Seguici e condividi:

Eroica Fenice

Comunicati stampa

“Live – Non è la Quaglieri”: grande successo della parodia web della trasmissione TV condotta da Barbara D’Urso

La quarantena “italian style” è stata divertente grazie all’intervento di centinaia  di artisti che si sono impegnati ad intrattenere il pubblico attraverso i social. Tra questi l’attrice romana Federica Quaglieri che, non assistita da nessuno (in quanto vive da sola), ha messo su un format di quaranta puntate animato da tanti simpatici personaggi: “Live – Non è la Quaglieri”. Il pubblico, puntata dopo puntata, ne ha gradito i contenuti trascinando le visualizzazioni a centinaia di migliaia (sfiorando il picco di un milione un paio di volte). Prendendo bonariamente in giro la popolare Barbara D’Urso ed il suo “Live”, Federica ha spopolato ad esempio con la caricatura di Daenerys Targaryen, la regina in cerca di trono del “Trono di Spade”, rappresentata in groppa ad un drago “ciambella” flatulente; e con l’intervento della Signora Rosa, una donna  che vive in un paesino sperduto del Sud, alla quale  paradossalmente il virus ha portato una ventata di novità. Personaggi diventati talmente iconici ed irresistibili da essere stati convertiti in centinaia di meme che oggi circolano su Facebook, Instagram, Telegram e WhatsApp. L’attrice ha insomma riportato in auge il grande Leopoldo Fregoli, trasformista romano che nei primi del 1900 dilettava le platee grazie ad una abilità non indifferente nel caratterizzare i personaggi da lui creati. Federica Quaglieri è una professionista documentata che ha lavorato nelle fiction Rai e Mediaset, nei varietà prodotti dal mitico Adriano Aragozzini ed in contesti teatrali e cinematografici di rilievo, sempre nei ruoli da protagonista. INTERVISTA A FEDERICA QUAGLIERI Federica, stupita di questo enorme consenso? Onestamente… sì! Questo format è nato per gioco ed è cresciuto giorno dopo giorno. Nessuno dei personaggi (nove ad oggi in totale) esisteva prima. Diciamo che entrano ed escono da me, ormai quasi senza controllo. L’ironia e la comicità mi caratterizzano da sempre, e attraverso “Live – Non è la Quaglieri”  ho avuto modo di dare libero sfogo alla mia creatività. Credo che ora più che mai serve alleggerire le giornate con una risata. E io ci ho provato. Questo dovrebbe fare l’Arte: mettersi a servizio di ciò che occorre alle persone. La cosa meravigliosa è stata che la gente ha cominciato a giocare con me, e ad affezionarsi a questo web show, apprezzandone stile e contenuti. Ho tantissimi ragazzi giovani che su Instagram mi seguono, e sono diventati miei fan sfegatati. Sono davvero felice perché, in questa piccola operazione tutta mia, sono riuscita a portare a galla la mia vis comica. Barbara D’Urso, avrà mai il coraggio d’invitarla in trasmissione? Non saprei. Il format parte da lei perché all’inizio della quarantena “Domenica Live” è stato sospeso; così, ironicamente, ho proposto di sostituirlo attraverso i social per non far sentire la sua mancanza agli Italiani, già sottoposti a troppi stress. Stava per tornare in scena con la ripresa di uno spettacolo dedicato al femminicidio, un tema assolutamente non leggero, anche se affrontato in maniera inedita. Rimane ancora la voglia di sperimentare? La voglia di sperimentare è alla base della mia Arte. È il motore da cui […]

... continua la lettura
Culturalmente

Maggio dei Monumenti 2020 a Napoli: la visione oltre le catastrofi

Il Maggio dei Monumenti 2020 di Napoli sarà online La storica manifestazione culturale napoletana “Maggio dei Monumenti” a cura dell’Assessorato alla Cultura e al Turismo si svolgerà dal 2 al 31 maggio secondo le nuove modalità dettate dall’emergenza Covid-19 sui canali social (Facebook e Instagram) dell’Assessorato. Il tema di quest’anno è Giordano Bruno 20/20: la visione oltre le catastrofi. Un’edizione dedicata a Giordano Bruno, pensatore moderno, eclettico, autore di innumerevoli tesi scientifiche, teologiche e filosofiche, che inquietarono così profondamente l’ortodossia cattolica da spingere il tribunale dell’Inquisizione a condannarlo al rogo, dopo interminabili processi e audizioni, durante i quali Bruno scelse di non ritrattare mai alcuna delle sue convinzioni. Al tema si aggiunge il doveroso e sentito omaggio al filosofo Aldo Masullo, cittadino onorario della città, appena scomparso, a cui sarà dedicata la giornata inaugurale della manifestazione, sabato 2 maggio, con interventi in video del Ministro dell’Università e della Ricerca Gaetano Manfredi, del Sindaco di Napoli Luigi de Magistris, dell’Assessore alla Cultura e al Turismo Eleonora de Majo e di Nuccio Ordine, ordinario di letteratura italiana all’Università della Calabria che interverrà in diretta con una lectio dal titolo La filosofia come maniera di vivere: Masullo lettore di Bruno. Agli interventi, seguiranno contributi video sulla figura di Masullo. Come è noto, il “Maggio dei Monumenti” è una rassegna culturale che si svolge principalmente nel centro storico di Napoli, nell’arco del mese di maggio, e che prevede una serie di eventi quali visite guidate, concerti, attività teatrali, mostre ed iniziative varie, organizzate attorno ad un tema cardine, individuato di anno in anno dall’Amministrazione comunale. Con il DPCM del 31 gennaio 2020 e i successivi, a seguito del diffondersi dell’epidemia Covid-19 e la conseguente sospensione di manifestazioni, eventi e spettacoli di qualsiasi natura che comportano affollamento di persone tale da non consentire il rispetto della distanza di sicurezza interpersonale, l’Assessorato alla Cultura e al Turismo ha lavorato a ridefinire l’organizzazione e lo svolgimento del “Maggio dei Monumenti” rimodulando la manifestazione in un programma di attività artistico-culturali, che dovrà declinare l’attualità del pensiero e della parola di Giordano Bruno e che si svolgerà on line sui canali social dell’Assessorato. Questa modalità on line l’assessorato la sta sperimentando già dal 9 marzo, vale a dire dall’inizio del lockdown, con il palinsesto quotidiano intitolato #NONFERMIAMOLACULTURA che in meno di due mesi ha raggiunto circa 2 milioni e mezzo di visualizzazioni e la partecipazione di centinaia di artisti e personaggi del mondo della cultura. Maggio dei Monumenti 2020 a Napoli Per il “Maggio dei Monumenti 2020” la novità sarà l’ambientazione dei contributi culturali nei luoghi monumentali della città, noti e meno noti, nelle chiese, nei chiostri, nei teatri storici, chiaramente senza pubblico e rispettando le norme di sicurezza vigenti: la Certosa e Museo di San Martino, l’Antico Teatro romano all’Anticaglia, il Cortile delle Statue in via Paladino, il Convento di San Domenico Maggiore, la Chiesa di San Severo al Pendino in via Duomo, il Complesso Monumentale Real Casa della SS. Annunziata, l’Osservatorio Astronomico di Capodimonte, il Cimitero delle […]

... continua la lettura
Fun e Tech

Bmw parcheggia al posto tuo: il Parking Assistant conquista tutti

Ci sono brand che non tramontano, simboli di stile ed eleganza, anche nel mondo dell’automobilismo. Marchi come ad esempio Bmw, reduce da un 2019 aureo, connotato da una serie di numeri davvero interessanti. Lo scorso anno ha rappresentato una tappa fondamentale per la crescita della casa automobilistica tedesca, da cavalcare per il futuro. Anche in Italia è possibile trovare tantissimi appassionati di questo marchio, come testimoniano i dati di vendita, con un incremento del 4,8% a settembre 2019. In fondo guidare un’icona di stile non è più un tabù: sul web le Bmw, a Napoli come altrove, sono facilmente reperibili anche usate, quindi con la possibilità di risparmiare, ma senza sacrificare la qualità. E le novità tecnologiche non smettono di stupire, come il Parking Assistant, senza dubbio una delle introduzioni più rilevanti nelle vetture della Bmw.   La tecnologia vincente di Bmw: il parcheggio assistito Chi acquista una vettura della Bmw può richiedere come optional il Parking Assistant, un’introduzione hi-tech davvero interessante, oltre che pratica e molto comoda. Il parcheggio assistito, infatti, evita di fare fatica durante questa manovra, e risulta un fattore chiave soprattutto per chi storicamente ha delle difficoltà in questa fase. Il sistema funziona grazie ad una serie di tecnologie molto avanzate, il cui mix riesce ad assicurare un risultato finale impeccabile. Si parla per esempio dei sensori di prossimità che funzionano emettendo degli ultrasuoni, insieme al Remote 3D View e al Surround View. Ogni operazione compiuta durante il parcheggio viene automatizzata dall’assistente, comprese le manovre dello sterzo e la retromarcia. In sintesi, ci si trova di fronte ad una soluzione all’avanguardia e per molti già irrinunciabile.   Bmw, gli optional diventano digital La casa automobilistica tedesca non smette di stupire, ancora una volta nel nome della tecnologia. C’è infatti una seconda novità introdotta dalla Bmw, che merita un approfondimento: in futuro gli optional si potranno attivare online, con pochi e semplici click. In questo modo non ci sarà nemmeno bisogno di passare dal concessionario. Come funziona il sistema? Non è complesso, perché ricorda molto da vicino gli acquisti che quotidianamente si fanno sui vari marketplace degli smartphone, o al mondo da remoto che si vive quotidianamente.   L’automobilista può consultare una lista di app e comprare quella che reputa più interessante, accedendo al Connected Drive Store. Una volta installate, queste applicazioni permettono di espandere le funzioni della propria Bmw, come nel caso dell’Active Cruise Control. Chiaramente le novità non finiscono qui, perché Bmw nei prossimi mesi amplierà il set di app e di funzionalità sbloccabili tramite lo store proprietario, così da andare incontro a necessità sempre più grandi. Nella lista delle prossime introduzioni spiccano ad esempio il set-up sportivo e il Remote Engine Start.

... continua la lettura
Comunicati stampa

Dal 29 aprile su Believe e tutti i Digital Store esce “DILLO ALLA DANZA”

L’arte ai tempi del Coronavirus. “Dillo Alla Danza“ è la compilation che unisce la musica al ballo ed è disponibile su Believe e tutti i digital store dal 29 aprile. L’idea è di Fabrizio Silvestri, giornalista e autore Rai, presidente dell’ Associazione “Stefano Francia – EnjoyArt”; alla realizzazione del progetto ha contribuito anche Pomodoro Studio Always. Dopo aver cancellato fisicamente i festeggiamenti del 29 aprile, Giornata Mondiale della Danza, gli organizzatori hanno deciso, nella stessa data, di omaggiare ugualmente la dea Tersicore con la pubblicazione della prima compilation “Music Word Dance Day”. “Dillo Alla Danza”, da contest si è trasformata, così, in compilation: una raccolta di 10 canzoni dedicate all’arte coereutica, una preghiera in musica che giovani artisti rivolgono all’universo come gesto di devozione, richiamo simbolico dell’antichità, per omaggiare gli dei. Il 29 aprile 2020, XXXVIII Giornata della Danza, sarà la prima volta nella storia in cui ognuno festeggerà la danza ballando da solo nella propria stanza, e tutti saremo proiettati dentro il film di Bertolucci “Io Ballo da Sola”. E allora… che la festa abbia inizio con Music World Dance Day! Le 10 tracce di “DILLO ALLA DANZA” faranno ballare tutti: esperti, appassionati, intenditori e semplici amanti della danza; ognuno sceglierà il proprio stile di musica e, con la propria coreografia, esprimerà la propria emozione. “Ci piace pensare, nonostante le distanze imposte dal periodo, che l’arte, la musica, la danza, possano tenere unite le nostre anime producendo in ogni artista la forza di ricominciare, più forte e uniti di prima” ha detto il Direttore artistico Fabrizio Silvestri; un concetto, questo, avvallato anche dal presidente della Pomodoro Studio Always, Bernardo La Fonte, che ha aggiunto: “La musica è la voce dell’anima, il ballo è l’espressione del corpo e l’arte nei suoi molteplici aspetti è il ponte verso una qualità della vita migliore “. Gli artisti che hanno accettato di rendere omaggio alla danza con la loro arte sono: Alessia Annei, Deborah Italia, Roberto Funaro, Michele Longo, Giulia Muti, Blue Angels, Roberto Caprari, Hyra e Lorenzo Sebastianelli. La copertina dell’album è una gentile concessione da parte dell’artista Roberto Funaro “La Ballerina Africana”, opera in china e acquerello.        

... continua la lettura
Cinema e Serie tv

Unorthodox: trovare l’uguaglianza nella diversità

Unorthodox è la nuova miniserie del momento. Prodotta da Netflix e creata da Anna Winger e Alexa Karolinski, racconta in quattro episodi la sorprendente vita di Ester “Esty” Shapiro, una 19 di fede ulta-ortodossa chassidica, e ci accompagna alla scoperta di realtà lontanissime e stupefacenti. Manhattan è sormontata, in alcune zone, da un sottilissimo filo, invisibile per molti e di vitale importanza per altri, l’Eruv. Si tratta di una recinzione spirituale che delimita il dominio privato della comunità ebraica. Infatti, durante lo Shabbat, il sabato, agli ebrei non è concesso alcun tipo di attività, se non la preghiera. Fra i tanti divieti c’è quello che impedisce di trasportare oggetti al di fuori della propria abitazione. Così, l’Eruv estende il domicilio anche agli spazi pubblici. In Unorthodox si percepisce chiaramente come questo divieto sia in realtà più esteso e più pesante di quanto appaia. Lo capiamo ripercorrendo, passo dopo passo, la vita di Esty, una ragazza obbediente e devota, istruita allo Zaddiqu, il giusto rispetto delle regole, ma che rivela fin da subito il suo essere “diversa” rispetto alla comunità in cui vive. Si tratta di un gruppo di ebrei del movimento Satmar che, alla fine della Seconda Guerra mondiale, si sono trasferiti a New York, nel quartiere di Williamsburg, con un intento ben preciso: rinchiudersi in se stessi, dopo le profonde ferite provocate dal contatto con il resto d’Europa, per dar nuova vita a sei milioni di ebrei, gli stessi persi nell’Olocausto. Proprio questo ripiegamento verso il passato e quest’aria di dovere trasportano la vita della comunità in un contesto atemporale, chiaramente avverso a tutto ciò che è diverso. La sensazione inconscia di difformità si sviluppa in Esty di pari passo alla storia. Le piccole limitazioni dell’infanzia vengono amplificate quando compie l’età da matrimonio, 18 anni, e si trasformano in macigni sempre più pesanti perché, asfissiata dal senso di responsabilità, capisce di essere in trappola. Ma è proprio quella diversità a offrirle una nuova opportunità. Esty scappa e raggiunge la più lontana delle realtà, quasi un mondo parallelo: Berlino. La nuova città rappresenta l’antitesi perfetta della comunità: non solo è il fulcro metaforico della strage nazista, ma è colorata, moderna e senza regole. Il luogo da cui, durante la guerra, erano scappati in milioni, diviene per lei la meta salvifica. Proprio a questo punto, quando Esty trapassa fisicamente la distanza del suo mondo da tutto il resto, entriamo in contatto con la sua pura sensibilità: quella di una giovane donna che vive il cambiamento con tutti i suoi timori, con le sue contraddizioni e con forti sofferenze, piuttosto che con un’eroina fantastica capace di stravolgere la sua vita senza battere ciglia. La protagonista percepisce il peso di quel filo invisibile che sembra essere attorcigliato a lei e che la rende fragile, come fatta di cristallo. Questo aspetto è sostenuto magistralmente dalla scelta e dall’interpretazione della protagonista, l’attrice israeliana Shira Haas. Appare, infatti, capace di interpretare il suo ruolo con la giusta dose di pathos, senza eccedere nel sentimentalismo patetico e […]

... continua la lettura
Comunicati stampa

Dance for charity: l’iniziativa di beneficenza del centro Claudia Sales Labart Dance per l’ospedale Cotugno

Il Centro Internazionale Claudia Sales Labart Dance lancia “Dance for Charity”, una raccolta fondi a favore dell’ospedale Cotugno attraverso la piattaforma gofundme.com. L’occasione è la penultima diretta Instagram dell’iniziativa che la scuola di danza sta portando avanti dagli inizi di aprile. Visto il successo dei primi due appuntamenti sulla pagina @claudiasales__labartdance, il centro si è attivato per supportare il lavoro del nosocomio napoletano, attraverso la propria arte. “Siamo tra le poche scuole che non si sono mai fermate: portiamo avanti tutti i nostri corsi di danza e, attraverso una didattica a distanza, in videoconferenza tramite Zoom e Instagram, continuiamo il nostro lavoro per la cura del corpo e dell’anima – spiega Claudia Sales, direttrice artistica del centro, Responsabile Territoriale UISP NAPOLI DANZA, e rappresentante per l’Italia della Fédération Européenne de la Danse. – L’interesse dimostrato dal pubblico per le prime due dirette ci ha fatto pensare che, per concludere, sarebbe stato giusto compiere un ulteriore passo avanti”. Il link per donare è https://www.gofundme.com/f/dance-for-charity: sarà attivo fino a martedì 28 aprile, giorno della quarta e ultima diretta Instagram, dedicata al “Laboratorio di improvvisazione e composizione coreografica Metodo Sales®️”, prevista per le 17. Per questo periodo sarà disponibile sulla pagina Instagram @claudiasales__labartdance anche la lezione dedicata allo Stretching. “Chiunque potrà aiutare, anche attraverso un piccolo contributo, l’Ospedale Cotugno di Napoli, supportando la lotta al COVID-19” conclude Claudia Sales. A chi donerà l’importo più alto sarà offerta una borsa di studio di danza o un abbonamento fitness annuale (del valore di 800€ e usufruibile da subito con lezioni online) al Centro Claudia Sales Labart Dance, scuola di danza di Napoli, realtà affermata da 23 anni nel settore e spesso impegnata nel sociale. L’iniziativa non vuole rappresentare un concorso a premi, il fine è coinvolgere il maggior numero di persone, unite per combattere l’emergenza Coronavirus. #uniticelafaremo Link per donare https://www.gofundme.com/f/dance-for-charity Video #iodanzoacasa https://www.youtube.com/watch?v=8H57guSUVRM Contatti Claudia Sales Labart Dance  https://www.instagram.com/claudiasales__labartdance/?hl=it https://www.facebook.com/ClaudiaSalesLabArtDance/

... continua la lettura
Comunicati stampa

L’Antica Distilleria Petrone lancia il Petrone Clean, un igienizzante con olio essenziale di bucce di limone

Alcool non solo ingrediente di liquori ma anche elemento fondamentale, ovviamente nella versione denaturata, di un gel igienizzante per le mani, quanto mai prezioso in questo periodo di emergenza sanitaria legata al Covid-19. Si arricchisce così da lunedì 27 aprile l’offerta dell’azienda liquoristica campana, guidata dal manager Andrea Petrone, che lancia il “Petrone Clean”, un gel igienizzante per le mani realizzato, oltre che col 70% di alcool, anche con olio essenziale di bucce di limone che dà una sensazione di freschezza sulla pelle e rilascia un gradevolissimo profumo. Il Petrone Clean, ottenuto seguendo le linee guida dell’Organizzazione Mondiale della Sanità e provvisto di tutte le autorizzazioni necessarie, verrà prodotto con una linea ad esso dedicata all’interno della Distilleria. Sarà possibile acquistarlo on line sull’e-commerce dell’Antica Distilleria Petrone o presso negozi specializzati e non. Antica Distilleria Petrone Via Generale Giardino, 49 Mondragone (CE) Tel. 0823 978047 www.distilleriapetrone.it

... continua la lettura
Cucina e Salute

Benessere di coppia e libido: cosa fare quando l’intesa diminuisce

La vita con il partner è fatta di tante diverse fasi, da affrontare sempre insieme e con unità di vedute. Specie quando una storia sia caratterizzata da molti anni di convivenza, possono presentarsi delle battute d’arresto dovute a una diminuzione del desiderio sessuale. I motivi possono essere i più diversi, anche se l’indiziata numero uno è spesso la routine: l’iniziale fiamma può affievolirsi soprattutto quando la vita quotidiana si riempie di doveri e implicazioni lavorative oltre che familiari. Con i tempi sempre più stretti e i figli che richiedono costantemente maggiori attenzioni si rischia di mettere da parte il benessere della coppia, con conseguenze disastrose. La mancanza del desiderio sessuale è vissuto come un disagio serio dalle donne: volgere lo sguardo e fingere che tutto vada bene è sbagliato, bisogna affrontare il problema. Anche perché stando a quanto si legge su soluzioneonline, oltre allo stress e al nervosismo, il calo della libido femminile può essere molte volte causato da uno scompenso di tipo ormonale. Il consiglio è quello di valutare la possibilità di ricorrere a degli integratori alimentari ad hoc, realizzati con sostanze naturali, in grado di stimolare la libido e riequilibrare la vita intima femminile. Scoprire di non guardarsi più con interesse come un tempo, notare che il contatto fisico si fa sempre più raro e che le coccole diventano un bel ricordo è una sensazione da combattere. Occorre proteggere il rapporto intimo con il partner, con l’obiettivo dichiarato di mantenere unita e ben salda la coppia. Mettere al centro la fisicità e i giochi sotto le lenzuola Prendersi cura del benessere della coppia significa anche prendersi cura di se stesse. Un po’ di sano egoismo, quando sono in gioco i sentimenti, non guasta e non deve suscitare sensi di colpa. Quando si parla di disagi nella sfera intima, generalmente ci si riferisce alla mancanza di orgasmi, alla qualità del rapporto o alla carenza di lubrificazione. Spesso il calo della libido porta con sé anche dei risvolti negativi nella quotidianità e in ambito sociale: l’umore può risentirne direttamente, trasformando il disagio in un pensiero fisso che mina l’autostima. Occorre riuscire a ritagliare spazi e tempi per riaccendere l’interesse sotto le lenzuola con il partner, anche ricorrendo a giochi piccanti o parlando di fantasie sessuali senza vergogna o timore di essere giudicate. Il tatto e la manualità sono protagonisti assoluti di bagni a due, perfetti per insaponarsi e riscoprire la fisicità, oltre che di massaggi profumati e gradevoli. Spesso è sufficiente riscoprire certe sensazioni che sembravano sopite per lasciare andare i propri freni inibitori e immergersi nello stare insieme. Se valuterete di ricorrere anche all’aiuto degli integratori alimentari, sarà utile sapere che si tratta di prodotti la cui composizione – oltre che naturale – è essenzialmente basata su sostanze afrodisiache (che consentono di riequilibrare la libido). I principi attivi che contengono vanno a stimolare l’organo sessuale femminile agendo sull’aumento del flusso sanguigno e della lubrificazione, contribuendo al rilassamento della muscolatura. Scegliere di rivolgersi a componenti di tipo prettamente naturale – […]

... continua la lettura
Fun e Tech

Fatture e ordini in digitale: come risparmiare tempo e denaro

L’Italia, si sa, è la terra della burocrazia per eccellenza. In nessun altro luogo al mondo fatture, ordini, raccomandare e incartamenti vari riescono a rallentare il lavoro e a far spendere più denaro del dovuto. Ecco perché digitalizzare tutti questi processi è un bene per tutti: se la tecnologia può avere dei vantaggi, e li ha anche per le aziende meno tecnologiche, questi sono legati alla possibilità di liberarsi definitivamente della carta superflua. Ne consegue anche un abbattimento dei costi e delle tempistiche relative alle diverse pratiche. X-Order: un software per avere ordini e fatture in digitale X-Order è un software del Gruppo CTM che gestisce cicli autorizzativi di documenti usando sia il formato classico che i dati strutturati che consentono il controllo automatico delle informazioni. Tutto questo non fa che velocizzare le attività di controllo e gestione del ciclo dell’ordine. Gli ordini possono essere realizzati in formato di dati strutturati creandoli direttamente in piattaforma o integrandoli nel sistema gestionale. Per trasformare l’azienda in una digitale al 100%, X-Order permette di gestire documenti in formato tradizionale, e cioè in PDF, ma anche in formato di dati strutturati, cioè XML che vengono visualizzati come se fossero in formato tradizionale. Ciò fa sì che l’efficienza lavorativa sia enormemente incrementata. Con questo software possono essere decisi gli iter approvativi, che in genere sono soggetti ad approvazione da parte dei diversi responsabili del processo, permettendo di definirli ed impostarli in base ai diversi tipi di documentazioni, con il vantaggio di poter apporre una firma digitale prima che i documenti siano inviati all’esterno o messi a disposizione nel portale del servizio. Il grande vantaggio dato dalla gestione in formato XML è quello di poter attivare dei controlli automatici, riconciliare ordini, DDT, approvare la fatturazione con le fatture dei fornitori. I vantaggi della fatturazione elettronica e della sua gestione digitale Il grande vantaggio della digitalizzazione dei processi è quello di poter ricevere dei file strutturati, il che evita di dover ricopiare i dati delle fatture all’interno di un sistema dato che si possono leggere e controllare non appena arrivano. Ciò vuol dire eliminare del tutto il data entry, con conseguente risparmio in termini di spesa e di tempo, e dedicarsi a controllare la correttezza dei dati. E se questo non bastasse, vengono azzerati i costi legati alla stampa (fogli e inchiostro), quelli legati alla spedizione delle raccomandate e si potrà anche fare a meno di un archivio fisico.  

... continua la lettura
Comunicati stampa

RICOMINCIO DA TE: ARRIVA IL REGALO SOSPESO

#iorestoacasa è molto più di un hashtag, è una vera e propria missione per gli italiani. A missione si aggiunge poi altra missione per le donne e, perché no, anche per gli uomini: non cadere alla pigrizia, all’incuria e alla tristezza. Una missione che diventa quasi impossibile per quelle persone che purtroppo già prima facevano fatica a far quadrare i conti e che in questo periodo purtroppo fanno conti ancora più difficili con la crisi che il lock down ha provocato e con lo stress che ne deriva. A costoro è rivolta l’iniziativa #RegaloSospeso che vuol fare un dono attraverso lo “Shopping sospeso” che Marianna Bonavontà – cool hunter, imprenditrice, scrittrice e fashion stylist – lancerà tramite i suoi canali social, il suo blog e il portale “Chic Advisor” (di cui è ideatrice). Nei prossimi giorni sui profili Instagram e Facebook di Marianna saranno pubblicate delle vere e proprie “ricette di bellezza” di cui potranno usufruire tutti: trattamenti che solitamente vengono accantonati per stanchezza o scarso tempo a disposizione, tutorial per il trucco, consigli per outfit da indossare in diverse occasioni, tutoriaò di conculenti d’immagine, etc. “Chic Advisor” aprirà inoltre le porte gratuitamente a quelle aziende che vorranno aderire all’iniziativa “Shopping sospeso” informando i loro clienti che possono lasciare pagato un dono (piccolo o grande che sia: una sciarpa, una borsa, un gioiello, un capo di abbigliamento, un profumo, delle scarpe, etc.) per valorizzare quelle donne e quegli uomini che altrimenti non possono permettersi di acquistarlo in questo particolare momento… Per uscire al meglio dalla quarantena e ricominciare più grintosi di prima! I clienti che aderiranno all’iniziativa potranno accedere ad uno sconto che sarà applicato sia sui prootti acquisati per sè che sul “regalo sospeso”. Attraverso quest’iniziativa Marianna continua anche la sua operazione di recruiting di eccellenze artigianali del territorio: “Chic Advisor” è una guida il cui obiettivo è far conoscere l’essenza vera dei posti attraverso botteghe, gioiellerie, sartorie, profumerie e in generale negozi – che prendono il nome di “Chic Point” – ritenuti interessanti per le loro proposte particolari, uniche e di qualità, e per la loro intrinseca attenzione alla sostenibilità. ”Sono proprio queste realtà, spesso di entità medio – piccola, ad aver bisogno di un supporto pubblicitario in questo particolare momento di crisi economica che sta vivendo il mondo intero – afferma Marianna -. Visto che ho dovuto riporre la mia valigia in armadio per il momento ho deciso di continuare a procacciarle attraverso il web e di offrire loro la possibilità di essere conosciute stramite la mia guida, i canali social e i media partner ad essa connessi, in cui saranno inserite gratuitamente. E’ un piccolo contributo che voglio dare a questi “geni creativi” e alle persone in difficoltà che in questo momento hanno bisogno di un gesto che le faccia sentire meglio”. La lista degli e-commerce aderenti all’iniziativa sarà pubblicata sul sito www.mariannabonavolonta.com. Le aziende interessate ad aderirvi possono scrivere all’indirizzo [email protected] o chiamare al numero 3495654631

... continua la lettura
Comunicati stampa

Solidarietà, gusto e Coronavirus: l’associazione “Tra Cielo e Mare” e Antonio Goeldlin consegnano mascherine, giocattoli e uova di cioccolato al Santobono Pausilipon

L’Associazione “Tra Cielo e Mare“, fondata dalla psicologa Alfonsina Longobardi, che organizza attività finalizzate al sostegno di persone in difficoltà (tra queste l’evento “Cenando sotto un cielo diverso” che si svolge due volte l’anno), e l’imprenditore Antonio Goeldlin, leader nella produzione di divise da lavoro, hanno donato mascherine, giocattoli e uova di cioccolato ai bambini e al personale del reparto di nefrologia dell’ospedale pediatrico Santobono Pausilipon di Napoli durante il periodo pasquale. La consegna, avvenuta secondo le modalità anti – contagio in vigore, si è svolta durante la mattinata della domenica di Pasqua alla presenza del primario del reparto, il prof. Carmine Pecoraro, e del biologo nutrizionista Ciro Langella, entrato a far parte del sodalizio fondato da Alfonsina Longobardi col fine di ampliare la parte gastronomica del progetto “Cenando sotto un cielo diverso” con l’introduzione nel ricco menù dell’evento dei piatti funzionali (ovvero alimenti buoni e salutari). Antonio Goeldlin ha voluto supportare l’azione straordinaria che in questi giorni stanno svolgendo medici, infermieri e personale parasanitario mettendo in produzione mascherine che ha regalato, oltre che al Santobono, anche ai nosocomi di Nola e San Giovanni Rotondo, e che nei prossimi giorni  consegnerà a numerosi ospedali italiani.

... continua la lettura
Comunicati stampa

#nonlasciamocibullizzaredalcoronavirus: l’appello social di Marco Sentieri

Il cantante campano, in gara a Sanremo 2020 nella categoria ‘Nuove Proposte’ con “Billy Blu”, ha deciso di affidare ai social un video per sensibilizzare le persone. In queste difficili settimane di emergenza a causa della diffusione del Coronavirus, si sono moltiplicati gli appelli per restare a casa e cercare di limitare gli spostamenti e le attività per frenare il contagio. Anche gli artisti, via social, fanno sentire la propria voce. E’ questo il caso del cantante Marco Sentieri, in gara all’ultimo Festival di Sanremo nella categoria ‘Nuove Proposte’ con “Billy Blu”, brano che tratta la tematica del bullismo e considerato da molti il vincitore morale della manifestazione. Con un video postato sui suoi canali social, Sentieri invita tutti ad attenersi alle norme di sicurezza e lancia l’hashtag #nonlasciamocibullizzaredalcoronavirus: “Molti di voi mi hanno conosciuto quest’anno al Festival di Sanremo col brano “Billy Blu” che tratta la tematica del bullismo: il testo ci ha fatto capire come un ragazzo bullizzato può sconfiggere un bullo addirittura dandogli una mano” dichiara Sentieri parlando del brano che porta la firma del compianto Giampiero Artegiani, scomparso nel febbraio 2019, autore, tra gli altri, di successi come “Perdere l’amore”. “In questo periodo, in cui siamo costretti a stare a casa, ci sentiamo un po’ tutti bullizzati: ma il bullo è solamente nella nostra testa e nelle nostre paure, lo possiamo sconfiggere. In questo caso noi come possiamo sconfiggere il nostro bullo?” dichiara nel video Sentieri, che aggiunge: “Sicuramente rispettando le regole che ormai tutti quanto conosciamo: stiamo a casa il più possibile, usciamo solamente se strettamente necessario, laviamo spesso le mani, utilizziamo le mascherine soprattutto sui posti di lavoro e manteniamo la dovuta distanza: in questo modo pian piano ne usciremo fuori”. “Vorrei che in tanti condivideste questo video con l’hashtag #nonlasciamocibullizzaredalcoronavirus. Se ci uniamo, insieme, vinceremo questa battaglia: non lasciamoci vincere da un bullo!” conclude il cantante campano. Continua intanto la scalata al successo di “Billy Blu”, uno dei pezzi più trasmessi dalle radio, tra i più gettonati nella classifica di Spotify e nelle prime posizioni anche sui digital store.

... continua la lettura
Comunicati stampa

Il Provolone del Monaco Dop chiede un bonus liquidità per i prodotti stagionati

L’appello di Peretti e De Simone al Ministro Bellanova e al Governatore De Luca L’ondata di disagio provocata dall’emergenza sanitaria, che ha di fatto bloccato la vita italiana da inizio mese, sta portando ripercussioni negative (meno 40% a marzo sulla vendita) anche alle aziende aderenti al Consorzio di Tutela del Provolone del Monaco Dop. Anche se i vari decreti non hanno posto blocchi alla produzione ed alla commercializzazione dei prodotti lattiero-caseari, l’attuale situazione di vita degli italiani e la chiusura di attività strategiche per i prodotti di eccellenza gastronomica hanno di fatto ridotto le opportunità di vendita. Il direttore del Consorzio di Tutela del Provolone del Monaco Dop, professor Vincenzo Peretti, ha già le idee chiare sul da farsi: “Non vogliamo sia sprecato nemmeno un litro di latte. Per sostenere la filiera non basta dire ai consumatori di acquistare prodotti italiani; per questo facciamo appello al Ministro dell’Agricoltura Teresa Bellanova perché attivi velocemente, non solo per il Provolone del Monaco Dop ma per tutte le altre produzioni lattiero casearie 100% italiane, un “bonus prodotto stagionato”, a tutela di allevatori e produttori. Bonus che servirà ad acquistare i prodotti caseari stagionati, che a loro volta potrebbero essere utilizzati per la relativa distribuzione gratuita alle persone più bisognose”. Difficile ipotizzare cosa accadrà nei prossimi mesi come spiega il presidente del Consorzio di Tutela del Provolone del Monaco Dop Giosuè De Simone: “Davvero encomiabile il comportamento dei nostri caseifici e dei nostri allevatori. I produttori del Provolone del Monaco Dop hanno proseguito la lavorazione consapevoli di fare un investimento per il futuro. Il poter realizzare prodotti che devono essere stagionati e poi venduti più avanti nel tempo li ha spinti a continuare il normale ciclo di lavoro. Andranno avanti fino a quando avranno le celle piene”. Sui temi dell’agricoltura è intervenuta anche la Coldiretti Campania con l’appello al presidente Vincenzo De Luca: “Togli il tappo, serve ossigeno per gli agricoltori”. “Una buona proposta – conclude il direttore Vincenzo Peretti – mentre l’emergenza coronavirus fa sentire i suoi pesanti effetti sull’agricoltura, sono fermi da quattro anni per lacciuoli burocratici circa 70 milioni di euro che potrebbero dare una boccata di ossigeno a migliaia di imprese nelle cinque province della Campania. Coldiretti Campania ha già inviato dieci giorni fa una sollecitazione alla Regione, chiedendo lo sblocco delle misure a superficie, del benessere animale e della forestazione del PSR (misure 10, 11, 13, 14, 15 e 8). Serve però urgentemente chiedere al presidente De Luca, la nomina di un Commissario Agricoltura e Pesca, che lo affianchi, con pieni poteri di “fare”, presente h24 al fianco degli allevatori e delle aziende campane”. Intanto il blocco prosegue: “La legge attuale – conclude Giosué De Simone – prevede il prolungamento fino al 14 aprile. In questa data c’è purtroppo anche Pasqua e questo danneggia tutti sotto il profilo delle vendite che non saranno di certo quelle che i produttori si aspettavano per quest’anno. Un’altra categoria della quale si parla poco ma che invece lodata e ringraziata è quella degli […]

... continua la lettura
Comunicati stampa

Ischia e Procida accolgono i formaggi di Alimentale Forchetta & Cervello

Da oggi i formaggi di Alimentale “Forchetta & Cervello” sbarcano anche nelle isole del Golfo di Napoli. Il meglio dei prodotti stagionati, la maggior parte dei quali provenienti dalla regione Campania, arricchiscono anche gli scaffali dei supermercati Dok del Gruppo De Siano di Ischia e Procida, oltre che nei punti vendita sulla terraferma ubicati nei comuni di Pozzuoli e Monte di Procida. “Un evento che avevamo in programma nel periodo immediatamente precedente alle festività pasquali e che abbiamo voluto si verificasse ugualmente per alleviare i giorni di stop forzato in casa, durante quelle che sono le festività che normalmente si trascorrono all’aperto. Giornate che per le perle del Golfo di Napoli davano anche il via alla stagione turistica estiva” spiega l’amministratore di Alimentale Giuseppe Di Bernardo. Disponibile il meglio proveniente dalla linea del Pecorino Bagnolese tutelata dal bollino “Vero Filiera Sostenibile”. A partire dalla sorpresa della stagione ovvero “Il Laceno” per concludersi con gli affinati fra i quali spicca quello alla vinaccia dell’aglianico. Non mancano i prodotti molto richiesti durante la stagione primavera-estate come il Cacio dei Lattari. Le lunghe code che si vedono all’esterno dei supermercati create dal distanziamento sociale hanno anche dilatato i tempi di attesa prima di potersi aggirare fra le corsie. La speranza è quella di rivedere invece la fila dovuta alla frenesia di acquistare cose buone per la famiglia.  “Stiamo vivendo una situazione mai incontrata prima – spiega l’ad Giuseppe Di Bernardo – ed è per questo chi opera nel settore alimentare sta cercando di concentrare tutte le energie per regalare il giusto ristoro ad una popolazione privata da tempo di ogni tipo di svago lontano da casa”. Sarà una Pasqua con le usanze natalizie. Tutti al lavoro nelle cucine di casa. Pastiera e casatiello si prepareranno fra le mura amiche dopo aver acquistato l’occorrente al supermercato insieme ai prodotti della spesa ordinaria. Evitando così di uscire di casa più della situazione strettamente necessaria prevista dal decreto attualmente in vigore in Italia. “Così come è molto importante –conclude- avere la capillarità dei punti vendita in comuni vicini fra di loro. In questi giorni nei quali non si può lasciare la città di residenza per fare la spesa in quella vicina, si ha così l’opportunità di poter trovare i formaggi giusti per il tagliere della tavola del periodo pasquale e continuare a consolarsi a tavola, restando al tempo stesso fra le mura di casa come richiede l’emergenza sanitaria italiana”. Questi i punti vendita sulle isole di Ischia e Procida dei supermercati Dok del gruppo De Siano: Via Casa Fiorentino n.9 Via Castellaccio n.30 Forio d’Ischia St. Statale km270 n.84 Forio-Lacco Corso Rizzoli n.8 Lacco Ameno Via Bradolini n.10 Procida Via delle Terme n.52 Ischia Corso Garibaldi n.121 Casamicciola Prodotti disponibili anche sulla terraferma. In altri tre punti vendita della catena Dok di De Siano ubicati fra Pozzuoli e Monte di Procida sono disponibili i formaggi di “Alimentale Forchetta & Cervello”. Ecco gli indirizzi:   Via Domitiana  km55269 n.90 Pozzuoli Via Principe di Piemonte n.27 Monte di […]

... continua la lettura
Comunicati stampa

Male Capitale. La Misera Ricchezza del Clan dei Casalesi, dal 31 alle 18 sulla pagina Facebook Rogiosi

MALE CAPITALE La Misera Ricchezza del Clan dei Casalesi con Il magistrato Catello Maresca Una produzione Giapeto Editore e Rogiosi Editore  Sei puntate in prima visione ogni martedì e giovedì alle 18 sulla pagina Facebook Rogiosi Editore A partire da domani, ogni martedì e giovedì, alle 18, per tre settimane, sulla pagina Facebook Rogiosi Editore, saranno trasmesse in prima visione le puntate di “Male Capitale. La Misera Ricchezza del Clan dei Casalesi”, una produzione Giapeto Editore e Rogiosi Editore, da un’idea di Danilo Iervolino e Rosario Bianco. Protagonista delle sei puntate, della durata di 10 minuti ognuna, è il magistrato Catello Maresca. La prima puntata, in onda domani, martedì 31 marzo, introduce al progetto e avrà la voce narrante di Mirko Ciccariello. Le altre vedranno tutte la partecipazione in video e in voce di Catello Maresca, con un contributo in voce, nella quarta puntata, di Nicola Baldieri. Direttore esecutivo Oreste Ciccariello, coordinamento Mario Renza, segreteria di produzione Brunella Fiscone, montaggio Antonio Scarpato. Un viaggio a puntate tra i capitoli di “Male Capitale. La Misera Ricchezza del Clan dei Casalesi”, scritto da Catello Maresca, con testi introduttivi di Franco Roberti e Sandro Ruotolo e con una riflessione conclusiva di Nicola Graziano. Un libro onirico e insieme lucido, didascalico, che rivela al pubblico segreti, rituali e filosofia dei più spietati clan della Camorra e delle operazioni giudiziarie, che li hanno condotti in carcere. Con l’esperienza del grande magistrato e la verve affabulatoria del grande narratore, Catello Maresca tratteggia per adulti e ragazzi una Campania dove nulla è come sembra: le parole scorrono lievi, tra perle di Labuan e cachemire, canarini e alligatori, e un clan dei Caponesi sospeso tra la cucina di casa e la Chicago degli anni ’30, mentre le immagini (molte delle quali inedite) di Nicola Baldieri tratteggiano un affresco crudo e a tratti surreale, in cui tetti d’amianto e rubinetti d’oro sono due facce della stessa medaglia; di quel sommo maleficio, cioè, che l’autore combatte sul campo da oltre quindici anni. Dopo l’introduzione, inizia il viaggio con le puntate intitolate “Le armi, i soldi e le ville del clan dei Caponesi”, “I bunker: i buchi maledetti”, “Gli scheletri abbandonati e la terra violentata”, “Un messaggio di speranza”. E poi la conclusione.

... continua la lettura
Cucina e Salute

Pesce crudo e operazioni di abbattimento della temperatura: che cosa sono e perché è necessario prevederle

Le operazioni di abbattimento del pesce crudo, al pari di tutta un’altra serie di prodotti, caratterizzano la linea freddo di un’attività dedita alla ristorazione. Il pesce crudo, tipico di una tipologia di cucina come quella giapponese,deve essere trattato in una maniera specifica per preservare intatti gusto e qualità durante la conservazione. Il trattamento per eccellenza è quello che considera l’abbattimento, ovvero l’insieme di operazioni che portano velocemente il pesce ed il cibo da conservare a temperature estremamente basse, una scelta essenziale per evitare che il prodotto debba aver a che fare con la spiacevole formazioni di parassiti o di tutta un’altra serie di microrganismi pericolosi. Le operazioni di abbattimento importanti per pesce ed altri alimenti Le operazioni di abbattimento si considerano estremamente importanti nella preparazione di sushi e sashimi, ma anche in tutta un’altra serie di operazioni di preparazione e conservazione del cibo, visto che l’utilizzo del pesce crudo è ormai una realtà nella stragrande maggioranza dei ristoranti che servono prodotti ittici. Il mercato di settore propone un’ampia gamma di attrezzature professionali ad uso e consumo di attività dedite alla ristorazione. Parliamo di una linea mirata di proposte concernenti la cosiddetta ‘Linea Freddo’, che offre articoli quali banchi e tavoli refrigerati, abbattitori, armadi frigo e congelatori, macchine e banchi per il gelato, vetrine per pasticceria e bibite. Per chi è alla ricerca di un articolo specifico per la propria attività si rivela utile scorrere le pagine web della Linea Freddo su Ristoattrezzature, una proposta commerciale che è sinonimo di autentica convenienza. L’abbattimento del pesce per consumare il prodotto senza rischi per la salute La procedura di abbattimento del pesce crudo è importante perché ne va della salute di chi consuma questo prezioso alimento. Procedere nella maniera adeguata è essenziale per mantenere intatta la qualità e le caratteristiche organolettiche del prodotto. Grazie all’uso di un abbattitore è possibile far scendere la temperatura del pesce e di altri alimenti in tempi brevi. Nell’arco di 90 minuti si può  raggiungere la soglia dei 3° C, e in tempi più lunghi si può toccare quota -40°. L’abbattimento dei prodotti ittici è una procedura rigorosa e come tale deve essere eseguita nel pieno rispetto delle normative europee ed italiane in vigore. La normativa europea di riferimento è la CE 853/2004, la stessa che obbliga a portare il pesce a -20° per 23 ore. In Italia la soglia della temperatura per l’abbattimento del pesce è stata stabilita dal Ministero della Salute, così come le fasi e la procedura che portano al completamento dell’abbattimento. L’abbattimento non può essere eseguito in maniera artigianale. E’ bene sapere che nessun freezer si può sostituire ad un abbattitore professionale perché non è in grado di predisporre il pesce crudo e renderlo sicuro per essere consumato. Quando un pesce crudo si può consumare senza danni per la salute? Se abbattuto nella maniera corretta il pesce crudo può essere regolarmente consumato. In caso contrario può provocare gravi danni. Ma come si può valutare se un pesce crudo risulta adatto alla consumazione? Tre elementi […]

... continua la lettura
Comunicati stampa

L’attimo sospeso, è online il nuovo singolo di Adriana Spuria

L’ATTIMO SOSPESO IL NUOVO SINGOLO DI ADRIANA SPURIA E’ disponibile in tutti gli store e le piattaforme digitali “L’attimo sospeso”, il nuovo singolo di Adriana Spuria. La caducità degli eventi a volte è strana, in quest’attimo di condivisa «sospensione» dal quotidiano il nuovo singolo della cantautrice siciliana fotografa alla perfezione ciò che ognuno di noi sta vivendo, isolato suo malgrado in casa, in seguito alle direttive date del Governo per contrastare il Coronavirus. L’interpretazione elegante, le soluzioni orchestrali, che fondono i ritmi di Bossanova alla canzone d’autore, creano un delicato tappeto sonoro su cui scorrono parole evocative, «premonitrici» e al contempo rassicuranti, tanto da scaldarci il cuore, ascolto dopo ascolto: «Credo nei presagi delle stelle e nel coraggio di aspettare. Noi non siamo soli, siamo parte di un disegno universale e sai che novità, sai che novità, se il tempo imparerà dai nostri sbagli la ferita guarirà ma la verità, sai la verità, è andare in giro nuda e riuscire a non morire»… Adriana Spuria si è avvalsa della collaborazione di Gae Capitano (autore de “Il Dio delle piccole cose”, di Nicolò Fabi, Daniele Silvestri, Max Gazzè) per l’arrangiamento della parte musicale da lei composta. Per le chitarre è intervenuto Max Mungari, Antonio Polidoro ha pensato al mixaggio, e Claudio Giussani si è occupato del  mastering finale. ◦ Etichetta: La Fabbrika dei Sogni Produzioni Musicali ◦ Distribuzione: Pirames VIDEO: https://www.youtube.com/watch?v=Q7PH63-lE2g BIOGRAFIA Adriana Spuria comincia a cantare e a scrivere canzoni all’età di 17 anni. Con varie formazioni suona in giro per l’Italia spaziando tra cover jazz, folk, blues, rock, pop. Negli anni ‘90 lavora sia come autrice melodista che come vocalist per progetti house e dance. Nel 1997 vince una borsa di studio indetta dalla Siae per accedere al corso compositori della CET (la scuola fondata da Mogol); qui apprende una serie di parametri che caratterizzano il pop italiano ed internazionale. Comincia così a scrivere canzoni con testi in italiano. Sempre in quell’anno, firma un contratto di edizioni con la Kromaki Music, società editoriale di Radio Montecarlo e Radio 105 continuando l’attività live in giro per l’Italia. Nel 2005 Adriana decide di autoprodursi, fondando «La Fabbrika». Il primo cd «IL MIO MODO DI DIRTI LE COSE» è un album che ne rispecchia l’onestà artistica e l’eleganza creativa. Esce nel 2011 il singolo apripista «UNA DONNA» che diventa uno dei migliori 30 video/brani indipendenti, certificato dal PIV e dal PIVI (due dei maggiori concorsi di videoclip italiani) rimanendo nella Indie Music Like (classifica di gradimento di artisti indipendenti) per oltre sei settimane. Anche il successivo singolo «NON CREDO» ottiene consenso, venendo recensito in apposite rubriche discografiche di Rai e Mediaset. Nell’estate del 2018 scrive e musica di getto «SENTI – JOY», un brano pop fresco con una melodia che attinge a diversi mondi musicali.

... continua la lettura