Seguici e condividi:

Eroica Fenice

Cosa vedere a Dubrovnik

Cosa vedere a Dubrovnik e all’isola di Lokrum, tra storia, natura e leggende

Piccola guida su cosa vedere a Dubrovnik.

Boom turistico anche questa estate per la Croazia, terra ricca di storia, bellezze naturali e misteriose leggende. Molti hanno scelto di partire alla scoperta di questo paese, attratti dall’acqua cristallina, dai paesaggi mozzafiato, dalle ottime pietanze a base di pesce e dalla movida. Tra le città della Dalmazia, nella sottile striscia al confine tra la Bosnia Erzegovina e il Montenegro, si trova Dubrovnik, il cui nome deriva dalla parola slava dubrava, ovvero foresta di querce.

Dubrovnik, città ricca di storia dalle radici lontane

La  città di Dubrovnik fu fondata col nome di Ragusium nella prima metà del VII secolo dagli abitanti della vicina Epidaurum (l’attuale Ragusa vecchia), per poi passare sotto il dominio di numerose potenze, tra cui l’impero ottomano e l’impero asburgico. Nel 1919 Ragusa fu annessa al Regno di Jugoslavia e dopo la seconda guerra mondiale entrò a far parte della Repubblica Socialista Federale di Jugoslavia. In seguito alla dissoluzione di quest’ultima e alla successiva guerra, Ragusa subì un pesante bombardamento nel 1991 che rase al suolo il centro storico. Con la fine del conflitto la città attraversò una fase di ripresa, risultando oggi una delle mete turistiche più in voga della costa adriatica, merito soprattutto della città vecchia, eletta patrimonio dell’UNESCO.

Cosa vedere a Dubrovnik: tutti i siti da non perdere

Chi passa per Dubrovnik non può lasciarsi sfuggire il tour delle mura antiche della città, una passeggiata che costeggia il perimetro del centro storico, permettendo di ammirare dall’alto il panorama di tetti rossi e stradine che si snodano intrecciandosi fra loro come i fili di una matassa. L’architettura della old town, composta di grandi e robuste muraglie di pietra, ha reso questa città monumentale il set ideale per girare alcune scene della serie Il trono di spade: Dubrovnik è infatti la location di approdo del Re, dove si trova il trono ufficiale dei re di Westeros, e il Fort Lovrijenac corrisponde alla fortezza rossa, castello e residenza del Re dei Sette Regni.

Per una pausa durante la visita alla città, assaggiate un aperitivo al Buza bar, adiacente alle mura della città e costruito su terrazze che declinano verso il mare. Per trascorrere una piacevole e rilassante giornata in spiaggia, invece, da non perdere il Banje Beach, il lido che vanta un’acqua cristallina e una vista panoramica unica sulla città antica. La passeggiata per le strade illuminate della città si conclude con la tappa obbligata in uno dei ristorantini del porto vecchio (Porat), dove è possibile gustare del saporito sea food come calamari fritti, seppie grigliate, alici in tortiera e insalata di polipo, tutto accompagnato da una bottiglia di vino bianco croato di ottima qualità.

Lokrum, l’isola che racchiude una misteriosa leggenda

A 15 minuti di battello dal porto vecchio si trova l’incontaminata isola di Lokrum, un’oasi immersa nel verde ricca di cipressi, mirti, pini, agavi, oleandri ed agrumeti, da cui deriva il nome Lokrum (dal latino acrumen). Nella parte meridionale si trova un piccolo lago salmastro chiamato Mar Morto o Mrtvo More, dove è possibile riposarsi e fare un bagno circondati dalla natura, mentre nel cuore dell’isolotto sorge un monastero benedettino risalente al XII secolo, in cui si trova il famoso trono usato della serie tv sopracitata, meta di pellegrinaggi fotografici da parte di tutti i fan.

Non è possibile sostare a Lokrum oltre le ore 20, e fino al mattino successivo l’isola resta disabitata, avvolta nell’oscurità della fitta vegetazione, dove si aggirano oscure presenze. Secondo la leggenda, infatti, il generale Auguste Frédéric Louis Viesse de Marmont, governatore civile e militare della Dalmazia, insignito da Napoleone del titolo di duca di Ragusa, ordinò la chiusura del secolare monastero di Lokrum e l’espulsione dei benedettini. Ma prima di abbandonare il monastero, i frati organizzarono un’ultima e solenne processione, coperti da un cappuccio e tenendo in mano una candela: compirono tre volte il giro dell’isola facendo colare la cera lungo il percorso e proferendo una tetra profezia: Chiunque abiterà a Lokrum per il proprio piacere sia dannato! Si racconta che la maledizione sarà valida fino a quando l’ultima traccia di cera non scomparirà e nel frattempo, di notte, gli spiriti dei frati benedettini si aggirano indisturbati per l’isola, loro legittima dimora.

Fra storia, natura e leggende, la Croazia è una meta che non potete non mettere in programma la prossima estate! Ora che sai cosa vedere a Dubrovnik, non ti resta che andarci!