Seguici e condividi:

Eroica Fenice

La Tag: notizie di attualità contiene 27 articoli

Eroica(mentis)

DaD: la scuola “spaziale” funziona davvero?

DaD (Didattica a Distanza): ne parla la psicologa di Eroica(mentis). Che lo si voglia oppure no, niente divide di più le famiglie, la scuola e la politica riguardo al tema della didattica a distanza, meglio conosciuta con l’acronimo DaD. Se da un lato alcuni genitori temono l’aumento dei contagi e mostrano preoccupazioni per i propri familiari, dall’altra la scuola “spaziale” non convince in termini di efficacia e funzionalità per cui si temono importanti conseguenze sulla formazione e sul futuro dei giovani studenti. La DaD funziona, ma la necessaria distanza formativa e soprattutto emotiva ha importanti ricadute sull’apprendimento a lungo termine. La prima e evidente distinzione da fare riguarda l’età dello studente: la presenza fisica in aula di studenti e insegnante è fondamentale soprattutto per le scuole di primo ciclo. Nella fascia d’età che va dai 6 ai 12 anni, la neuroplasticità del cervello è più elevata in particolare durante i processi di memoria e apprendimento. Anche se geneticamente possediamo grandi capacità di apprendimento ad esempio, se queste non verranno adeguatamente “allenate” e stimolate dall’ambiente e dalle relazioni, tale capacità resterebbe solo una potenzialità inespressa o può addirittura e in certi casi essere compromessa in situazioni future che implicano l’uso di tale potenzialità. La stimolazione cognitiva, emotiva e motoria proveniente nel nostro caso da un contesto altamente formativo ed esperienziale come la scuola, è importantissima in questa fascia d’età affinché i bambini possano imparare ad adattarsi alle esigenze dell’ambiente che li circondano. Fondamentale è l’apprendimento linguistico. Immaginate il caos delle chat, i microfoni delle piattaforme audio-video scarsamente funzionanti, la connessione rallentata, l’immagine del volto insufficientemente messa a fuoco. I bambini che in modo intermittente richiamano l’attenzione della maestra senza riuscire a farsi sentire magari perché sono più timidi, hanno la voce bassa, altri che invece si lasciano distrarre dai loro giochini perché trovano noiosa la lezione fatta a distanza. Manca l’attenzione, il pilastro dell’apprendimento. L’insegnante ha il compito di catturarla e incanalarla, ma questo diventa davvero complesso da fare se di fronte a sé ha uno schermo anziché i bambini in presenza. L’aula è lo spazio che contiene e fermenta la vita sociale dei bambini, l’attenzione e l’apprendimento dipendono molto dai segnali sociali. Ad esempio se al bambino gli si indica qualcosa il suo sguardo sarà rivolto prima al suo interlocutore (la maestra) e solo dopo si girerà nella direzione in cui la maestra sta guardando. Diversi esperimenti hanno dimostrato che quando al bambino gli si insegna una parola nuova, se il bambino interagisce con l’adulto e può seguire il suo sguardo verso l’oggetto che corrisponde alla parola, la impara subito. Se invece la stessa parola viene ripetuta anche più volte attraverso un microfono come accade in DaD, il bambino non la memorizza. La formazione in classe favorisce, inoltre, un altro aspetto importante dell’apprendimento, il coinvolgimento attivo. L’attivazione e lo sviluppo del pensiero riflessivo e ipotetico aiuta il bambino a fare chiarezza sollevando dubbi e ponendo domande rispetto ad un argomento o ad un esercizio che gli può sembrare poco chiaro, […]

... continua la lettura
Attualità

Olio di Pompei: Alberto Angela ne annuncia la scoperta

La scoperta dell’olio d’oliva più antico del mondo nei depositi del Museo Archeologico di Napoli, annunciata da Alberto Angela sul suo profilo Facebook, rischiara questi tempi di cattive notizie e polemiche spesso sterili: è di pochi giorni fa, infatti, la conferma di autenticità del campione di olio d’oliva, in cui l’amato divulgatore si era casualmente imbattuto nel 2018. Come è noto, il MANN custodisce le più ricche collezioni provenienti dagli scavi archeologici del Vesuvio; in particolare, la Collezione dei Commestibili, che conserva materiali organici edibili – ovvero forme di pane, frutti, semi e avanzi di cibo, fragilissimi e facilmente deperibili – provenienti da Pompei ed Ercolano, è tra le più complete raccolte di reperti organici di epoca romana, a lungo esposta nel corso del 2018-2019 nella mostra Res Rustica. Archeologia, botanica e cibo nel 79 d.C., concepita come un autentico percorso di archeobotanica. La sua collocazione ha conosciuto molteplici vicissitudini a partire dal Settecento: i reperti, infatti, sono stati oggetto di varie soluzioni di allestimento, dal Gabinetto de’ preziosi nelle stanze dell’Herculanense Museum, ubicato nella Reggia di Portici, dove comparivano insieme a gemme, oreficerie e preziosi vari, fino al trasferimento presso l’attuale MANN nel primo decennio dell’Ottocento, dapprima in collocazioni contestuali con vetri e oggetti osceni, poi nella Sala del Gran Plastico di Pompei, accanto ad affreschi e bronzetti scelti tra l’instrumentum domesticum, quale concreto esempio della vita quotidiana pompeiana. Un team multidisciplinare ufficializza la scoperta Ebbene, da questa collezione di raro pregio, sottratta all’ammirazione del pubblico nel 1989 a seguito della chiusura della Sala del Plastico e in parte trasferita nel Laboratorio di Scienze di Pompei, in parte riportata al MANN all’interno di camere climatizzate, è riemersa una bottiglia di vetro di epoca pompeiana, che lasciava intravedere al suo interno del materiale solidificato perfettamente conservatosi. Essa si è offerta fortuitamente alla vista di Alberto Angela, impegnato nel 2018 nelle riprese di un servizio per SuperQuark sui depositi del MANN, nello specifico presso il settore dei reperti in vetro. «Avevo intuito subito – chiarisce lo stesso Angela sul suo profilo – la portata scientifica e storica di quel reperto dimenticato nei depositi. Quella bottiglia si trovava nel Museo dal 1820, quando era stata scoperta durante alcuni scavi di età Borbonica e collocata in questi sterminati depositi assieme a migliaia di altri reperti. Di quella bottiglia si era poi persa la memoria e, soprattutto, nessuno l’aveva mai studiata». Angela prosegue, poi, dando informazioni più specifiche sulle caratteristiche del liquido contenuto nel reperto vitreo: «Non sapevo cosa fosse quel materiale dentro la bottiglia. Essendo la sua superficie un po’ in pendenza, avevo pensato che, in origine, si trattasse di una sostanza liquida e che la bottiglia, nella violenza dell’eruzione, fosse stata sepolta semi adagiata, rimanendo in quella posizione per secoli e portando quindi il liquido a solidificarsi inclinato». Ne è sorta, così, una collaborazione, promossa entusiasticamente dal direttore del Museo Paolo Giulierini, tra il Dipartimento di Agraria dell’Università Federico II di Napoli e il MANN, al fine di analizzare il contenuto della […]

... continua la lettura
Attualità

Jonathan Galindo: la nuova challenge mortale sul web

Dopo i noti fenomeni del “black web”, quali “Blue Whale” nel 2016 e “Momo Challenge” nel 2018, sembra che una nuova pericolosa challenge online si stia diffondendo sui social network: si tratta di “Jonathan Galindo”, il nuovo gioco della morte, che indurrebbe i giovanissimi utenti ad atti di autolesionismo. Dopo aver fatto la sua comparsa sulle testate giornalistiche italiane in estate, il pericolo “Galindo” torna a seminare ansia e timore tra i genitori, in seguito al suicidio di un ragazzino di 11 anni, avvenuto a Napoli lo scorso 30 settembre. Il messaggio raccapricciante lasciato dalla giovane vittima ai genitori prima di compiere il gesto estremo induce la Procura di Napoli ad avviare indagini per comprendere se effettivamente sussista un nesso tra il suicidio e la nuova challenge mortale, che stavolta vestirebbe il volto di Jonathan Galindo: «Mamma, papà vi amo, ma devo seguire l’uomo col cappuccio». Queste le inquietanti parole, che lasciano presagire il ritorno sul web di nuove impressionanti figure, che si servirebbero della vulnerabilità dei più giovani per attaccarli e spingerli ad atti inconsulti. Ma cosa o chi è Jonathan Galindo? Jonathan Galindo. Cos’è e come nasce la maschera L’ultima sinistra incarnazione delle “sfide mortali” sul web, diffuse particolarmente tra i giovani utenti dei social network, assume il nome di Jonathan Galindo. Del vecchio Blue Whale riprende il gioco autolesionista e di Momo Challenge la personificazione inquietante: in questo caso, una maschera rappresentante l’immagine di una specie di Pippo della Disney, dal sorriso sinistro e sul capo un cappuccio nero (come descritto dal ragazzino suicida di Napoli). Tale personaggio adescherebbe le sue giovani vittime (dai 10 ai 15 anni di età) richiedendone l’amicizia sui diversi profili social, da Facebook a Tik Tok. Una volta accettata la richiesta, l’arbitro della challenge esordirebbe con un messaggio privato in chat: «Vuoi fare un gioco?». Secondo alcune testimonianze, Galindo cercherebbe di approcciare alle vittime spaventandole, dimostrando di conoscerne il domicilio e anche l’indirizzo IP. Una volta adescate, entrerebbero in un circuito, dal quale sembrerebbe non sussistere possibilità di scampo: nel gioco proposto vengono lanciate sfide (le challenge appunto) e prove di coraggio, che sfociano in comportamenti autolesionisti, giungendo anche al suicidio. I ragazzini entrano pertanto in una spirale di paura e vero e proprio lavaggio del cervello, fino a un punto di non ritorno. Ma chi c’è dietro lo pseudo volto di Jonathan Galindo? Il suo nome esplode sul web nell’estate 2020, ma già nel 2017 comincia a farsene menzione, con epicentro di ricerche in America Latina. Il rinnovato interesse poi al suo nome si deve al suo successo su Tik Tok di un utente registrato nel 2019 come “jonathangalindo54”. Da quel momento, cominciano a proliferare account con nomi simili, così che Galindo, nell’estate 2020, si conferma come un fenomeno “creepypasta”, ossia una leggenda metropolitana online a sfondo macabro, con l’associazione alle challenge online che ricordano i già citati Blue Whale e Momo. Ma proprio come per Momo, il macabro travestimento nulla ha a che fare con la sfida della morte. Il […]

... continua la lettura
Attualità

Bioplastiche e plastiche biodegradabili

In un mondo sempre più attento al pianeta in cui una progettazione sostenibile è requisito necessario per ogni nuovo prodotto, le bioplastiche e le plastiche biodegradabili possono giocare un ruolo centrale. Nonostante si tratti di tentativi di miglioramento e non di soluzioni finali, questi nuovi materiali possono fare la differenza. Bioplastiche o plastiche biodegradabili? Spesso si parla di bioplastica come sinonimo della plastica biodegradabile. In realtà i due termini indicano due proprietà dei materiali differenti. La bioplastica intesa come “plastica vegetale” è un materiale interamente o parzialmente ricavato da biomassa vegetale ed è quindi di origine biologica. Ciò significa che, in quanto materiale bio-based, non sono inclusi al suo interno componenti di origine fossile come il carbone o il petrolio. Un materiale biodegradabile, invece, può essere degradato da microrganismi come funghi e batteri in acqua, gas naturali – anidride carbonica, metano – o in biomassa. La biodegradabilità dipende fortemente dalle condizioni ambientali come temperatura, presenza di microrganismi, ossigeno e acqua.  Bioplastica e plastica biodegradabile non sono quindi termini equivalenti e una proprietà non implica necessariamente l’altra. Il PLA – acido polilattico – è una bioplastica biodegradabile; il Bio Pet è ricavato da biomassa ma non si degrada biologicamente; il PBS proviene da fonte fossile ma è biodegradabile. Come distinguere dunque un prodotto bio-based da uno che si degrada in natura? La dicitura “biodegradabile” sull’etichetta deve essere legata ad una norma che specifica le condizioni e il tempo di biodegradazione. Un prodotto che soddisfa esplicitamente la norma EN 13432 può essere smaltito nella frazione umida, in quanto biodegradabile e compostabile. Un esempio di prodotto biodegradabile e compostabile è la shopper distribuita nei supermercati. Questi materiali non fanno male all’ambiente? Ci sono due principali vantaggi dei prodotti in plastica bio-based e biodegradabili rispetto alle loro versioni convenzionali: risparmio di risorse non rinnovabili e recupero alla fine della vita di un prodotto. L’utilizzo di risorse che si rigenerano naturalmente e la progettazione di un ciclo vita di un prodotto “dalla culla alla culla”, fanno sì che le plastiche bio siano di gran lunga preferite a quelle tradizionali. Nonostante gli importanti traguardi raggiunti e le sperimentazioni ancora in corso, è importante ricordare che anche le plastiche bio non sono innocue; hanno un impatto ambientale inferiore rispetto alla plastica tradizionale, ma non pari a zero. La produzione delle materie prime per le bioplastiche non è senza conseguenze. Eutrofizzazione e acidificazione del terreno per le coltivazioni della materia prima sono solo alcuni degli effetti collaterali del processo. Nel caso dei materiali biodegradabili si noti, invece, che il completo processo che porta alla degradazione del rifiuto non è immediato né rapido. Ogni rifiuto, di qualsiasi materiale esso sia, è pur sempre un rifiuto per l’ambiente. Ad ogni modo si tratta di soluzioni che rappresentano un aiuto per il pianeta e un passo in avanti per la società. Il punto che oggi gioca più a sfavore nella scelta di una plastica bio è il prezzo sul mercato. Mentre il costo delle materie polimeriche basate su risorse fossili dipende […]

... continua la lettura
Attualità

Università chiuse. Noi giovani non contiamo.

Se un paese preferisce tenere le università chiuse a discapito delle discoteche, quel paese non crede nei giovani e nell’istruzione. Ci sarebbe da ridere e anche di gusto, se la situazione attuale che molti miei coetanei stanno vivendo in questi giorni non fosse drammaticamente vera. Da quando il 4 maggio scorso è iniziata la Fase 2 della lotta al Covid-19, in tutta Italia hanno pian piano riaperto le grandi e piccole attività. In seguito, hanno riaperto i bar e i locali vari ed è persino ricominciata la Serie A. Peccato che lo stesso discorso non si possa applicare al mondo dell’istruzione. Se la scuola pubblica, già mutilata da anni di tagli e riforme scellerate, naviga in un mare di incertezze ed è stata temporaneamente risparmiata dalla scure dei divieti consentendo ai maturandi di sostenere l’esame di stato in sede, non si può dire lo stesso delle università che ancora risultano essere chiuse. Dall’inizio del lockdown a oggi gli studenti e i professori hanno dovuto fare i conti con i disagi che la didattica a distanza comporta tra lezioni ed esami, senza dimenticare il fatto che non hanno avuto accesso a libri e materiali custoditi nelle biblioteche. Perché se per alcuni la quarantena è stato un periodo fatto di pizze impastate, maratone di serie tv ed esercizi di ginnastica fatti in casa per poi divenire stories da mettere su Instagram, per gli universitari è stato un periodo fatto di sveglie all’alba per seguire le lezioni dei docenti su Microsoft Teams, di file chilometriche fuori alle librerie e alle copisterie per comprare i libri degli esami e di ore passate su di essi per studiare come sempre. Anche le sedute di laurea devono adattarsi alle misure anti-contagio, consentendo ai laureandi di portare soltanto due accompagnatori nelle aule in cui si svolgeranno le sedute. Quello che dovrebbe essere un traguardo irripetibile e un momento di gioia si ricopre di una patina amara e molti di noi trovano inspiegabile il fatto che, nonostante le misure di sicurezza adottate, usare delle aule più ampie sia fuori discussione. Infine, come se il danno da solo non bastasse, ci si mette anche la beffa. Da qualche giorno sta facendo discutere la foto pubblicata da un noto dj veronese sul proprio profilo Instagram mentre si fa ritrarre con alle spalle una miriade di ragazzi e ragazze che ballano in discoteca, senza mascherina e senza rispettare le minime norme riguardanti il distanziamento sociale. Guardando quella foto un laureando che non potrà portare con sé amici e parenti cosa dovrebbe pensare? Nulla, se non arrabbiarsi e chiedersi se le aule di università debbano rappresentare un luogo a maggior rischio assembramenti rispetto a luoghi di ritrovo in cui, oggettivamente, le norme anti-covid non possono essere rispettate. Ecco cosa i miei coetanei e io stesso, che dovrei ritenermi fortunato per essere riuscito a laurearmi in presenza poco prima che l’Italia divenisse zona rossa, critichiamo di questa situazione così paradossale. Non la riapertura dei locali in sé, che danno comunque lavoro, ma chi […]

... continua la lettura
Eventi/Mostre/Convegni

Nabilah: una grande festa virtuale per il Primo maggio

Oggi, venerdì 1 maggio, dall’antica spiaggia romana del Nabilah, una consolle suonerà in diretta. Un lungo dj set, una festa virtuale per abbracciare amici e clienti, e non solo. Un modo per restare connessi, uniti, insieme seppur nella distanza. Eroica Fenice ha intervistato l’organizzatore di quest’evento, Luca Iannuzzi. Com’è nata l’idea di organizzare una grande festa “virtuale”? “L’idea nasce dalla voglia di regalare alle persone una giornata all’insegna del divertimento, della leggerezza, della condivisione e della musica, soprattutto in questo periodo senza precedenti e nello stesso tempo raccogliere fondi a sostegno della Croce Rossa Italiana per supportarla nell’emergenza sanitaria. Organizzare uno smart Party, lavorando in smarkworking da casa, coinvolgere nel progetto tutti i collaboratori, produttori e partner, è stato piuttosto complicato sia per quanto riguarda la tecnologia sia l’organizzazione”. Durante la diretta, anche una campagna di crowdfunding lanciata dal Nabilah attraverso la piattaforma GoFoundMe a favore di Croce Rossa Italiana, una decisione degna di nota. Com’è nata l’idea di abbinare la festa al crowdfunding? “E’ un’idea nata quasi in automatico, siamo in un momento storico particolare dove il Paese è in una situazione davvero difficile e ha bisogno di tanta solidarietà e di tante risorse economiche. L’obiettivo di questo smart party virtuale è anche di diffondere il valore e l’importanza della solidarietà e della generosità con un sistema di crowfounding originale: attraverso la piattaforma GoFoundMe diamo la possibilità di dare un contributo a favore della Croce Rossa Italiana e per ogni donazione di 10 euro riconosceremo un drink omaggio da consumare al Nabilah alla riapertura. E’ un modo diverso per fare anche noi la nostra parte anche in questo momento come è accaduto in passato per altri ospedali, enti e istituti; un modo per essere presenti e vicini a chi ha bisogno e di dare un aiuto costante e coerente anche stavolta”. Una consolle che suonerà in diretta, per una parvenza di normalità, di quotidianità che non si ferma, è vero che in questi casi la musica può allietare il cuore diffondendo messaggi di speranza? “La consolle è un simbolo di speranza e un buon auspico per la fase due. Due dj si alterneranno per diffondere la speranza di un ritorno alla normalità, connotandola di un valore diverso, meno scontato. Dunque possiamo dire che il Nabilah è uno spazio di condivisione, e cos’altro? “Il Nabilah è uno spazio di condivisione coerente con la sua missione cioè l’intrattenimento: far divertire le persone, rallegrarle, regalarle un momento spensierato. Non è una missione facile, i clienti sono i nostri giudici e sono molto competenti; è necessario essere ben organizzati ed è bandita ogni forma di superficialità. Io credo che le aziende che lavorano in questo settore, soprattutto dato il momento storico, devono impegnarsi a portare avanti la propria mission di entertainement, diffondendo musica, divertimento, per tirare su il morale delle persone ed essere coerenti con gli obiettivi aziendali. Fino ad oggi siamo stati gratificati dai nostri clienti che ci hanno onorato della loro presenza, permettendoci di far crescere le nostre aziende, oggi è […]

... continua la lettura
Fun e Tech

Come avere WhatsApp nero: consigli e novità

Come avere WhatsApp nero o meglio la dark mode della rinomata chat di messaggistica istantanea, è piuttosto semplice, soprattutto se si possiede un sistema Android o iOS. Chiariamo subito che con la dicitura “WhatsApp nero” si intende la versione notturna dell’applicazione; secondo gli esperti infatti, tale versione alternativa, consentirebbe di utilizzare l’applicazione anche di notte, senza arrecare danni agli occhi e soprattutto evitando di consumare la carica del proprio smartphone. Le ultime novità dell’applicazione però, riguardano solo la versione beta, anche se presto sarà disponibile su tutti i dispositivi. WhatsApp nero, funziona sostanzialmente invertendo i colori, consentendo di utilizzare l’applicazione in bianco e nero e quindi senza colori. Per quanto riguarda il colore delle chat relative alle conversazioni presenti sul proprio cellulare, esse diventeranno grigio scuro, i font diventeranno invece bianchi, mentre i messaggi e gli spazi saranno verde scuro ed intenso, tendente al nero. Una soluzione che permetterà di utilizzare WhatsApp più a lungo, senza inficiare negativamente né sulla batteria del cellulare, né sulla propria vista, inoltre, le diverse ricerche effettuate, dimostrano che tale scelta potrebbe rivelarsi molto efficace, soprattutto perché notevolmente apprezzata dal punto di vista prettamente estetico. La modalità scura di WhatsApp è attualmente disponibile solo all’interno del programma beta, accessibile attraverso la versione 2.20.13. Può avere tale versione, sia chi ha un sistema Android, sia chi invece utilizza IOS; essa sarà accessibile a tutti (o quasi) gli iscritti, ma da quanto si apprende, il numero dei possessori sarà limitato, anche se ampliato periodicamente per consentire a quante più persone di provarla. Attivare WhatsApp nero è facile, sarà sufficiente aprire le impostazioni e selezionare la voce Tema per seleziona una delle opzioni presenti: scura, per attivare la Dark Mode, luminosa, per tornare alla versione standard, o di default per allineare i colori della chat alla Dark Mode attivata o meno sul sistema operativo. Naturalmente, anche per quanto riguarda la versione Web di WhatsApp, la conosciuta ed utilizzata versione desktop della famosa applicazione di messaggistica istantanea, sarà attivabile in modalità “nera”, grazie a pochi semplici passaggi. Sarà però necessario, avere l’ultima versione di Google Chrome o Mozilla Firefox, e un’estensione che funzioni e che permetta al tempo stesso di modificare l’aspetto di WhatsApp Web, in questo caso. Per quanto concerne le ultime indiscrezioni relative a WhatsApp nero, per ora è stato ribadito che il colore predominante potrebbe essere appunto il nero, anche se alcune fonti ufficiali fanno riferimento ad un blu molto scuro, che secondo gli esperti del settore, stancherebbe meno gli occhi, rendendo la lettura dello schermo più facile. Ricordiamo comunque che per ora la versione nera di WhatsApp è ancora provvisoria, tuttavia, la versione ufficiale dovrebbe arrivare nelle prossime settimane, magari dopo aver sistemato alcuni problemi che degli utenti hanno segnalato nella versione beta. Immagine in evidenza: pixabay.com

... continua la lettura
Attualità

Riforma della prescrizione: spunta il Lodo Conte e la maggioranza si divide

La riforma della prescrizione penale ha avuto una genesi travagliata, e anche adesso che è entrata in vigore non riesce a trovare pace. La matassa di dichiarazioni, voti e veti incrociati è quasi impossibile da dipanare, e in un complicato gioco di specchi ognuno dei soggetti coinvolti riesce ad essere contemporaneamente se stesso e il suo contrario. Con la conclusione che il 28 gennaio l’Unione delle Camere Penali sciopererà ancora una volta contro la neonata riforma Bonafede. Il vertice di maggioranza sulla prescrizione e il “Lodo Conte” Il 9 gennaio si è tenuto a Palazzo Chigi un vertice di maggioranza, in cui erano presenti il premier Conte, il ministro della giustizia Bonafede e i delegati del Movimento 5 Stelle, Partito Democratico, Liberi e Uguali e Italia Viva. Il vertice è stato convocato su sollecitazione del Partito Democratico, che riteneva necessario correggere il totale blocco della prescrizione introdotto dallo “Spazza-corrotti” ricorrendo a un meccanismo più morbido: la proposta di Delrio e Orlando consisteva nel sospendere la prescrizione per due anni in appello e per un anno dalla sentenza contro la quale si ricorre per Cassazione, per un totale di circa tre anni di sospensione della prescrizione, contro la sospensione perenne prevista dalla riforma adesso in vigore. In questo modo il PD intendeva riconoscere il principio della riforma ma bilanciandolo con la garanzia dei tempi certi per la giustizia. Il ministro della giustizia Bonafede però non lascia spiragli alla possibilità di rivedere la propria riforma, dichiarandola praticamente intoccabile, e durante il vertice vengono respinte le proposte correttive avanzate da PD, Italia Viva e Liberi e Uguali. Nonostante il rifiuto secco di Bonafede a qualsiasi intervento sulla riforma della prescrizione, rinnovato anche poco prima che il vertice iniziasse, il ministro alla fine torna sui suoi passi. Durante l’incontro giunge dal premier Conte una proposta per mediare tra le contrastanti anime della maggioranza: è il già battezzato “Lodo Conte”, che introduce un doppio binario tra assoluzione e condanna in primo grado. In caso di condanna, varrebbe la riforma Bonafede e dunque la prescrizione si blocca sine die. Nel caso di assoluzione, invece, si congela la prescrizione solo per alcuni mesi o al massimo per due anni. E ancora, per il premier ogni eventuale rettifica dovrà reggersi su due pilastri: intervenuta la prescrizione, deve essere assicurata la tutela degli interessi civili per la parte lesa, ed è obbligatorio adempiere all’impegno della totale ristrutturazione del processo penale, per giungere alla tanto discussa riduzione dei tempi processuali. Anche questa proposta porta con sé inevitabili dubbi di costituzionalità, a partire dalla disparità di trattamento tra imputato condannato e assolto in primo grado, che espone il Lodo del premier al rischio della violazione dell’art. 27 della Costituzione. Apparentemente la toppa è peggio del buco, ma tra i partecipanti al vertice si respira entusiasmo per aver comunque abbattuto il totem dell’abrogazione totale della prescrizione. La soddisfazione del ministro Bonafede per l’intesa (al ribasso) sulla prescrizione e per la maggioranza ricompattata è però ridimensionata dalle dichiarazioni dei delegati di Italia Viva […]

... continua la lettura
Attualità

Come in Slovenia stanno salvando le api

In Slovenia le api sono protette dalla popolazione e sono il motore dello sviluppo economico del Paese: un modello per la comunità internazionale. Le api di tutto il mondo sono in pericolo: pesticidi, parassiti, monocolture intensive, condizioni climatiche avverse ed estreme minacciano la loro sopravvivenza. La tutela delle api è fondamentale per il mondo e per l’uomo, e secondo gli esperti un terzo di quello che mangiamo lo dobbiamo al loro contributo. Dal centro dell’Europa, però, giunge l’ambizioso progetto di coniugare ambiente, cultura ed economia e salvaguardare questo piccolo e prezioso insetto: in Slovenia le api stanno bene e sono il motore dello sviluppo economico del Paese. La Slovenia è il Paese europeo con la più alta presenza di apicoltori, sono circa 9.600 per un totale di 12.500 alveari e 170 mila colonie di api. È tutto merito dell’ape carnica, originaria della Slovenia centrale e adatta al clima del posto, le cui doti la rendono amatissima dagli apicoltori, quasi venerata: è docile ma resistente alle malattie e con una grande capacità di adattamento. Ma soprattutto ha il raro pregio di essere sia specie protetta che garanzia di un’attività economica di successo, declinata in produzione, commercio e turismo sostenibile. Il modello sloveno La Slovenia ha dato i natali nel 1734 a Anton Janša, allevatore e pittore, considerato il padre della moderna apicoltura. Per celebrarlo, ma anche per promuovere sul piano internazionale il tema della biodiversità, nel 2017 il governo sloveno ha proposto all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite che il 20 maggio, giorno della sua nascita, fosse proclamata la Giornata Mondiale delle Api. Questo risultato è solo il coronamento del modello a tutela di questo operoso insetto messo in campo dalla Slovenia fin dall’inizio degli anni Duemila: non solo dichiarando specie protetta l’ape carnica, ma anche formando gli studenti e i cittadini con corsi gratuiti di apicoltura, così da sensibilizzare la popolazione, creare nuove professionalità e favorire la presenza di alveari urbani. L’apicoltura in Slovenia non conosce limitazioni e si pratica in campagna così come in città, dettando una moda che si sta diffondendo in tutto il mondo, tanto che città come Parigi e Londra intervengono sulle proprie aree verdi metropolitane seguendo l’esempio sloveno, e non mancano iniziative italiane come Beeing che promuovono l’apicoltura urbana per principianti. Lubiana, la capitale, conta già 300 apicoltori, e il loro numero è in crescita. I suoi 65mila alberi, rigorosamente dai fiori utili al nutrimento delle api come tigli e castagni, la rendono una delle città più verdi al mondo. Una legge speciale obbliga i residenti a piantare solo arbusti, erbe e fiori che producano polline adeguato alle esigenze delle api, e le strade cittadine si riempiono di girasoli, menta e salvia. Lo Stato sovvenziona medicinali e rimedi contro gli acari degli alveari e già nel 2011 ha messo al bando gli insetticidi che contengono neonicotinoidi, sostanze letali per le api e dannose per l’uomo, ben otto anni prima dell’Unione Europea. Questo virtuoso modello in meno di dieci anni ha mostrato i suoi risultati, e così nel 2017 […]

... continua la lettura
Attualità

La riforma della prescrizione è in vigore: cosa è cambiato

La riforma della prescrizione è entrata in vigore ma non si placano le polemiche e slitta il vertice fissato a Palazzo Chigi. Cos’era, cos’è e cosa sarà la prescrizione penale in Italia. Dal 1 gennaio 2020 è entrata in vigore la riforma della prescrizione penale, approvata dal primo Governo Conte nel gennaio 2019 e contenuta nel ddl Anticorruzione, meglio noto come “Spazza-corrotti”. Nonostante ciò, i dubbi sul contenuto e sugli effetti della riforma permangono, sia da parte degli operatori del diritto che delle stesse forze politiche, anche di maggioranza. Tra i più critici c’è il Partito Democratico, oggi alleato del M5S, che ha chiesto di rivederne il testo formulando una proposta di legge per la sua modifica, ma il vertice fissato per il 7 gennaio è stato rinviato oggi, a causa del sovraffollamento di impegni di Palazzo Chigi. La proposta, che consiste in un solo articolo, vuole ammorbidire la disposizione targata 5stelle-Lega dedicata alla prescrizione per evitare quello che è stato definito “l’ergastolo del giudizio”. Di cosa parliamo quando parliamo di prescrizione La prescrizione del reato ha come unico presupposto il decorso del tempo: trascorso un certo periodo di tempo fissato dalla legge, e diverso a seconda del tipo di reato, il reato (o presunto tale) si estingue e non viene più punito. A scanso di indignazioni, fanno ovviamente eccezione i reati puniti con la pena dell’ergastolo, che sono imprescrittibili, e questo anche prima della riforma. Dal punto di vista dello Stato, la prescrizione interviene quando si è affievolito l’interesse a perseguire un reato commesso in un tempo ormai lontano e che sarebbe anche inopportuno punire. Si aggiunga l’aspetto tecnico della difficoltà, e in alcuni casi impossibilità, di reperire prove e testimoni quando sono passati molti anni. Per l’imputato, invece, è una garanzia contro l’eccessiva durata del processo, che comporta costi psicologici, familiari ed economici considerevoli anche se si dovesse giungere all’assoluzione. Le novità della riforma della prescrizione La riforma, fortemente voluta dal Ministro della Giustizia Bonafede, è l’approdo della battaglia storica del Movimento 5 Stelle contro i tempi troppo lunghi dei processi italiani e l’uso strumentale dell’istituto della prescrizione: si applicherà ai presunti reati commessi dalla data di entrata in vigore della riforma e prevede il blocco assoluto della prescrizione dopo che sia stata emanata la sentenza di primo grado, sia di condanna che di assoluzione. Nelle intenzioni dei promotori questa misura garantirà la certezza della pena, così che nessun imputato colpevole resti impunito sfruttando il meccanismo della prescrizione. Dall’altro lato, chi osteggia la riforma sostiene che il processo successivo al primo grado di giudizio rischia di diventare potenzialmente eterno, con buona pace delle garanzie dell’imputato e della ragionevole durata del processo. In particolare, lo scenario che spaventa di più è quello di una sentenza di assoluzione in primo grado, in cui la presunzione di non colpevolezza è ancora più palpabile, che aprirà ai successivi gradi di giudizio in cui il soggetto è nella “disponibilità” del potere dello Stato per un tempo indefinito (e potenzialmente infinito). Senza dimenticare che […]

... continua la lettura