ragazze seguendo i dettami della Teoria D.I.S.C.

L’amazzone rappresenta una novità nel mondo dei fumetti; in quanto,  costei abbandona l’Isola Paradiso (un luogo mitologico abitato dalle Amazzoni) per vivere nella società degli uomini assieme al capitano Steve Trevor e combattere i Nazisti nel corso della Seconda Guerra mondiale. In un mondo dominato da personaggi di sesso maschile come Superman (uno degli eroi più popolari dei fumetti degli anni Trenta e Quaranta), la creazione del docente risulta essere qualcosa di rivoluzionario: un simbolo del femminismo e dell’emancipazione femminile del XX secolo.

Professor Marston and the Wonder Women non esita a raccontare i dettagli più oscuri del creatore di Wonder Woman. All’accusa di avere una relazione poliamorosa si aggiunse anche quella di corruzione delle menti dei giovani con immagini di violenza, sadomasochismo e pornografia; nonché quella di essere un pervertito. Infine, lo stesso Marston deve affrontare anche l’insorgere di un nuovo problema: l’avvento del Comics Code con la conseguente censura nei fumetti pubblicati negli USA nell’immediato periodo postbellico. 

Un personaggio approfondito a 360°. Luke Evans si riconferma un ottimo interprete

Per quanto riguarda il cast di Professor Marston and the Wonder Women, il vero e proprio protagonista è Luke Evans. Egli ruba la scena a tutti gli altri interpreti e ci offre un personaggio dalle tantissime sfaccettature, nei quali è possibile vedere l’immagine di un genio eretico, un uomo dotato di grandissimo talento e di una vasta cultura, aperto alle idee progressiste, ma (certamente) vittima dei suoi vizi e condannato a causa dei suoi giochi di ruolo a sfondo sessuale. Un uomo che non voleva nascondere il suo essere alla stampa e al mondo, che affronta aggressioni, minacce verbali e l’ossessiva presenza di reporter fuori casa con fermezza e rigore.

Cinema, psicologia e fumetti. Perché guardare Professor Marston and the Wonder Women?

Professor Marston and Wonder Women è un’interessante pellicola indipendente che offre agli spettatori uno spaccato di ricerca accademica nell’ambito delle scienze umane e della storia della cultura pop a stelle e strisce. Un film che sa affrontare temi delicati senza entrare in dettagli eccessivi o voyeuristici per poter essere accessibile anche ad un pubblico più ampio, il tutto grazie ad una sapiente scelta di cosa raccontare o meno e della bravura del suo cast.

Fonte immagine di copertina dell’articolo Professor Marston and the Wonder Women: Prime Video Italia 

A proposito di Salvatore Iaconis

Laureato in Lettere Moderne presso l'Università Federico II di Napoli il 23 febbraio 2022. Sono stato un lettore onnivoro fin da piccolo e un grande appassionato di libri e di letteratura, dai grandi classici letterari ai best-seller recenti, e grande ammiratore dei divulgatori Alberto e Piero Angela. Oltre ad adorare la letteratura, la storia antica e la filosofia, sono appassionato anche di cinema e di arte. Dal 26 gennaio 2021 sono iscritto all'Albo dei Giornalisti continuando a coltivare questo interesse nato negli anni liceali.

Vedi tutti gli articoli di Salvatore Iaconis

Commenta