Anime isekai: 5 proposte da non perdere

Anime isekai: 5 proposte

Gli anime isekai sono un genere che da circa un decennio ha spopolato a dismisura, diventando uno dei generi di anime più popolari e con più uscite annuali. 

Il termine isekai significa mondo diverso, ed è per l’appunto associato ad un genere di anime in cui il protagonista si ritrova, nella maggior parte dei casi, confinato in un modo di fantasia a lui sconosciuto, nel quale dovrà superare mille difficoltà ed avventure che non avrebbe mai pensato di poter vivere.
Gli anime isekai godono di un ottima costruzione del mondo, di una vasta moltitudine di personaggi, spesso caratterizzati molto bene, di trame variegate che possono racchiudere vari sottogeneri, come la commedia o il romance, e di elementi fantasy che catturano l’attenzione del lettore.

5 anime isekai da vedere assolutamente

1) Sword Art Online

Sebbene Sword Art Online, più comunemente detto SAO, spesso non viene identificato dall’utenza come un vero e proprio isekai, è innegabile che abbia contribuito enormemente alla diffusione del genere e all’identificazione del termine isekai per come viene inteso oggi.
SAO nasce originariamente come Light Novel, scritta da Reki Kawahara e pubblicata per la prima volta nel 2009. SAO è la storia di Kirito, un ragazzo appassionato di informatica e videogiochi, che, attraverso una console per la simulazione della realtà virtuale, viene intrappolato nel mondo del gioco Sword Art Online insieme a migliaia di altri ragazzi. Le persone intrappolate scopriranno presto di non poter uscire dal videogioco, e rimuovere dall’esterno il cavo per la realtà virtuale, o morire all’interno del videogioco, significa morire anche nella vita reale. 
SAO è un capostipite degli anime isekai, ed è un anime che per buona parte della sua durata offre forte emozioni allo spettatore, che oltre ad una trama avvincente può godersi le fantastiche animazioni e OST dell’anime

2) Overlord

Overlord è la storia del videogiocatore Momonga che finisce intrappolato nel mondo del suo videogioco MMORPG preferito YGGDRASIL. A differenza di SAO, dove i personaggi sono umani, Momonga all’interno del gioco è un undead dal potere sconfinato, ed assume il nome della sua gilda Ainz Ooal Gown col fine di trovare altri giocatori intrappolati come lui. Momonga è a capo di uno sconfinato esercito di demoni e non morti dall’immenso potere, e ben presto metterà in atto il suo piano per conquistare il mondo in cui è stato confinato. Overlord è un anime isekai che spesso viene identificato come fantapolitico, a causa delle fitte macchinazioni che Momonga attua per cercare di conquistare il mondo. Overlord è un anime costellato di personaggi con poteri strabilianti e dalla forza senza eguali, nonchè dallo spiccato intelletto. Per gli amanti degli intrecci politici e del fantasy più sfrenato, Overlord è assolutamente un anime isekai da non perdersi.

3) Vita da Slime

Vita da Slime, il cui nome originale in giapponese è Tensei shitara slime datta ken, è la storia di Satoru Mikami, che in seguito alla sua tragica morte, si risveglia in un mondo fantasy con le sembianze di un piccolo slime, e prenderà in seguito il nome Rimuru Tempest. Slime è un anime che rientra grossomodo nello stesso genere di Overlord: anche in Slime sono presenti macchinazioni politiche e poteri strabilianti, di fatto l’obbiettivo di Rimuru è creare la più grande città di mostri ed entrare in contatto con il mondo degli umani ed altre popolazioni di mostri, possibilmente in modo pacifico. Sebbene condividano il genere fantapolitico, Slime si distacca molto dal tipo di violenza di Overlord e dal dark fantasy che lo caratterizza, offrendo invece un tipo di fantasy più tradizionale ma mai banale. Il mondo che Slime offre è un mondo estremamente intricato e profondo, con tantissimi personaggi scritti in modo sublime, il che lo fa rientrare assolutamente tra gli anime isekai da non perdersi.

4) Mushoku Tensei – Jobless Reincarnation

Mushoku Tensei è la storia di un NEET senza nome, che stufo della sua vita decide di morire cercando di salvare una ragazza da un incidente con un camion. In seguito alla sua eroica morte, si risveglia nei panni del bambino Rudeus Greyrat, mantenendo tutti i suoi ricordi ed iniziando così la sua nuova vita in questo vasto mondo fantasy. Mushoku Tensei viene spesso contrassegnato dal genere Harem, essendo Rudeus in realtà un NEET di 34 anni ama circondarsi di donne e non mancano allusioni sessuali nell’opera, che però vengono usate principalmente a scopo comico. Mushoku Tensei è un’avventura contrassegnata da personaggi scritti in modo superbo, capace di alternare momenti di ilarità e momenti di tristezza e tensione, il che gli ha permesso di distinguersi tra la miriade di anime isekai usciti negli ultimi anni.

5) Konosuba

Konosuba è un isekai comico: il protagonista Satou Kazuma, è un NEET che muore in un modo ridicolo e che dopo la sua morte fa la conoscenza della dea Aqua, la quale ha il compito di indirizzarlo verso un mondo di fantasia nel quale avrà come obbiettivo lo sconfiggere il re dei demoni. Aqua che all’inizio viene rappresentata come una dea benevola, si dimostra arrogante e poco rispettosa nei confronti di Kazuma, che adirato da suo comportamento decide di trascinarla con se nel mondo fantastico attraverso un banale ma efficace trucco. Per sopravvivere all’interno del mondo in cui sono stati rilegati, i due formano un party di avventurieri a cui si uniranno la paladine Darkness e la maga Megumin. Konosuba unisce in modo esemplare il genere isekai alla commedia, offrendo allo spettatore una narrazione piena zeppa di momenti di pura ilarità, scatenati principalmente dal carattere ingenuo dei protagonisti, che si ritrovano incastrati in disavventura dopo disavventura. Konosuba è uno degli anime isekai più popolari ed apprezzati di sempre, che si distingue per le sue storie esilaranti e i suoi personaggi ben scritti e che sono in grado di suscitare sempre un sorriso nello spettatore.

Fonte immagine in evidenza: Wikipedia

Print Friendly, PDF & Email

A proposito di Mariano Tammaro

Vedi tutti gli articoli di Mariano Tammaro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *