Seguici e condividi:

Eroica Fenice

The Deuce, al via al nuova serie HBO

The Deuce, al via la nuova serie HBO

The Deuce, l’ultima fatica di HBO

The Deuce è l’ultima serie originale HBO. Composta da otto episodi, andrà in onda a partire da martedì 24 ottobre su Sky Atlantic. HBO torna dunque prepotentemente sul piccolo schermo. Lo fa dopo il fallimentare Vinyl, progetto cancellato dopo una sola stagione. Ideatori del progetto sono David Simon e George Pelecanos, già collaboratori in passato di serie di successo come The Wire e Treme.

La serie è ambientata agli inizi degli anni ’70 a New York. A Times Square due fratelli gemelli, Vincent e Frankie Martino, lavorano per la mafia americana. Nella stessa zona agisce Candy (Maggy Gyllenhaal) prostituta che vede nella neonata industria pornografica una fonte di guadagno. James Franco interpreta contemporaneamente Vincent e Frankie. Franco, già protagonista in brillanti opere cinematografiche, si supera con questa prova attoriale doppia.

James Franco e Maggie Gyllenhaal sono i pesi massimi su cui si regge The Deuce

Le tematiche affrontante da The Deuce non sono nuove. Così come le ambientazioni. Da un’analisi preliminare potrebbe emergere l’accostamento con opere quali Boogie Nights. Un aspetto però sembra chiaro, a giudicare dal materiale finora a disposizione, in attesa di visionare la serie. The Deuce non vuole essere ridotta ad un mero ritratto dell’industria pornografica. La Grande Mela degli anni ’70 non è altro che il pretesto per narrare l’America, di ieri e di oggi. Un paese che nonostante continui e ripetuti errori fatica a riguardare il proprio passato.

Quanto si è appena detto rappresenta proprio la maggior incognita dietro The Deuce. Un progetto accattivante, con una tematica e un’ambientazione insolite, sia per il piccolo che per il grande schermo. La presenza di attori di assoluti livello quali i già detti Franco e Gyllenhaal garantisce qualità e virtuosismo. Per non parlare di Emily Meade, Michael Rispoli e Gary Carr. David Simon e George Pelecanos sono le menti di alcune delle serie più premiate degli ultimi anni.

The Deuce: fenomeno pubblicitario o prodotto di qualità?

Resta da verificare fino a che punto gli effetti scenici e i nomi altisonanti siano la punta o meno dell’iceberg. Se dietro tutto questo sfarzo c’è effettivamente delle sostanza. Le serie TV hanno praticamente sostituito il cinema negli ultimi anni. Per qualità delle produzioni, degli interpreti, delle ambientazioni. Film che a parte rarissimi casi faticano ad adattarsi al tempo che cambia. Anche le serie TV, come ad Hollywood, si dividono in mega produzioni di facciata e in prodotti che effettivamente riescono ad entrare nel cuore della gente.

The Deuce al momento non rientra né nell’una né nell’altra categoria. Per farlo, non resta che aspettare il 24.

Print Friendly, PDF & Email