Seguici e condividi:

Eroica Fenice

Giardino incantato

Pompei, gli scavi riportano alla luce “Il Giardino incantato”

Un’altra splendida quanto interessante scoperta a Pompei, dove nel corso degli scavi condotti all’interno del Parco archeologico, degli operai hanno riportato alla luce il Giardino incantato.

Pompei, il Parco archeologico tra i più visitati e apprezzati, continua a regalare sorprese: oggi è riemerso il meraviglioso “Giardino incantato”, una grande edicola per il culto dei Lari, custodita da una coppia di sinuosi e benauguranti serpenti, un pavone solitario che fa capolino nel verde, fiere dorate in lotta con un cinghiale nero. Ma anche cieli luminosi dove prendono il volo dei graziosi quanti piccoli uccelli, un pozzo, una grande vasca colorata, il ritratto di un uomo con la testa di cane.

Il ritrovamento dello splendido Giardino Incantato

Lo splendido “Giardino incantato” è riemerso intatto e in tutta la sua bellezza, dal fitto strato di lapilli e pomici che lo aveva ricoperto, regalando un nuovo pezzo di storia, ricco di colori, dettagli perfetti e immagini fortemente evocative, in un viaggio e proprio viaggio tra illusione e realtà che permette di rivivere i momenti di quella quotidianità, a distanza di quasi duemila anni.

Il maestoso larario è tra i più grandi finora ritrovati a Pompei, e sottolinea che quella stanza fosse un luogo domestico, dedicato al culto dei Lari (i lari sono delle divinità, appartenenti alla religione romana che rappresentano gli spiriti protettori degli antenati defunti che, secondo le tradizioni romane, vegliavano sul buon andamento della famiglia, della proprietà o delle attività in generale). La conferma è data dall’arula in terracotta che è ancora poggiata lì, proprio come duemila anni fa ai piedi di quell’edicola, con i resti distrutti delle offerte bruciate.

Gli scavi archeologici di Pompei continuano a regalare emozioni

Una scoperta che si aggiunge alle altre dei mesi precedenti e che regala delle forti emozioni, anche a chi continua a scavare: ricordiamo infatti che l’area in cui si trova il Giardino incantato è un vero e proprio cantiere, si continua a scavare alla ricerca di nuovi reperti. Ma ciò che colpisce di più, sono gli operai stessi, i quali sottolineano la forte emozione dinnanzi a quella magnificenza, a quel tesoro nascosto, che piano piano è riemerso, con colori stupefacenti, regalando ancora una volta delle sensazioni uniche e rare.

Esprime soddisfazione anche il direttore del Parco, Massimo Osanna

“Una stanza meravigliosa ed enigmatica che ora dovrà essere studiata a fondo”, sottolinea appassionato il direttore del Parco Archeologico, Massimo Osanna.

Per quanto riguarda il proprietario della stanza, è ancora misterioso, ma non è detto che i lavori di scavo che saranno condotti nei prossimi mesi non portino alla luce qualche dettaglio in più che possa svelare il mistero.
Tutt’intorno Pompei oggi è un grande cantiere per mettere in sicurezza la millenaria città. La scoperta della casa del giardino incantato è un tesoro inaspettato che viene da qui”, continua soddisfatto il direttore Osanna.

Il binomio “Pompei scavi” o “Scavi Pompei”, che dir si voglia, a quanto pare non smetterà mai di stupire!