Seguici e condividi:

Eroica Fenice

Comunicati stampa

La cheesecake di mare è già un successo!

È subito diventata virale. Lanciata sul social a inizio giugno, ha raccolto già molti estimatori e al ristorante è un tormentone la sua richiesta: parliamo della cheesecake di mare “Maria”, concepita da Giuseppe Scicchitano, alla guida del ristorante Innovative – spin-off de ‘A figlia d’’o Marenaro -,  e dedicata alla nonna materna, da cui prende il nome. Oltre a essere fatta con quelli che erano i suoi abbinamenti preferiti. In questo modo, abbiamo crumble di fresella (quella della zuppa di cozze), ricotta in salvietta (rigorosamente da latte di bufala) e tartare di gamberi, zest di limone. Una cucina mai banalmente innovativa, ma che cerca di tradurre in nuovi linguaggi il verbo della tradizione. Non facendo mai mancare un tocco di sapore puramente partenopeo, declinato in semplicità ed eleganza. La scelta delle materie prime è sempre il tratto distintivo del brand che ha fatto storia con la sua cucina di mare in tutto il mondo. “L’idea è quella di guardare avanti, pur restando con i piedi puntati nelle radici di famiglia – spiega Giuseppe Scicchitano mentre cala l’ancóra nella storica via Foria, al primo piano del civico 182 -, da cui traggo i miei principali insegnamenti e valori. Sono felice del feedback ricevuto dai clienti – conclude il giovane imprenditore napoletano -, ma soprattutto di essere d’ispirazione. Abbiamo riaperto da poco meno di un mese e devo dire che le persone cominciano finalmente a tornare alla vita di prima”.

... continua la lettura
Comunicati stampa

Apre al Vomero Your Well Food, il ristorante leggero e buono

La parola dieta fa storcere il naso a tutti, questo accade perché spesso il nostro approccio è totalmente sbagliato. È proprio da questa considerazione che nasce il concept di Your Well Food, ghost restaurant che prevede unicamente la formula asporto e delivery, e che aprirà i battenti il 18 giugno a Napoli, in via Massimo Stanzione n°43, al Vomero. La mission dell’innovativo ghost restaurant è quella sdoganare il concetto arcaico di dieta secondo il quale una corretta alimentazione debba essere necessariamente priva di gusto. L’idea di Your Well Food  è quella di cambiare approccio al concetto di “dieta” spesso inteso come regime alimentare da seguire per un tempo limitato e che spesso non sortisce i risultati desiderati.  La dieta, è molto di più, rappresenta lo stile di vita che adottiamo tutti i giorni e che si confà alle nostre abitudini, ma soprattutto al nostro palato, un modo per ritrovare equilibrio e benessere, senza rinunce. Un progetto che nel proprio DNA ha il fregio del rispetto per la salute che va coltivata tutti i giorni, e che nel contempo permetta di risparmiare tempo ed energie. Prodotti di alta qualità a filiera controllata, rispetto della stagionalità, la conoscenza delle tecniche rivolte a preservare le proprietà e il sapore delle materie prime, la vocazione al gusto, servizio di consegna celere sono al centro della filosofia di Your Well Food. Sul portale (www.yourwellfood.it) è possibile scegliere tra i gustosi piatti singoli in vetrina, oppure tra i profili alimentari precostituiti studiati ad hoc per i vari stili di vita, come:  healthy, depurativo o fitness, divertirsi nel creare diete personalizzate in base al proprio gusto, alle proprie esigenze, ma soprattutto alla propria fantasia. Se qualcosa non fosse chiaro, lo sportello on-line di Your Well Food è sempre attivo, e permette d’interagire con gli esperti del team pronti a dare suggerimenti e consigli. Ma la parte più bella riguarda la creazione di profili alimentari “su misura” messi a punto da un’esperta nutrizionista, che in 48 ore, elaborerà la dieta più adatta in base alle diverse esigenze alimentari.Dietro ogni idea, si cela un volto, spesso anche più di uno, e talvolta, quella stessa idea è il frutto di un sogno nel cassetto che finalmente prende forma. Come tutti i progetti, anche Your Well Food, ha la sua storia. Il progetto nasce da un incontro fortuito tra tre persone entusiaste, quello tra Giorgjo Comitangelo, chef napoletano che ha maturato molte esperienze sia in Italia che all’estero, l’imprenditore esperto di food&beverage Fabio Sabino e la nutrizionista Claudia Imparato, tutti e tre appassionati di cucina, anche se da punti di vista differenti, condividono la stessa convinzione:  “L’alimentazione sana, dovrebbe essere radicata nello stile di vita di tutti i giorni e non intesa come un periodo transitorio fatto di costrizioni.” Insieme decidono di intraprendere questa nuova avventura, apportando al progetto il proprio know how, ognuno con la propria competenza, ma accomunati da un’unica vincente visione, quella di affermare una realtà differente, nuova e di scardinare l’errata equazione dieta=rinuncia.

... continua la lettura
Comunicati stampa

I doppiatori Roberto Pedicini e Christian Iansante tornano a Napoli per presentare i nuovi corsi dell’Accademia del Doppiaggio   

Venerdì 3 luglio Christian Iansante dalle 10.00 sarà a Napoli per i provini degli aspiranti corsisti nella sede della scuola presso l’Auditorium Novecento ex Phonotype (via Enrico de Marinis 4). I doppiatori Christian Iansante e Roberto Pedicini, dopo il grande successo ottenuto lo scorso anno, il primo di vita della sede napoletana della loro Accademia del Doppiaggio, raddoppiano i corsi a Napoli. Quest’anno ci sarà anche un corso base oltre a quello riservato ai professionisti. Questa idea – dicono Iansante e Pedicini- ci è venuta lo scorso anno notando come il numero degli ammessi al corso a Napoli è stato basso rispetto alla grande affluenza che abbiamo registrato ai provini. Abbiamo quindi voluto dare la possibilità a tutti, anche a quelli che mai hanno avuto rapporti con il mondo artistico, di acquisire le basi tecniche per svolgere il mestiere di doppiatore grazie ad un corso base. Abbiamo voluto fortemente una sede  dell’Accademia a Napoli perché è una città che accoglie tantissimo e che ci fa sentire sempre a casa con il suo calore, con la sua poesia, con la sua nostalgia. Come il Brasile è festosa e nostalgica ad un tempo ed è la culla dell’arte per eccellenza. Siamo stati accolti in maniera eccezionale e siamo felici di offrire un qualcosa di nuovo quest’anno. Napoli è stata l’ultima città italiana in ordine di tempo ad accogliere una sede dell’Accademia già presente a Roma, Milano, Firenze, Padova e Pescara, e la scelta della sede è stata a lungo ponderata perché si cercava un luogo con una sua storia come l’Auditorium Novecento ex Phonotype casa discografica italiana fondata nel 1901 che ha visto lavorare al suo interno artisti del calibro di Claudio Villa, Eduardo De Filippo e Totò.  I doppiatori Roberto Pedicini (voce tra gli altri di Kevin Spacey, Jim Carrey e Javier Bardem, voce di Gatto Silvestro e Pippo della Walt Disney, voce ufficiale di RTL 102.5) e Christian Iansante (voce di Bradley Cooper, Ewan McGregor e Christian Bale, voce ufficiale di Radio 24 e del Canale televisivo FOX) sono alla guida del progetto. Al loro fianco un nutrito team di insegnanti. Christian Iansante sarà a Napoli il 3 luglio dalle 10.00 per effettuare i provini degli aspiranti corsisti in via Enrico de Marinis 4 negli storici studi della Phonotype. L’accesso ai provini sarà scaglionato ed esclusivamente su prenotazione per rispettare tutte le misure di sicurezza previste nei decreti ministeriali. L’obiettivo principale dell’accademia è formare persone che abbiano i mezzi e le possibilità concrete di tentare una strada tanto entusiasmante quanto complessa come quella del doppiaggio: per questa ragione la fase di selezione degli allievi risulta essenziale come base per consentire agli allievi la crescita e lo sviluppo delle loro capacità attoriali. Oltre ad una forte motivazione, essenziale in tutte le attività artistiche, vengono valutate le attitudini personali, la predisposizione per le attività di studio, le capacità e la propensione verso un lavoro delicato e profondo come quello che fa l’attore su sé stesso, prima di dar corpo, e quindi voce, ad un personaggio. Corso base: Lo scopo del corso […]

... continua la lettura
Comunicati stampa

NABILAH Beach Club: l’estate 2020 sarà piena di novità

BACOLI, NAPOLI – Il Nabilah, storico beach club campano, riapre la stagione con nuovi allestimenti e proposte. Nuova era, nuovi programmi ma sempre nella direzione di un’offerta esclusiva e di qualità. Per l’estate 2020 il Nabilah sarà beach club, cocktail bar, ristorante e soprattutto cinema sotto le stelle. In spiaggia la novità sono i gazebo-isola: eleganti strutture che mescolano la leggerezza dei tendaggi alla solidità dei materiali in legno e ferro. Sono postazioni deluxe progettate nei dettagli e cura del design, con lettone king size, poltroncine e tavolo. Pensate per le coppie e piccoli gruppi, consentono di vivere la giornata al mare in modo riservato ed esclusivo, con servizio bar, bottiglia di prosecco e frutta di benvenuto all’arrivo (disponibili tutti i giorni dal lunedì alla domenica, dalle 10 alle 18.30). Dal giovedì sera, il beach club diventa ristorante e cocktail bar per celebrare il weekend con un’offerta che coniuga ricercatezza, gusto e atmosfera: dall’aperitivo al tramonto – il più bello di tutta la costa – alla cena in riva al mare. E con la grande novità del cinema opein air. Da giovedì 18 giugno – e per tutti i giovedì sera -, sul costone di roccia tufacea che disegna l’insenatura del Nabilah, sarà di scena il grande cinema con una selezione di pellicole cult degli anni 2000: un maxi telone cinema montato praticamente pied dans l’eau e un sofisticato sistema audio garantiranno una perfetta visione. Dal giovedì alla domenica i gazebo-isola si trasformano in postazioni riservate per un aperitivo tra amici o una cena à la carte. La cucina contemporanea è di chiara ispirazione mediterranea con piatti costruiti con la consulenza dello chef stellato Pasquale Palamaro e prodotti e pescato del territorio. Particolare cura è riservata all’offerta bar che si distingue per la selezione esclusiva di prodotti premium e le ricette esclusive dei bar tender. L’entertainment del long weekend, da 15 anni fiore all’occhiello del Nabilah, è affidato a Dj Cerchietto (giovedì, selezioni live) e a Dj Aura che accompagnerà l’ora del tramonto con il suo morbido electro sound, il venerdì, il sabato e la domenica. Info, costi e orari: Beach CLUB: dal lunedì alla domenica dalle 10 alle 18.30 (Lettino spiaggia 15€ dal lunedì al venerdì e 17€ nei weekend; lettino piscina 20€ dal lunedì al venerdì e 22€ nei weekend; Gazebo isola per 2 persone: 90€ euro dal lunedì al venerdì e 130€ nel weekend). Cocktail bar: dalle 18.30 Ristorante e cinema: dalle 21 Fonte immagine: FB

... continua la lettura
Comunicati stampa

Ripartenza in bellezza con il Garbato Manuale di Make Up

Gli italiani sono stati bravi, hanno rispettato alla lettera il lockdown. Certo rimanere a casa, a lungo andare, non è risultato piacevole: esaurita la lista dei film da vedere, divorati tutti i libri in biblioteca e arrivati all’ultimo buco della cintura, man mano la noia ha iniziato a prendere il sopravvento. Le donne, poi, hanno iniziato a risentire dell’ingrigirsi della pelle e hanno trascurato gesti quotidiani come il trucco. L’epidermide in questo periodo è messa a dura prova: lo smart working, le dirette per lavoro, le chat con amici e parenti… Le donne in questo momento lamentano problemi di perdita di luminosità, pelle disidratata e secca e il contorno occhi molto affaticato, dovuto alla posizione fissa e concentrata davanti al pc o alla TV. Per chi vuole sentirsi meglio e guardarsi allo specchio in modo diverso può consultare il libro dell’esperto make up artist Salvatore Garbato, “Garbato Manuale di Make Up – Stare Bene con la Truccoterapia”, che spiega – con il rispetto e l’ammirazione che da sempre l’autore nutre per la figura femminile – come esaltare il proprio viso senza “strafare”. “L’umanità può vivere senza la scienza, può vivere senza pane, ma soltanto senza la bellezza non potrebbe più vivere, perché non ci sarebbe più niente da fare al mondo!”, queste le parole di incoraggiamento del noto truccatore. Questo manuale può essere utilizzato anche da donne che purtroppo hanno una salute cagionevole, come le donne in terapia oncologica: l’autore lo ha scritto pensando a come alimentare la loro autostima… “Perchè la bellezza non dipende solo dai tratti somatici, è la concretizzazione dell’armonia che è insita in ogni donna e che si può esternare attraverso la valorizzazione di sè e il buon senso“, conclude Salvatore. Insomma, c’è bellezza in ognuno di noi! Può sembrare una frase fatta, ma non lo è: basta leggere le prime pagine del libro per rendersene conto. SALVATORE GARBATO Il make-up artist  Salvatore Garbato è bravo dietro e davanti le quinte: truccatore delle star e protagonista di  programmi targati Rai, Sky e Mediaset. Si è brillantemente distinto nella trasmissione “Una poltrona per due”, talk show prodotto dal mitico Adriano Aragozzini che è andato in onda sul canale tematico Rai Extra, ove impersonava il ruolo, a lui assai congeniale, del grande conoscitore dell’estetica e delle sue regole. Si è appassionato al trucco in tenera età. Ha lasciato la Calabria (precisamente Corigliano, paese dove è nato) molto presto per dirigersi a Milano, dove ha appreso i segreti del mestiere grazie agli insegnamenti di Diego della Palma a Stefano Anselmo. Ha truccato donne bellissime come Mariangela Melato, Rossella Falck e Gigliola Cinquetti. Nel 1997, durante il suo “periodo romano”, ha conosciuto donna Teresita Garibaldi, la nipote dell’“Eroe dei due mondi”, donna di grande spessore e cultura; nel suo salotto ha incontrato Maria Giovanna Elmi che è poi divenuta la sua madrina artistica. Con lei ha iniziato a lavorare per il teatro e la televisione. Ha truccato per le maggiori riviste internazionali (Chi, Di Più, Diva e Donna, etc. ) numerosissimi volti noti tra i quali Laura Lattuada, […]

... continua la lettura
Nerd zone

Come funziona la pompa dell’acqua

La funzione della pompa dell’acqua di un veicolo può essere paragonata al cuore del corpo umano, in quanto è responsabile della distribuzione del flusso d’acqua all’intero sistema di raffreddamento di un motore. Se questa parte presenta qualche tipo di problema, il liquido può surriscaldarsi, spesso bollendo, il che può bruciare la guarnizione della testa, causando una perdita enorme per il proprietario. Nel post di oggi spiegheremo cos’è la pompa dell’acqua e cosa fa, come funziona e l’importanza della manutenzione preventiva di questo componente. Continua a leggere e fai le tue domande!   Che cos’è e cosa fa la pompa dell’acqua? La pompa dell’acqua è una parte fondamentale del funzionamento dell’auto. Ha lo scopo di far circolare il liquido di raffreddamento e l’acqua per raffreddare, costantemente e in modo appropriato, il che impedisce al motore di surriscaldarsi, garantisce i livelli di temperatura corretti e garantisce il miglior funzionamento. Tutti i veicoli hanno un motore che produce inevitabilmente una quantità molto elevata di calore e necessita di un raffreddamento continuo. I componenti della pompa dell’acqua sono responsabili del mantenimento stabile della temperatura del motore. Qualsiasi problema con la pompa, che consiste in un asse centrale e bracci di supporto (uno che va al motore e l’altro che si estende al radiatore), può surriscaldare il motore e causare seri problemi alla tua auto, incluso il rischio per la sicurezza di il conducente e i passeggeri. Se c’è un problema, una luce accenderà sul cruscotto dell’auto. Non ignorarlo!   Come funziona? La pompa dell’acqua di un’auto rimuove l’acqua dal nucleo di raffreddamento o ventilazione incorporato nel motore e la inietta direttamente nel radiatore, trasferendo il calore dall’acqua alle piastre, dissipando tutto il calore esistente. Per questo, viene utilizzata acqua che, insieme all’additivo per radiatori, rende il liquido ancora più adatto a svolgere la sua funzione quando si tratta di evitare il surriscaldamento del motore. Il suo funzionamento è eseguito da una cintura, attivata quando l’auto è in uso. Questo processo è completato sul ventilatore. Senza di essa, il motore del veicolo può facilmente surriscaldarsi, danneggiando molti altri componenti.   Quali sono i rischi di non funzionamento? Quando la pompa dell’acqua non funziona correttamente, il flusso del liquido di raffreddamento viene interrotto, il che può compromettere le prestazioni dell’intero sistema di raffreddamento e compromettere la vita del motore. Questo perché il liquido di raffreddamento non circola e, di conseguenza, non viene raffreddato nel radiatore, causando il surriscaldamento.   Per questo motivo, è estremamente importante essere consapevoli di eventuali rumori, perdite e condizioni della cinghia di attivazione della pompa dell’acqua. Se devi ordinare una nuova pompa dell’acqua per auto o un altro ricambio auto, controlla: negozio online di ricambi auto Autopezzistore.it.

... continua la lettura
Comunicati stampa

Il Riff riparte aderendo all’iniziativa di Illy e offrendo un caffè ai propri clienti

In seguito all’Emergenza Covid-19, a partire dal 27 aprile è stato possibile in Italia aprire le porte di alcune attività, in particolar modo quelle di ristoranti e bar, penalizzati soprattutto in Campania. Durante la pandemia, infatti, Vincenzo De Luca, Presidente della Regione Campania ha dato disposizione di chiusura anche dei ristoranti, eliminando la possibilità del delivery. Seppure con alcune misure restrittive, pian piano è stato possibile ricominciare. Il 3 giugno, con il via libera degli spostamenti tra regioni, è stata decretata quasi la fine ufficiale della quarantena, della distanza obbligata e la conclusione delle restrizioni sul territorio italiano e non solo. Per celebrare una giornata così importante, la torrefazione d’eccellenza illycaffè ha deciso di offrire una tazzina di caffè a tutti gli italiani. A Napoli, molti bar, tra cui il Riff in Via Giuseppe Martucci 87, hanno aderito all’iniziativa promossa da Illy, per cui il 3 giugno il bar dalle ore 8 offrirà a tutti i suoi clienti un caffè. Si tratta di un’occasione per iniziare la giornata con il piede giusto e festeggiare insieme il ritorno alla “quasi” normalità. Il caffè, infatti, da sempre e soprattutto per i napoletani, rappresenta convivialità e unione. L’iniziativa di Illy Attraverso l’iniziativa OffriAmo noi, l’azienda Illy desidera essere vicino alle attività commerciali che dopo due mesi di chiusura stanno cercando di reagire alle difficoltà economiche. Si tratta di un gesto simbolico che ha come obiettivo il senso di aggregazione. “Un valore che accomuna illycaffè ai suoi bar è il desiderio di offrire a tutti il meglio di noi. E possiamo riuscirci solo grazie all’impegno e alla competenza professionale di chi trasforma ogni giorno il nostro prodotto in una tazzina”, queste le parole dell’Amministratore Delegato di illycaffè Massimiliano Pogliani.

... continua la lettura
Comunicati stampa

Inaugura il ristorante "Acquerello" presso la galleria "Le Pendici" a Ercolano

Il ristorante “Acquerello” apre le sue porte sabato 30 maggio all’ultimo piano della galleria “Le Pendici” ubicata a Ercolano (in provincia di Napoli). Una location con vista sulla skyline vesuviana e un menù creato per sublimare attraverso l’alta cucina prodotti e produttori locali. A dirigere la brigata c’è lo chef Antonio Borrelli, che rende omaggio agli ingredienti italiani, soprattutto campani, declinandoli in decine di modi diversi e creando così piatti stagionali che sorprendono per la particolarità dell’estetica e del gusto. Al bando il menù cartaceo, le carte del ristorante – aperto a cena tutti i giorni tranne il lunedi, giorno di chiusura -, sono rigorosamente digitali. Le portate possono essere degustate singolarmente oppure attraverso un menù degustazione, accostate a cocktail appositamente studiati oppure a ottimi vini. La famiglia Irollo ha pensato ad “Acquerello” come un polo animato da una grande comunità unita dalla cultura e dalla volontà di valorizzare la ricchezza delle eccellenze artigiane campane e italiane. Stefano, Luigi e il loro papà, soci nell’impresa, hanno voluto trasferire la ricchezza della cultura artigianale campana e italiana sia nel décor, sia nella proposta gastronomica di fascia alta. “La cucina e l’ospitalità hanno il ruolo fondamentale di promotrici del buon vivere e della coesione sociale, temi più che mai attuali per la ripresa del nostro Paese – spiegano i fratelli Irollo -. Ci auguriamo che tra gli insegnamenti che possiamo trarre da questa delicata esperienza che stiamo vivendo ci sia anche un nuovo approccio all’alimentazione, più consapevole e rispettoso del territorio ed, in generale, della natura“. “Non dobbiamo pensare a quello che non si può fare e a quello che si è perso: dobbiamo concentrarci su quello che si può fare. Vogliamo restituire a chi si vorrà concedere una fuga culinaria in città il gusto e la gioia di vivere“, questa la loro mission per il futuro prossimo. Nei piatti si avverte una commistione tra materie prime più ataviche risvegliate da cotture innovative dalle quali vengono fuori combinazioni extra-ordinarie. “Rinascere attraverso la cucina e recuperare l’heritage del territorio sono gli spunti dai quali sono partito per creare il menù di Acquerello – spiega lo chef Antonio Borrelli -. Esso varierà in base ai prodotti locali disponibili. Collaboriamo con i produttori della zona per dare massimo sostegno alla filiera ed abbattere gli sprechi. In quest’ottica alcune portate saranno arricchite da un pairing speciale: non solo vini, ma anche soft e long drink prodotti con materie prime locali creati dal bar manager Elpidio Dell’Aversano“. Lo stile del locale è contemporaneo, reso unico da elementi d’impatto, pezzi d’arredo caratteristici e materie prime singolari: legni, cristalli, tessuti, quadri provenienti da tutta Italia. In ottemperanza ai protocolli vigenti, per consentire la massima distanza tra i tavoli è stato creato anche un pop-up restaurant all’aperto con tavoli spaziosi, tutti rigorosamente “vista Vesuvio”. Per l’opening di “Acquerello” l’azienda adotterà tutte le misure anti – Covid 19 indicate nei protocolli nazionali e regionali, al fine di garantire la massima sicurezza dei clienti e del personale.

... continua la lettura
Comunicati stampa

McArthurGlen Italia, Il ritorno ad una «nuova» normalità

Ora che è di nuovo possibile incontrarsi e condividere del tempo insieme, McArthurGlen pensa ad una “nuova” normalità che consenta di fare shopping in famiglia o con gli amici con la sicurezza che siano rispettate tutte le misure sanitarie essenziali per garantire un ambiente sicuro. In virtù di queste garanzie ed in conformità delle misure igienico sanitarie attuate dal gruppo McArthurGlen, i 5 Designer Outlet italiani hanno riaperto al pubblico da lunedì 18 maggio. Il grande vantaggio dei Centri McArthurGlen è proprio la qualità unica della shopping experience che viene proposta. Il concetto: villaggi pedonali e all’aperto in cui si concentrano in un solo luogo tra 120 e 240 negozi dei principali marchi italiani e internazionali, che offrono le loro collezioni delle stagioni precedenti con uno sconto dal 30% al 70% garantito tutto l’anno. McArthurGlen riunisce nei suoi centri marchi come Nike, Armani, Hugo Boss, Calvin Klein, Moschino, Versace, Dolce & Gabbana, Prada, Levi’s, Polo Ralph Lauren … e molti altri. Joan Jove – Managing Director per il Sud Europa: “Ritorno ad una “nuova” normalità – In qualità di partner di ogni regione in cui siamo presenti e di importante attore in termini di occupazione a livello locale, siamo lieti di tornare ad accogliere i nostri visitatori che possono nuovamente passeggiare nei nostri centri in un’atmosfera sicura, riscoprire la nostra proposta di marchi italiani ed internazionali e approfittare delle nostre offerte vivendo un momento di condivisione in famiglia o con gli amici, nel più rigoroso rispetto delle regole sanitarie”. Grazie alle misure di sicurezza implementate e al personale di tutti i negozi, i visitatori sono accolti nel rispetto delle condizioni ottimali di igiene, dalle 10 alle 20 (da sabato 30 maggio), dal lunedì alla domenica nei 5 Designer Outlet McArthurGlen in Italia: Barberino, Castel Romano, La Reggia, Noventa di Piave e Serravalle. La sicurezza e il benessere di clienti, Brand Partner e dipendenti è la priorità di McArthurGlen. Ecco perché, oltre a seguire scrupolosamente le raccomandazioni delle autorità sanitarie, nei 5 Designer Outlet sono state disposte misure con l’ausilio di squadre di manutenzione e sicurezza potenziate: Una buona igiene è essenziale per ridurre al minimo la diffusione del virus, per questo McArthurGlen ha aumentato la frequenza di pulizia delle aree comuni e prevede in tutti i centri distributori di gel igienizzanti per le mani. I servizi igienici sono disinfettati dopo ogni singolo passaggio. McArthurGlen richiede a tutti i suoi dipendenti e visitatori di mantenere una distanza sociale minima di 1m. Ogni Brand partner è tenuto a gestire il numero di clienti presenti nel suo negozio in conformità delle disposizioni governative, per consentire il rispetto delle regole di distanza sociale le code davanti all’ingresso di ogni negozio sono regolamentate da un’apposita segnaletica disposta sul pavimento. In base alle disposizioni governative, l’accesso ai Centri non sarà consentito ai visitatori con temperatura superiore a 37.5°. Presso l’outlet di Castel Romano la misurazione della temperatura all’ingresso è obbligatoria. La mascherina è obbligatoria nei punti vendita e obbligatoria o fortemente raccomandata nei Centri sulla base delle diverse ordinanze regionali. I guanti sono necessari per […]

... continua la lettura
Comunicati stampa

Le mascherine alta moda dello stilista partenopeo Luigi Bruno a favore dell’associazione Salvamamme

Proteggersi “con il cuore”: lo silista sostiene il progetto “La valigia di Salvataggio” LA VITA È UN BALLO “IN MASCHERINA“ Le mascherine alta moda del couturier partenopeo Luigi Bruno L’estro dello stilista Luigi Bruno è inarrestabie: il noto couturier partenopeo in questi mesi, oltre a continuare a ideare e produrre abiti da sposa e di alta moda, ha disegnato e messo in produzione una linea di mascherine (alcune abbinate ai suoi vestiti) che sono pensate per un ballo in maschera ma che sono a tutti gli effetti delle mascherine di comunità, ovvero “mascherine lavabili in materiali multistrato idonei a fornire un’adeguata barriera e, al contempo, che garantiscano comfort e respirabilità, forma e aderenza adeguate che permettano di coprire dal mento al di sopra del naso” (prodotte ai sensi dell’art. 16, comma 2, del D.L. 18/2020, sotto la responsabilità del produttore che ne garanisce la sicurezza). I materiali utilizzati per la loro creazione non sono noti per causare irritazione o qualsiasi altro effetto nocivo per la salute e non sono altamente infiammabili. Luigi, estroverso e geniale, ha vestito numerose donne dello spettacolo: Maria Giovanna Elmi, Alessandra Canale (per la quale ha disegnato l’abito nuziale), Matilde Brandi, Annalisa Minetti, Brigitta Boccoli, Nadia Bengala, Demetra Hampton, Eleonora Cecere, Naike Rivelli, Donatella Rettore, le compiante Marta Marzotto e Monica Scattini; e poi numerose principesse, contesse, marchese, direttrici di giornali, giornaliste, inviate televisive, etc. Ha partecipato a diversi programmi Rai e si è divertito accanto a Pupo su Sky in un campo non suo (la cucina). La sua collezione dedicata alle dive del cinema ha varcato l’oceano, è una delle più ricercate dai collezionisti. L’abito “Italia” fu esposto al Metropolitan Museum of Art (MET) di New York nel 2011, anno delle celebrazioni per i 150 anni del nostro amato Paese. Gli abiti griffati “Luigi Bruno Haute Couture” vestono le donne residenti in diversi paesi del mondo: Italia, Inghilterra, Argentina, Scozia, Germania, Corea, Emirati Arabi, Norvegia, Finlandia. Perciò anche le sue mascherine in versione deluxe sono già sul volto di migliaia di persone che vogliono tutelarsi e tutelare dal contagio, ma con stile. Non si tratta di semplici mascherine usa e getta, ma di dispositivi che rispondono a pieno alle linee guida dettate dalle istituzioni e realizzate con tessuti lavabili. Parte del ricavato della loro vendita sarà devoluto in beneficenza all’associazione “I Diritti Civili nel 2000, Salvamamme Salvabebè” per supportare il progetto “La valigia di Salvataggio”. “Invito le donne a proteggersi ‘con il cuore’ – dichiara lo stilista -. Indossando le mascherine che ho realizzato potranno tutelare loro stesse e contribuire ad una giusta causa“.   LA VALIGIA DI SALVATAGGIO – Associazione Salvamamme “La Valigia di Salvataggio”, è il progetto dell’Associazione Salvamamme rivolto a donne in fuga da situazioni di violenza. Donne che subiscono violenza da parte dei mariti, compagni o ex partner, che hanno lasciato la casa in cui vengono maltrattate. Ad ognuna viene donata una valigia per ricominciare piena di beni di prima necessità, informazioni salvavita e molto altro: l’essenziale per chi, con coraggio, ha deciso di contrastare la violenza, in fuga, magari senza nulla, ma mai sola. La valigia, e tutto ciò che essa contiene, […]

... continua la lettura
Comunicati stampa

Dopo il lockdown il gruppo Ciro Amodio inaugura il primo negozio “PREZZO VERDE”

NAPOLI – Un’impresa di famiglia che ha a cuore i propri clienti. E’ questo il segreto del successo dell’azienda Ciro Amodio, brand leader del settore agroalimentare campano da cinque generazioni, che dopo il rigido periodo di lockdown ha deciso di lanciare il “Prezzo Verde”: prezzi fissi e altamente competitivi, applicati su tutti i prodotti e tutti i giorni dell’anno, pensati per agevolare le famiglie nell’acquisto di beni di prima necessità. Un progetto al passo con i tempi, dettato dalla voglia dell’azienda di essere al fianco dei propri clienti in momento particolare come quello attuale. Il primo punto vendita della catena che aderisce all’iniziativa prezzo verde è Ciro Amodio Kerbaker, al civico 98 del quartiere Vomero, dove dal 21 maggio è possibile fare una spesa all’insegna della massima convenienza quotidiana, lontana dalle logiche dell’offerta a tempo. <Qualità, freschezza, sicurezza alimentare, genuinità e convenienza sono i valori su cui abbiamo costruito la storia dell’impresa di famiglia, con Prezzo verde andiamo ancora oltre proponendo ora alla nostra clientela prezzi altamente competitivi ma non a tempo, fissi, per tutti i giorni, per poter fare la spesa sempre con grande serenità>, spiega Fausto Amodio, Amministratore di Ciro Amodio. Nel negozio si potrà scegliere tra un’ampia offerta di prodotti: i tradizionali latticini freschi, i formaggi, e i salumi prodotti direttamente negli stabilimenti Ciro Amodio da filiera controllata, una selezione di carni, pizza e pane fresco di molteplici varietà prodotto con farine biologiche macinate a pietra e lievito madre sfornato più volte al giorno, e i prodotti a marchio Ciro Amodio frutto di un’attenta ricerca di fornitori su tutto il territorio nazionale per garantire sempre qualità e buon prezzo. Completano l’offerta il settore gastronomia e le specialità take-away, nonché il servizio a domicilio. La storia della famiglia Amodio inizia nel 1825 con una piccola produzione artigianale di latticini nel cuore del Parco Regionale dei Monti Lattari. Ancora oggi, dopo cinque generazioni, è l’intera famiglia che si occupa dell’azienda che negli anni è diventata un fiorente gruppo di imprese industriali e commerciali pur restando fedele a valori come qualità, ricerca e convenienza. Oggi il brand Ciro Amodio conta 60 punti venditi in Campania, di cui il 90% a Napoli centro e provincia, e il resto a Salerno, Caserta, Nocera e Cava dei Tirreni, tutti immediatamente riconoscibili dal simbolo della “Mucchetta” felice. Sono negozi di puro vicinato, sotto casa, pensati per una spesa quotidiana di prodotti prevalentemente freschi di giornata che punta alla fidelizzazione della clientela, sempre al centro del progetto. La mission aziendale si fonda su un quotidiano impegno finalizzato al costante miglioramento della soddisfazione dei clienti attraverso un servizio efficiente ed attento alle loro richieste e ai trend di mercato. Altrettanto impegno è dedicato a garantire gli elevati standard qualitativi dei prodotti di cui il gruppo cura e controlla con la massima attenzione ogni fase del processo di produzione e selezione in laboratori certificati. La dinamica ed efficiente organizzazione logistica, governata sempre direttamente, assicura la consegna dei prodotti freschi nei punti vendita tutti i giorni e spesso anche due volte al giorno.

... continua la lettura
Comunicati stampa

Salotto Fiorentini 21, giovedì 28 focus su Dries Mertens e mercato

Durante il lockdown ha avuto un grande successo, collezionando 270.000 visualizzazioni a settimana e realizzando 60 puntate. “Salotto Fiorentini 21” ora duplica, grazie alla partnership firmata tra lo Studio Professionale Fiorentini e l’Espresso napoletano. Il talk show 2.0, ideato da Ezio Stellato, in collaborazione con Daniele D’Ambrosio, incontra il favore dell’imprenditore Rosario Bianco e diventa l’appuntamento settimanale del giovedì, in doppia diretta streaming sulle pagine Facebook di Espresso Napoletano e Salotto Fiorentini 21. La nuova serie del talk show 2.0 inizia giovedì 28 maggio, alle 18.30, e apre con un titolo accattivante e trasversale, richiamando l’attenzione del numeroso popolo dei tifosi: “CALCIO: le possibili evoluzioni del mercato con focus su Dries Mertens, grande giocatore e uomo di alto valore morale”. Ne discuteranno Rosario Morra (Gigi & Ross)(attore), Francesco Fimmanò (avvocato) e Guido Trombetti(già rettore della Federico II). A moderare il talk show sarà il giornalista Pier Paolo Petino, direttore responsabile dell’agenzia Videoinformazioni. In piena emergenza Covid 19, Salotto Fiorentini 21 si è proposto come un servizio alla popolazione che faticava a trovare sicurezze in un periodo di forti dubbi e, soprattutto, è costretta ad avere a che fare con argomenti di non semplice comprensione. Il Salotto Fiorentini 21 ha rappresentato uno strumento sia di delucidazione per chi vuole capirci qualcosa in più sia di consulenza per chi si trova a gestire crisi d’azienda. Il talk digitale ha offerto il massimo della competenza, consapevole di avere l’arduo compito di dover dare risposte, proporre soluzioni e non lasciare l’intera economia del paese al totale sbaraglio. Per raggiungere tali obiettivi lo Studio Professionale Fiorentini, che oltre a Stellato e D’Ambrosio è composto da Marco Fiengo e Massimiliano Nesci, ha scelto un approccio sinergico con lo Studio Legale Fimmanò, e, soprattutto, ha affrontato le questioni, come sottolineano gli ideatori del progetto, con grande passione e cercando di creare empatia. Da qui anche l’idea di ospitare comici e giornalisti di altri settori per rendere più leggere alcune dirette.

... continua la lettura
Comunicati stampa

Associazione dei Ristoratori di Positano: “I protocolli vigenti non permettono di riaprire… Non per questo ci fermiamo!”

A fine marzo gli operatori turistici di Positano si sono riuniti per formare una nuova associazione di categoria con l’obiettivo di pensare, ripensare e reinventare il loro settore di appartenenza, all’insegna della massima sicurezza verso i clienti e i dipendenti. Tale sodalizio ha preso parte alle riunioni della Regione, comunicato agli enti locali e nazionali le  preoccupazioni degli associati e fornito costantemente spunti e proposte. Sebbene le indicazioni contenute nel DPCM 17.05.2020, nelle ordinanze regionali n. 48 del 17.05.2020 e n.49 del 20.05.2020, e nei diversi protocolli di sicurezza elaborati da INAIL e Regione Campania lasciano intravedere un’apertura nei confronti del settore turismo, a Positano sono state comunque riscontrate delle oggettive limitazioni operative, che si scontrano con le precipue caratteristiche degli storici locali ivi ubicati e del modo di intendere ristorazione e sicurezza in questo posto. Allo stato attuale, i protocolli vigenti dunque non permettono agli operatori, pur volendo, di riaprire in totale serenità per i collaboratori e per i clienti. “Non per questo ci fermiamo – affermano i rappresentanti dell’Associazione dei Ristoratori di Positano -. Come noi, continua a lavorare anche il Coordinamento delle Strutture Ricettive di Positano, a rappresentanza degli interessi di un altro settore cardine della accoglienza turistica. Insieme, continuiamo costantemente a combattere e a rappresentare Positano nelle sedi adeguate, per trovare le soluzioni più adeguate a contemperare le diverse esigenze di sicurezza e di ripresa economica delle nostre attività e, di riflesso, del nostro stupendo Paese“

... continua la lettura
Fun e Tech

Cos’è un antivirus?

Certo, in questo periodo storico, quando parliamo di virus, il primo pensiero corre ovviamente al Covid 19 e alla pandemia che ci ha costretto tutti in casa per moltissimo tempo. Fino a pochi mesi fa, invece, la parola virus era per noi un immediato riferimento ad un problema legato al nostro computer. Va detto, in ogni caso, che proprio in questa fase di lockdown la nostra attività con computer e smartphone si è intensificata, sia per diletto, e quindi per aiutarci a trascorrere serenamente il tempo in casa, che per lavoro, poiché molti hanno continuato la propria professione in smart working. I vantaggi ed i rischi di un mondo iper connesso Vivere in una società che ha la possibilità di rimanere sempre in contatto anche da remoto ci ha sicuramente permesso di poter affrontare meglio, o almeno limitando i danni, una situazione come quella attuale in cui è stato impossibile incontrare altre persone. Abbiamo potuto vedere i nostri parenti ed i nostri amici grazie alle videochiamate, fare una serie infinita di call con i clienti per organizzare il nostro lavoro in vista della ripresa, e anche gli studenti hanno avuto la possibilità di continuare a studiare con i professori grazie ai tantissimi programmi utilizzati per le videolezioni online. Tuttavia, in una realtà che sempre di più fa ricorso al web e alla connessione ad internet per interfacciarsi, lavorare o chiacchierare, il rischio di incappare in virus, malware e trojan provenienti dall’esterno è decisamente elevato. Proprio per questa ragione, quella che prima era una scelta decisamente consigliata è diventata ora una necessità improrogabile: dotare i propri dispositivi elettronici connessi alla rete di un antivirus affidabile, sicuro e che non rallenti in modo rilevante le prestazioni dei nostri device. Cos’è un antivirus Un antivirus è un software che, una volta installato sui nostri apparecchi, scandaglia il sistema operativo, la nostra memoria ed in nostri hard disk, sia fisici che virtuali, sui quali sono allocati i nostri file e i nostri documenti per verificare l’eventuale presenza di virus, trojan, spyware, malware e ogni forma di elementi che possono risultare dannosi, talvolta anche in modo grave, per il buon funzionamento del sistema su cui stiamo giocando o lavorando, per evitare malfunzionamenti o intrusioni non gradite dall’esterno. Le soluzioni sono tantissime, come ad esempio quelle offerte da www.seeweb.it, e a noi rimane il compito di scegliere i software più affidabili, valutando i costi, la funzionalità e la facilità di installazione e di utilizzo.    

... continua la lettura
Comunicati stampa

L’antica pizzeria da Michele festeggia i suoi primi 150 anni con una mostra virtuale

Nel giorno della riapertura al pubblico, la storica pizzeria si trasforma in un piccolo museo virtuale, accessibile da tutto il mondo attraverso il sito www.micheleintheworld.com L’antica pizzeria da Michele compie 150 anni nel 2020 e inaugura i festeggiamenti con una mostra virtuale, accessibile a tutti. L’inaugurazione ‘digitale’ avviene nel giorno della riapertura fisica al pubblico, con tavoli distanziati e prenotazione obbligatoria. Un nuovo inizio per una pizzeria che non aveva mai abbassato le sue serrande, abituata a lunghe file di clienti provenienti da tutto il mondo. “Nel giorno dell’attivazione dei servizi di delivery e asporto, abbiamo raccontato alla CNN cosa volesse dire per noi chiudere le porte di una pizzeria da alcuni definita il tempio della pizza – spiega Alessandro Condurro, amministratore de l’antica pizzeria da Michele in the world – . Dal 12 marzo al 3 maggio, la storica sede di via Sersale, unica a Napoli, è stata chiusa, ma non abbiamo mai smesso di lavorare. La comunicazione con i clienti è stata sempre attiva, i nostri social erano pieni di ricordi, attraverso hashtag come #damichelememories e #damichelechallenge, con i quali abbiamo cercato di incentivare i nostri follower a restare sempre attivi e in contatto con noi, in un momento difficile come quello del lockdown. Ci siamo inoltre impegnati personalmente per riaprire in sicurezza e, nel frattempo, abbiamo avuto un’idea. Come alcuni musei internazionali, abbiamo voluto che le nostre porte non si chiudessero mai più. Da storica pizzeria tradizionale, la sfida è stata trasformarci ne l’antica pizzeria da Michele 2.0, ma solo virtualmente. La comunicazione è il modo attraverso cui guardiamo al futuro, anche se le pizze restano quelle della tradizione del nostro bisnonno Michele”. “L’idea iniziale, pre-covid, era di realizzare una mostra fotografica nel nostro quartiere, Forcella, per il quale ci stiamo impegnando anche da un punto di vista di riqualificazione culturale e sociale – continua Daniela Condurro, amministratrice de l’antica pizzeria da Michele in the world. – Siamo partiti dal concetto del ‘tempio della pizza’ per raccontare una storia di famiglia, la nostra, che rappresenta alcuni passaggi cardine degli ultimi 150 anni e che si è intrecciata con tante realtà a livello internazionale. Attraverso la mostra si entra fisicamente nella pizzeria e si esplora liberamente la prima sala, come per un po’ non sarà possibile fare. Sulle pareti, sui tavoli e persino nel forno, si nascondono i tanti contenuti video, fotografici e audio che rappresentano l’anteprima della mostra fisica che ci prefiggiamo di realizzare entro fine anno. Vogliamo celebrare degnamente il 1870, anno in cui il primo Condurro, Salvatore, ottenne la licenza per fare le pizze”. “Da Julia Roberts, Jude Law a Maradona, passando per i tre libri che raccontano la pizzeria e le 15 aperture nel mondo della Michele in the world, tra Giappone, Dubai, Los Angeles, Bologna, Firenze, Roma, Verona, Barcellona, Londra e Berlino, si viaggia nel tempo e nello spazio, tra realtà, cinema e letteratura, restando in una stanza virtuale – conclude Alessandro Condurro – . Ripartono questa settimana molte delle nostre sedi in Italia, all’estero alcune hanno già accolto nuovamente i clienti, parliamo […]

... continua la lettura
Comunicati stampa

Un taglio per ripartire: oggi ‘A figlia d’’o Marenaro e Innovative aprono al pubblico in massima sicurezza

Giovedì è un giorno della settimana che ha sempre portato “fortuna” al ristorante ‘A figlia d’’o Marenaro e ripartire di giovedì, questo 21 maggio, fa ben sperare. “Apriamo in modo intelligente, con il solito sorriso, sotto la mascherina, e l’entusiasmo di sempre”. Da oggi, infatti, si taglia – letteralmente – il nastro in via Foria 180 e si ricomincia: “abbiamo deciso di tagliare simbolicamente questo nastro – spiega Assunta Pacifico, imprenditrice partenopea e fondatrice de ‘A figlia d’’o Marenaro – perché questo momento segna un nuovo inizio. Restare a casa tutti, questi mesi è stata davvero dura, sono molto emozionata. E ora siamo carichi e fiduciosi nel ripartire”. Riaprire con la consapevolezza di lasciare l’incertezza alle spalle e con una visione sicura del futuro. È con questi sentimenti che ‘A figlia d’’o Marenaro sintetizza il proprio spirito in occasione della apertura avvenuta oggi a pranzo. “Innovative, invece, è aperto da stasera. Siamo pronti a soddisfare ogni desiderio da parte dei nostri clienti, a partire da cocktail, crudi e non solo – specifica Giuseppe Scicchitano, figlio della Pacifico, alla guida del ristorante inaugurato lo scorso novembre al primo piano dello storico edificio di via Foria. Entrambi i locali hanno apportato le modifiche previste dalla normativa per garantire massima sicurezza. “Durante questi mesi non siamo rimasti con le mani in mano – racconta Assunta Pacifico -. Prima del lockdown, già effettuavamo santificazione e, come dice il nostro motto, la pulizia è sempre stata un nostro punto di forza. Era già possibile disinfettarsi le mani con il gel apposito. Ora abbiamo diminuito i tavoli, tenendo conto delle nuove regole”. Per consultare il menù? Due modi: sitoweb, anche attraverso un qrcode, e un menù plastificato che si disinfetta rapidamente. Al tavolo, niente più tovaglia, ma tovagliette in pelle facili da pulire: si respira così uno stile ancora più fresco e dinamico nel dehors. Info e prenotazioni 081440827 – 3312310910 via Foria 180/182 80137 – Napoli

... continua la lettura
Attualità

Massimo Ranieri protagonista dell’inedito video augurale alla città di Napoli per la ripartenza

MASSIMO RANIERI protagonista dell’inedito video augurale alla città per la ripartenza Immagini panoramiche di Napoli catturate con un drone, adulti e bambini con le mascherine, attività commerciali che provano a ripartire, occhi pieni di stanchezza ma anche di speranza e l’inconfondibile voce di un grande artista che regala a questo tempo assurdo una canzone di speranza. C’è tutto questo nel video augurale alla città per la ripartenza, che trova in Massimo Ranieri il testimonial prestigioso. Un augurio pubblicato sulla pagina Facebook dell’Assessorato alla Cultura e al Turismo, che arriva per il Maggio dei Monumenti “Giordano Bruno 20/20: la visione oltre la catastrofe”. L’idea di creare un video che potesse dare forza e speranza è arrivata all’assessore Eleonora de Majo da Visit Naples. Accolta la proposta, l’assessore ha individuato il testimonial in Massimo Ranieri, che, contattato, ha immediatamente risposto e ha generosamente concesso immagini, musiche e parole. «Ci è sembrato il momento giusto per un augurio, un messaggio di forza, alla città in occasione di questa delicata ripartenza – dichiara l’assessore de Majo –. La nostra città ha mostrato uno straordinario senso di comunità e di solidarietà durante il lockdown e tantissimi sono stati gli episodi di braccia tese per aiutare chi era più in difficoltà. Per questo ho accolto senza indugio la proposta di collaborazione di Visit Naples. Ringrazio Massimo Ranieri, per aver risposto immediatamente al mio appello e per aver scelto di firmare questo augurio. La sua presenza, la sua musica rappresentano il volto più bello e più amato di Napoli. Ringrazio Visit Naples che ha realizzato un video bellissimo, un mosaico di quella straordinaria umanità, che oggi si sta rimettendo in piedi e nonostante le immense difficoltà vissute in queste settimane è pronta a ripartire». La voce di Massimo Ranieri mostra tutta la sua potenza nella canzone e diventa dolce, quasi paterna, nel messaggio finale che lascia al suo popolo. «Abbiamo vissuto momenti difficili di paura e dolore ma il mio vuole essere un augurio per la città. Napoli, come in tutte le epoche, è caduta ma si è sempre rialzata e anche questa volta si rialza, perché Napoli è più forte della pandemia. Cade ma si rialza. Un augurio particolare alle arti, alla cultura e alle ingegnerie della città e un grazie particolare al mio popolo napoletano per aver osservato le misure di chiusura restrittiva. Grazie dal profondo del cuore. Vi voglio bene. Statemi bene».

... continua la lettura