Seguici e condividi:

Eroica Fenice

Maldestro a Napoli

Maldestro porta sul palco napoletano “Mia madre odia tutti gli uomini”

A distanza di un paio di anni dal successo riscosso a Sanremo, con il brano Canzone per Federica, e un cumulo di riconoscimenti ambiti, a poco più di un anno dalla pubblicazione de I Muri di Berlino, secondo album, con spartiacque nell’ Acoustic Solo, registrato live nel corso del tour 2018, il cantautore partenopeo Antonio Prestieri, in arte Maldestro, si racconta in prima persona. Lo farà nella sua città e in quella che è la sua dimensione, il suo rifugio: il teatro.

A Napoli, il teatro Sannazaro vedrà protagonisti sul suo palco Maldestro, il suo nuovo album e la sua band, il 29 gennaio a partire dalle ore 21.00.

L’album è stato anticipato dall’uscita del singolo e video Spine, un naufragio tra le inquietudini, un inno della bellezza allo stato puro, quella che fa bramare, ma che spaventa, seguito dal secondo video estratto La Felicità, canzone con cui il cantautore apre le porte alla speranza.

Tracklist:

Il seme di AdamoSpine
La felicità
I poeti
Fino a qui tutto bene
Joe
Come una canzone
Fermati tutta la vita
Come due pugili
Lasciami qui 

Formazione Live in tour

Maldestro: voce, chitarra e piano

Paolo del Vecchio: chitarre e plettri

Niccolò Fornabaio: batteria e percussioni

Luigi Pelosi: contrabbasso

Sara Sgueglia: cori, synth e percussioni

Fabio Renzullo: fiati

È stato naturale scrivere questo disco, sapevo che prima o poi sarebbe accaduto, che avrei fermato da qualche parte un pezzo della mia vita. Nuda e cruda, tenera e violenta, persino dannata a volte. Averla vinta sul dolore non serve a niente se prima non lo comprendi, è solo un vuoto a perdere. Con il dolore bisogna cooperare, solo in questo modo la ricerca della felicità non porta stanchezza. Questo è un disco che mi toglie l’armatura e quindi, libero di amare.” Queste le parole dell’artista.

La voce di Maldestro, graffiante e roca quanto basta, ha fermato un pezzo della sua vita in questo nuovo disco, uscito il 9 novembre 2018 per Arealive e distribuito da Warner Music Italia. Mia madre odia tutti gli uomini è il titolo che gli ha dato, dove “mia madre” è “una madre separata dal padre che aveva sposato quando faceva l’operaio, non il criminale”, una madre che è il vero padre, a cui Antonio fa gli auguri il 19 marzo.

Maldestro è il figlio dell’ex capoclan della camorra Tommaso Prestieri e, oggi, si racconta senza riserve attraverso la sua arte.

L’album vanta la produzione artistica del talentuoso Taketo Gohara, sound designer che ha firmato lavori di Vinicio Capossela, Brunori Sas, Marta sui Tubi, Negramaro, Motta, Ministri, Verdena, Mauro Pagani e molti altri artisti.

Quella di Maldestro è una musica salvifica, che nasce in contrapposizione alla sua vita problematica e incarna la forza d’animo, una forza che strappa al male con vigore e potenza. La nudità che emerge dal disco trasforma il punto debole dell’artista nel suo principale punto di forza, dichiara Maldestro. Dieci sono le storie, nate in maniera del tutto naturale, che riportano alla luce il suo dolore, con il quale c’è da far pace. Storie di difficoltà, assenza e tristezza, ma anche di bellezza assoluta, amore e felicità, che comprovano la sua vena artistica e poetica, capace di dar forma a una mescolanza di pensieri, note e parole accostati sempre con maestria.

Sonorità retrò, sound ricercati, un’immensa carica emotiva e atmosfere distese rendono l’album, registrato tutto in acustico, una rarità preziosa, e confermano l’originalità e l’autenticità di quest’abilissimo cantautore, che non ha voluto chiudere il suo talento nella “scatola della tv”, ma che lo ha alimentato sempre tra la gente.

Un album intimistico ed energico quello di Maldestro, un vero e proprio viaggio in musica che lo pone al centro della scena cantautoriale italiana, da cui varrà assolutamente la pena lasciarsi sedurre il 29 sera.

Non dovreste mancare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.