Seguici e condividi:

Eroica Fenice

Giorno della Memoria 2013: eventi e celebrazioni in Italia

Istituito in Italia nel 2000 per commemorare le vittime del nazismo e dell’Olocausto che  morirono nei campi di sterminio, e in onore di coloro che eroicamente li difesero con qualsiasi mezzo a loro disposizione, il Giorno della Memoria quest’anno viene celebrato in tutto lo stivale con una serie di eventi dedicati.

L’Olocausto e il messaggio della Merkel.

Alla vigilia del giorno dedicato alla memoria della Shoah e alla commemorazione delle vittime delle atrocità naziste, è comparso sul sito internet della cancelliera  un messaggio in cui si sottolinea di quei crimini  la responsabilità della Germania  e allo stesso tempo  con forza la volontà è ribadito il proprio no ad ogni forma di razzismo e antisemitismo. “Dobbiamo dire chiaramente, generazione dopo generazione, e dobbiamo dirlo ancora una volta – ha detto Angela Merkelcon coraggio, il coraggio civile, ognuno, individualmente, può impedire che il razzismo e l’antisemitismo abbiano alcuna possibilità“. Con queste parole di rilevante importanza e peso politico, dette non a caso a pochi giorni di distanza dall’anniversario dell’ascesa al potere di Hitler, si dà ufficiosamente il via alle celebrazioni della Shoah che quest’anno metteranno in luce in particolare il ruolo della Resistenza ebraica e le rivolte nei vari ghetti e nei campi di sterminio.

Le iniziative nelle maggiori città italiane.

Tra le varie iniziative con cui l’Italia intera ricorda l’Olocausto,  ecco una breve sintesi degli eventi i programma domani, 27 gennaio 2013. A Milano sarà inaugurato il Memoriale della Shoah al binario 21 della Stazione Centrale, lo stesso binario dl quale partivano i vagoni merci con dentro gli ebrei deportati ai campi di concentramento; vi parteciperanno il premier uscente Mario Monti, il ministro Riccardi e l’ex deportata ad Auschwitz  Liliana Segre. Nel corso delal giornata sempre a Milano sarà presentato anche il libro “Testimonianza-Memoria della Shoah a Yad Vashem” da Riccardi, tradotto per la prima volta in italiano.

A Firenze dalla Stazione di Santa Maria Novella partirà invece, organizzato dalla Regione Toscana, un treno speciale per Auschwitz con all’interno circa 500 studenti accompagnati da un’ottantina di professori che percorreranno il viaggio della memoria verso i luoghi del cruento sterminio operato dai nazisti.

A Roma al museo Maxxi appuntamento con l’iniziativa “Dosta!” campagna di sensibilizzazione patrocinata dall’Unar contro pregiudizi e stereotipi sulla popolazione Rom, Sinti e Camminanti: con “Il ricordo del Porrajimos” mostra fotografica che commemora lo sterminio di oltre mezzo milione di Rom. Sempre nella Capitale ricordiamo che il Colosseo sarà a luci spente mentre cubi di ghiaccio secco evaporando riveleranno tracce di vite spezzate: sono le installazioni di ghiaccio di Massimo Attardi che accoglieranno i visitatori dei vari musei cittadini, dai Capitolini al Palazzo delle Esposizioni in ideale percorso verso il ghetto ebraico. Inoltre al Quirinale all’interno della Cappella Paolina si terrà un concerto dei KlezroymIl canto del tempo. La memoria viva della diaspora“.

A Napoli e in Campania numerosi gli appuntamenti in ricordo dell’abbattimento dei cancelli di Auschwitz. Si inizia con un reading alle 11 di mattina nella libreria “Punto 8” di Fuorigrotta intitolato “Altro non siamo che voce” dove interverrà l’autrice Loredana De Vita mentre una corona di fiori sarà deposta sotto il triangolo rosa presso la sede della CGIL di Via Torino dalle associazioni omosessuali napoletane; a mezzogiorno nel Teatrino di Corte di Palazzo Reale si terrà un “Concerto per le vittime della Shoah“. già inaugurata il 23 gennaio e visibile fino all’11 di febbraio alla Reggia di Caserta all’interno della Biblioteca Palatina la mostra “1938-1945, la persecuzione degli ebrei in Italia: documenti di una storia” con oltre 100 documenti originali (dai diari, alle cartoline,  agli atti di nascita) e su pannelli in cui sono illustrate le varie tappe della discriminazione razziale perpetrata ai danni degli ebrei in Italia e in particolare in Campania.

Ricordare perché è nostro dovere non dimenticare.

A poche ore dall’inizio delle celebrazioni in ricordo della Shoah alcune scritte antisemite sono comparse sui muri del Museo della Liberazione di Via Tasso a Roma e simboli fascisti e nazisti su quelli di Villa Litta a Milano: questi in ordine di tempo gli ultimi espisodi di antisemitismo avvenuti in casa nostra, dove ricordiamo che è reato ogni forma di apologia al fascismo. Sopratutto per chi nega le atrocità del nazismo, la realtà dei campi di concentramento, il ricordo di tante vite innocenti spezzate, è nostro dovere tutelare la loro memoria, perché ciò in futuro non avvenga mai più.

(credit photo:  simone onofri from Flickr)

Print Friendly, PDF & Email