Seguici e condividi:

Eroica Fenice

Napoli & Dintorni

Il backstage del San Gennaro Day, tra premi e artisti

Per il San Gennaro Day giunto alla sesta edizione l’appuntamento è il 24 settembre sul sagrato del Duomo. La chiesa fa da spettacolare cornice ad un evento unico, durante il quale si conferiscono premi in onore di San Gennaro a personalità appartenenti al mondo della musica, del cinema, dello spettacolo e dell’imprenditoria che portano alto l’onore partenopeo in Italia e nel mondo. Quest’anno è stato istituito anche un premio in onore di Bud Spencer, al fine di commemorare un attore formidabile, famosissimo per la sua violenza comica a fin di bene. La direzione artistica e l’idea sono di Gianni Simioli, che ha avuto modo di adunare questo consesso imperdibile grazie soprattutto all’appoggio dell’Assessorato alla Cultura del Comune di Napoli. San Gennaro Day: noi di Eroica siamo andati a vedere cosa succedeva dietro le quinte Una kermesse a tutto tondo quella del San Gennaro Day: attori, cantanti e volti noti popolano il dietro le quinte immerso sin da subito in un’attività frenetica e caotica. Così noi di Eroica abbiamo avuto l’occasione per una sera di stare a stretto contatto con loro e vivere il mondo dello spettacolo al di qua del confine col palco. Abbiamo avuto modo di comprendere quanto duro lavoro ci sia dietro uno spettacolo di intrattenimento come questo, quanta organizzazione, ma soprattutto quanta emozione è necessaria per tenere alto il ritmo. Tra le personalità di spicco erano presenti Mimmo Borrelli, definito dalla critica uno dei più grandi drammaturghi contemporanei, Franca Leosini, giornalista partenopea che ha guadagnato stima e apprezzamenti anche tra i più giovani, Biagio Izzo che non ha bisogno certo di presentazioni e poi Pio e Amedeo che con la loro comicità vulcanica hanno scatenato il pubblico. Grande ospite d’onore Luciano de Crescenzo, premiato per la carriera longeva in onore del suo compleanno. Siamo riusciti ad intervistare Salvatore Esposito, famosissimo ormai per il ruolo di Genny Savastano in Gomorra e protagonista nel film Puoi baciare lo sposo. Si è detto entusiasta ed onorato di essere presente al San Gennaro Day, dal momento che è un’occasione per assaporare le sue radici partenopee. Il ricordo va anche a Bud Spencer, attore importantissimo per la sua formazione artistica. Tra i cantanti Tony Tammaro, Luchè, Enzo Gragnaniello, il quale ci ha confidato a breve uscirà il suo nuovo album ricco di riferimenti colti, e Francesco di Bella, a cui è stato dato il premio per la sua carriera ventennale. A noi di Eroica si è detto immensamente grato per questo riconoscimento arrivato a tributare una carriera che il più delle volte è stata sotterranea e la cui massima bellezza è stata raggiunta in un momento di basso successo della musica indipendente. Il 25 ottobre uscirà il suo terzo album da solista. Il miracolo che si augura? Una svolta positiva per quanto riguarda la società tutta, in un frangente politico che non fa sperare al meglio. Come non parlare poi di Assunta Pacifico, timoniere da sempre del ristorante A’ figlia d”o Marenar, scintillante nel suo abito nero, perfettamente a suo agio tra le grandissime personalità […]

... continua la lettura
Teatro

Bentornata Piedigrotta IV edizione al Teatro Augusteo

All’Augusteo sabato 22 e domenica 23 settembre è andata in scena la quarta edizione di Bentornata Piedigrotta, spettacolo musicale che in tre ore e poco più ripercorre tutte le tappe più significative del patrimonio musicale napoletano. L’idea è di Leonardo Ippolito e il titolo evoca chiaramente l’antichissima Festa di Piedigrotta, che si svolgeva in onore della nascita della Vergine Maria avvenuta nella notte tra il 7 e l’8 settembre. In tale occasione i carri sfilavano accompagnati da orchestrine di chitarre e mandolini, i palazzi venivano riccamente addobbati a festa e, addirittura, tra le numerose canzoni che venivano presentate se ne sceglievano cinque o sei tra le più belle per decretarle vincitrici. Bentornata Piedigrotta, la IV edizione Come i colori della festa un tempo spadroneggiavano sullo sfondo dei palazzi in festa, così anche sul palcoscenico le mille luci insieme ai vestiti sgargianti delle donne ci trasportano in un’atmosfera antica, che odora di nostalgia, di sigarette di contrabbando e pizze vendute a poco prezzo nei vicoli della città. Molteplici sono gli interpreti che si alternano in scena, tra canti e balli: corde vocali che risuonano direttamente dalle viscere del suolo napoletano, plasmato non solo da lava e cemento, ma anche dalla sinfonia antica dell’anima. Dal repertorio classico, come ‘O Sole Mio, passando per la sceneggiata napoletana in cui amicizie finite male e amori struggenti prendono alla pancia anche l’ascoltatore più insensibile, finendo alle canzonette più recenti, ci si ricorda inevitabilmente di nomi come Salvatore di Giacomo, Libero Bovio, Roberto Bracco ed Ernesto Murolo, tutti artisti che hanno contribuito a rendere famosa la canzone napoletana nel mondo. Sapientemente Leonardo Ippolito è riuscito ad allestire uno spettacolo che per magia unisce il pubblico e gli attori: è impossibile resistere per alcuni, si cantano bisbigliando non solo canzoni, ma anche la propria infanzia e i propri ricordi e si ritorna così, per la durata di tre minuti, a quando si era bambini. Una partecipazione accorata, che fa battere le mani a ritmo e alla quale non possono sfuggire nemmeno i più giovani, divertiti e affascinati dall’allegria o commossi per la tristezza di alcune sceneggiate. I protagonisti della scena sono Lello Pirone e Natalia Cretella con interventi di Ciro Capano e Salvatore Meola. E poi, in ordine di apparizione: Carla Buonerba, Umberto del Prete, Francesca di Tolla, Giampietro Ianneo, Salvatore Imparato, Carlo Liccardo, Nadia Pepe, Lucrezia Raimondi Sciotti, Marilù Russo, Luca Sorrentino e Daniela Sponzilli. Impossibile, infine, non ricordare la direzione musicale del Maestro Ginetto Ferrara.  

... continua la lettura
Culturalmente

La città dei Sangui, alla scoperta dei miracoli perduti

19 settembre, giorno di San Gennaro. È una giornata plumbea, ma le strade pullulano lo stesso di una folla agitata e inquieta, turisti misti a napoletani. È il giorno del miracolo, il giorno della speranza.  Non lontano dal caotico via vai, in Piazzetta San Gaetano, l’Associazione Medea Art ha organizzato una visita guidata in tema: La città dei Sangui. Per i napoletani è impossibile non conoscere il miracolo del sangue di San Gennaro. Ogni anno, a maggio e a settembre, il primo dei cinquantatré santi protettori di Napoli fa sciogliere il sangue raggrumato nell’ampolla. La città è in festa, grazie a lui si vivrà sereni e senza disgrazie per ancora un altro anno. San Gennaro però non è il solo ad operare il miracolo della liquefazione del sangue: anche altri santi meno conosciuti sono protagonisti di storie e leggende che riguardano quel liquido rosso e ferrigno che tutti noi abbiamo in corpo. Proprio questo è l’obiettivo della visita guidata della Medea Art: prenderci per mano e farci viaggiare alla scoperta di tutti quei miracoli che per ragioni varie non sono altrettanto conosciuti. La città dei Sangui, passeggiata nel cuore di Napoli La visita traccia immaginariamente una linea per formare una sorta di carta geografica del miracolo sanguigno. Si parte da Piazzetta San Gaetano, anticamente occupata dall’agorà greca in cui sorgeva il tempio di Castore e Polluce, oggi invece trasformato nella Chiesa di San Paolo Maggiore. Proprio nella parte inferiore della chiesa troviamo la tomba di Sant’Andrea Avellino, al quale è legata la figura di San Gaetano da Thiene. Inizialmente Andrea era un avvocato molto abile, ma dopo aver difeso un delinquente cominciò a pentirsi e ad avvicinarsi sempre più all’ordine teatino fondato proprio da San Gaetano nel 1533 presso la Chiesa di San Paolo Maggiore. Quando il Santo morì, durante la cerimonia di sepoltura, gli venne tagliata una ciocca di capelli. Le forbici lesero anche la cute, dalla quale sgorgò sangue vivo, che fu racchiuso in un’ampolla. Ogni anno il suo sangue si è sciolto, smettendo tuttavia nel 1950. Da Piazzetta San Gaetano si passa poi alla magnifica chiesa di Santa Patrizia in via San Gregorio Armeno. Ornata di stucchi pregiati e oro, con affreschi di Luca Giordano, la chiesa, appartenuta da sempre all’ordine delle monache di San Gregorio Armeno, abbaglia la vista.. Qui è sepolto il corpo della Santa che dà il nome alla chiesa, morta a soli 21 anni. Intorno al 1300, un cavaliere romano venuto a chiederle la grazia, per i suoi gravissimi problemi di salute, in un impeto di devozione esagerata, strappò un dente dalla santa morta quasi 100 anni prima, dal cui alveolo iniziò a sgorgare sangue vivo. Questo venne così raccolto in un’ampolla e ancora oggi ogni martedì di ogni settimana avviene il miracolo della liquefazione. Da Santa Patrizia fino al Duomo, cenni storici de La città dei Sangui Abbandonata la chiesa di Santa Patrizia, ci dirigiamo verso l’ingresso del monastero delle monache armene. Qui la guida ci racconta che ci sono ancora altri due santi […]

... continua la lettura
Teatro

Il teatro cerca casa: l’edizione 2018-2019

Mercoledì 12 settembre è stata una giornata frenetica per casa Santanelli: in una calda mattinata, infatti, vi è avvenuta la presentazione della nuova stagione teatrale de Il Teatro Cerca Casa. Per chi non lo sapesse, quest’iniziativa insolita vede protagoniste location diverse con un unico comune denominatore: essere il salotto di casa di gente normalissima. “Ora siamo giunti al settimo anno, che passa per essere l’anno della crisi di tutti i legami, e dunque anche di quello nostro con pubblico e attori”: così il padrone di casa, nonché direttore artistico Manlio Santanelli, ha voluto inaugurare l’inizio della conferenza, una sorta di rito apotropaico di buon augurio. Il teatro cerca casa, il cartellone Il salotto è pieno, i giornalisti accorsi in molti si stringono sulle sedie, affinché tutti possano accaparrarsi un posto comodo durante la presentazione. Innumerevoli libri fanno da cornice ad un contesto informale, in cui attori e spettatori si mischiano, s’amalgamo senza barriere e differenze, proprio come vuole l’obiettivo de Il teatro cerca casa: far compenetrare quotidiano e surreale, alla continua ricerca di espressioni alternative di sé. Nella stagione passata, il bilancio si è chiuso in maniera positiva: sono stati circa 25 gli appartamenti, 2000 gli spettatori accolti, 45 gli spettacoli. Quest’anno si cerca di replicare, come prima, più di prima: si coniugano teatro vero e proprio e spettacoli di musica napoletana, tra cultura, letteratura e filosofia. Un mix proprio per tutti i gusti, che si trasforma talvolta in un simposio privato in cui sconosciuti di diversa provenienza si trovano a condividere l’intimità dei pensieri. La settima edizione, dunque, prevede dodici nuovi titoli in cartellone e tre ritorni dalle passate edizioni, a cui si aggiungono tre eventi speciali in data unica. Si parte con il 23 settembre presso il complesso monumentale di San Nicola da Tolentino. L’appuntamento è previsto per le 17.15, visita guidata e spettacolo In origine fu voragine, con Maurizio Capone e Antonello Cossia. A seguire Polveri condominiali di Franco Autiero, portato in scena da Gina Perna e con le musiche di Fulvio Di Nocera, per la regia di Tonino Di Ronza. Un grande successo della scorsa edizione ritorna nuovamente: La solitudine si deve fuggire, di Manlio Santanelli interpretato da Federica Aiello. Il teatro impegnato civilmente si concretizza in questa nuova edizione attraverso la messa in scena di Il fulmine nella terra – Irpinia 1980, che ricostruisce l’atmosfera catastrofica del terremoto avvenuto in Irpinia nel 1980, con Orazio Cerino. Vetiver – Essenze di una profumiera costituirà l’appuntamento successivo, con Melania Esposito, ricostruendo la vicenda della profumiera Mona di Orio. A seguire Piccoli crimini coniugali di Eric-Emmanuel Schmitt, con Gioia Mille e Antonio D’Avino. Michele Danubio invece sarà il protagonista de Il posto di un altro assieme a Laura Borrelli e Stefano Jotti. Lo stesso Jotti poi riproporrà lo spettacolo “La fondazione” con testo di Raffaello Baldini. Com’è stato detto prima, anche la letteratura troverà largo spazio nella rassegna, attraverso il Magnificat di Alda Merini portato sulla scena domestica da Caterina Pontrandolfo, Bartleby lo scrivano tratto dall’omonimo capolavoro di Melville, […]

... continua la lettura
Culturalmente

Cos’è una matrioska e qual è il suo significato

La matrioska (o matriosca) non ha bisogno di presentazioni. Chi non ne ha mai vista una? I tipici souvenir russi raffiguranti bambine o donne paffute sono diventate il simbolo del vastissimo stato dell’Europa dell’Est. La caratteristica principale di queste bamboline di legno è quella di contenere al proprio interno altre di dimensioni diverse, fino ad arrivare alla più piccola, chiamata “seme”. Ogni pezzo, inoltre, è diviso a metà, in modo tale da aprirsi e contenere il pezzo di taglia più piccola. Ma qual’è il loro significato simbolico? Matrioska (o matriosca): simbologia e significato L’origine è incerta: si dice che il primo a fabbricare la Matrioska sia stata Savva Mamontov nel XIX secolo. Ricchissimo industriale, appassionato d’arte, nonché mecenate, egli riunì una serie di artisti specializzati in arte tradizionale e contadina con l’intento di dare una scossa considerevole a questo genere artistico, aiutato anche da suo fratello Anatolij. Altre fonti, invece, sostengono che queste curiose bambole di legno abbiano origine dalla cultura cinese, in riferimento alle scatole cinesi appunto, anch’esse di grandezza crescente inserite le une all’interno delle altre. Invece altri ancora sostengono che il primo a costruirle sia stato un monaco russo. Al di là della loro vera origine, le matrioske sono portatrici di un significato ben preciso: bisogna sapere, infatti, che la parola in sé porta la radice latina di mater, ovvero madre. Proprio la madre costituisce il fulcro simbolico di queste graziose statuette. Il fatto che queste siano contenute reciprocamente in una matrioska più grande equivale a rendere l’idea del grembo materno che porta in sé un corpo più piccolo. Le matrioske, dunque, possono essere assunte a modello di generazione, in cui la maternità e la fertilità sono le caratteristiche primarie e indispensabili per la loro esistenza. La famiglia potrebbe essere un’altra componente simbolica e lo dimostra il fatto che la statuetta più grande è chiamata madre, mentre quella più piccola è chiamata seme. Ecco che anche qui la figura di colei che genera è centrale. D’altronde anche la loro corporeità fa pensare a quelle antiche sculture del paleolitico o ai giocattoli cinesi, giapponesi e indiani. Potenzialmente, la matrioska può contenere al suo interno infinite altre matrioske, come può essere contenuta all’interno di altre infinite volte. E’ il simbolo della capacità della vita che non ha limiti, ma anche del Principio e della Fine, dell’Uno e del Molteplice. Dal Macro al Micro, si potrebbe pensare addirittura che questi piccoli simulacri di legno siano per estensione il simbolo dell’Universo. Infine, anche il materiale di cui è fatta una matriosca non è casuale: il legno è duro da scalfire, durevole nel tempo, resistente, ma anche continuamente rinnovabile, come rinnovabile sono l’amore e la creazione. Anche il tipo di legno non è lasciato al caso: generalmente il tiglio e la betulla vengono utilizzati in maniera preponderante. Il primo è simbolo di fertilità e femminilità, mentre il secondo in Russia rappresenta fortuna e longevità.     

... continua la lettura
Teatro

“Tragodia” – Il canto del capro” con Emanuele D’Errico, tra comico e surreale

Martedì 4 settembre è andato in scena nel chiostro della chiesa di San Domenico Maggiore lo spettacolo di Ettore Nigro, Tragodia – Il canto del capro.  Il protagonista e solo attore sulla scena è Emanuele D’Errico, che con la sua voce sonora ma pulita ha donato agli spettatori un’ora di viaggi fantastici in contrasto con la scena adornata con pochissimi oggetti, per lo più maschere di cartapesta dalle fattezze animali che di volta in volta indosserà, come uno zoo di cartapesta animata. La messinscena fa parte della rassegna teatrale Morsi di Teatro, presentata da UnAltroTeatro che andrà in scena dal 3 al 6 settembre. Tragodia – Il canto del capro, una tragedia comica con Emanuele D’Errico “Conosce la storia di Guglielmo Belati?“. È così che inizia lo spettacolo, subito interrotto da una pioggia improvvisa e fuori programma. Dopo aver sistemato le sedie e il palco al riparo, Emanuele D’Errico riprende la narrazione proprio da lì, da quella domanda posta al suo vicino di sgabello, una maschera dalle fattezze di un elefante. Chi era dunque Guglielmo? Un ragazzo normalissimo, innamorato della sua fidanzata Teresa a tal punto da volerla sposare, nonostante le opposizioni delle famiglie di entrambi. Così un bel giorno, vestito di tutto punto, con l’anello in tasca assieme a poche caramelle a menta, decide di recarsi a casa di lei per chiederle la mano, non importano le difficoltà e le proteste. Lungo la strada il suo sguardo si posa su un fiore arancione e blu, così bello da fargli venire voglia di raccoglierlo per donarlo alla sua fidanzata. Proprio in quel momento incontra lo sguardo di una capretta, bianchissima, la più bella di tutto il gregge, così bella che subito Guglielmo si sente innamorato di lei, come un bambino.  Da quel momento in poi l’intera vita di Guglielmo cambia rotta: per far innamorare la capra di lui cercherà di comunicare con lei in qualsiasi maniera, fino a diventare egli stesso una capra. Incontrerà sul suo cammino tante altre capre che al posto di belare parlano in napoletano, affronterà lunghi viaggi in campi immensi, fino ad arrivare ad un’importantissima consapevolezza che capovolgerà il finale in maniera inaspettata. Si potrebbe definire Tragodia una piccola commedia tragica, che racchiude tutti i tentativi disperati e folli di un uomo che insegue un’utopia o un sogno, non si sa, infischiandosi di tutto il resto, con nel cuore solamente il suo obiettivo. Divertente, spassionata, a tratti lievemente ironica, la storia è un puzzle di eventi surreali, quasi onirici, che si incastrano alla perfezione. Tutti gli spettatori si sono sentiti un po’ capretti, forse per quei braccialetti rossi di carta che sono stati distribuiti all’inizio e poi messi tutti al braccio destro, forse perché la storia di Guglielmo riguarda un po’ tutti noi. Dunque tragedia, canto della disperata voglia di vita che vuol dire anche un po’ rischiare, uscire dagli schemi convenzionali per cercare ciò che ci rende più felici.

... continua la lettura
Culturalmente

Il Vangelo di Giuda: storia di un (non) tradimento

Il vangelo di Giuda è un Vangelo apocrifo e gnostico che riporta una serie di conversazioni tra Gesù e lo stesso Giuda,  scritto da vari cristiani gnostici seguaci di Gesù. Presumibilmente il periodo al quale questo testo risale è compreso tra 130 e il 170 d.C., datazione ricavabile dal fatto che al suo interno si fa riferimento ai quattro Vangeli canonici. Per 1600 anni non si è avuto notizie della sua esistenza, fino a quando nel 1978 è stato ritrovato in Egitto nel suo manoscritto, il Codex Tchacos, restaurato e poi tradotto in varie lingue, tra le quali anche l’italiano. Di cosa parla il Vangelo di Giuda Sembrerà strano leggere il nome di Giuda Iscariota accostato alla parola Vangelo, eppure anche il traditore più famoso della storia ha avuto modo di far sentire la sua voce sulla vicenda dei trenta denari. Secondo i quattro vangeli accettati dalla Chiesa, infatti, Giuda avrebbe tradito Gesù consegnandolo alle autorità del Tempio di Gerusalemme dandogli un bacio sulla guancia, le quali a loro volta lo avrebbero consegnato al prefetto romano Ponzio Pilato. Secondo il Vangelo di Giuda, invece, questo gesto non sarebbe stato un tradimento: l’Iscariota, infatti, avrebbe seguito le istruzioni di Gesù, il quale gli avrebbe chiesto esplicitamente di consegnarlo alle autorità che lo avrebbero messo a morte affinché il suo corpo potesse liberare l’anima.  Secondo lo gnosticismo il corpo sarebbe una sorta di prigione per l’anima, che di conseguenza ha bisogno di libertà per ritrovare la sua reale essenza. Così Gesù, stando alla versione favorevole a Giuda, avrebbe voluto sbarazzarsi delle proprie spoglie mortali per lasciar libera l’anima e far andare così la vicenda secondo il suo corso prestabilito. In questo modo l’intera storia potrebbe avere dei risvolti inaspettati, riabilitando la figura di questo traditore: questi, infatti, sarebbe stato considerato tra i dodici apostoli il più degno per portare a termine un simile compito.  Un vangelo apocrifo che scagionerebbe Giuda Secondo la traduzione fatta dalla National Geographic Society, il questo vangelo apocrifo si aprirebbe con gli ultimi giorni di vita di Gesù, il quale sarebbe stato addirittura in netto contrasto con gli altri dodici apostoli. L’unico che invece riusciva a fornire un servizio impeccabile a Dio e di mettere in atto il suo volere era proprio Giuda. Per questo motivo egli viene insignito del delicatissimo compito di consegnare Gesù alle autorità. La Chiesa, in ogni caso, non considera tale Vangelo degno di attenzione, in quanto non apporterebbe efficaci argomenti contro i quattro Vangeli ufficiali; di conseguenza esso viene considerato alla stregua degli altri Vangeli apocrifi. È interessante però leggere una versione differente da quella ortodossa: sono questi argomenti che affascinano sempre coloro che si pongono tante domande sulla dottrina cattolica. Il Vangelo di Giuda e altri vangelo apocrifi

... continua la lettura
Teatro

Big Fish – il mio padre incredibile in scena al Théâtre de Poche

Big Fish – il mio padre incredibile è lo spettacolo portato in scena da Andrea Cioffi al Théâtre de Poche il 23 e il 24 giugno; un lungo monologo comico e a tratti straziante di un figlio, interpretato da Franco Nappi, che vuole raccontare il suo rapporto complicato col padre. Il testo è ispirato al romanzo dello scrittore statunitense Daniel Wallace, Big Fish appunto, riambientato in una Campania bucolica e mitica. Big Fish – il mio padre incredibile al Théâtre de Poche, tra epica e realtà Franco Nappi solo sulla scena inizia di spalle il racconto: interpreterà di volta in volta padre e figlio, proprio a significare che in fondo entrambi sono le due facce inseparabili della stessa medaglia, pur vivendo due esistenze agli antipodi. Edward Bloom è un uomo che ne sa una più del diavolo, concepito un giorno durante la Seconda Guerra Mondiale tra le nocciole e il fumo delle bombe, un padre affabulatore che riesce a trarre da qualsiasi avvenimento banale e quotidiano un racconto mitico e grandioso. Il figlio, non si pronuncia mai il suo nome, ha vissuto la sua intera esistenza aspettando che il padre mettesse da parte se stesso e le sue gesta eroiche che tanto offuscavano la sua presenza. Adesso Edward Bloom sta per morire, i racconti che tanto amava diffondere devono essere tramandati al fine di non perdere la traccia della sua epica esistenza. Così il figlio le tramanda a noi spettatori, come un aedo è attento a non inventare niente di sua spontanea volontà, è pronto a ripetere a memoria le parole che tante volte aveva sentito dalla bocca fantasiosa di suo padre. Big Fish è un racconto teneramente audace, che mette in scena le insicurezze e le paure di un esploratore che molto spesso si è sentito perso senza la sua bussola di riferimento, che per colmare la disperata assenza si è nutrito riempiendo lo stomaco di racconti di foreste incantate, combattimenti con famelici giganti, affronti a vecchiette che potevano predire la morte. La dimensione mitica del monologo assomiglia molto alle narrazioni che i vecchietti, all’ombra delle loro case basse, raccontano ai piccoli del paese. Singolare è il legame diretto che si crea tra entroterra campano e ambientazione americana nel romanzo di origine. Onirico e affascinante, il racconto presentato al Théâtre de Poche mette a nudo un’inquietudine atavica, quella di una generazione che troppo spesso cerca di rintracciare nelle sue radici un mezzo per guardare avanti, un appiglio o un esempio necessario per creare il domani.

... continua la lettura
Teatro

Teatro Augusteo: presentazione del cartellone teatrale 2018-2019

Il 22 giugno nel foyer del Teatro Augusteo si è svolta la conferenza stampa per la presentazione della nuova stagione teatrale 2018-2019. Numerosi sono stati gli interventi da parte degli artisti, tra i quali ricordiamo Serena Autieri, Massimiliano e Gianfranco Gallo, Paolo Caiazzo, presentati da Giuseppe Caccavale. Augusteo, i titoli della nuova stagione Giuseppe Caccavale, ad apertura conferenza, ha tenuto a precisare un dato fondamentale: nella stagione passata, l’Augusteo ha chiuso con un forte aumento nel numero di abbonati, il che è stato solamente grazie ad un’offerta di spettacoli varia e ampiamente gradita dal pubblico. Ancora una volta ci sarà una collaborazione col teatro Sistina di Roma, attraverso la messa in scena di due spettacoli in comune: Mamma mia, con Luca Ward, Paolo Conticini, Sergio Muniz e Sabrina Marciano, dal 22 febbraio al 3 marzo 2019, campione di incassi dell’ultima stagione e presentato con uno straordinario allestimento; Belle ripiene, commedia divertente a tema cucina in scena dal 26 ottobre al 4 novembre, con Rossella Brescia, Roberta Lanfranchi, Tosca D’Aquino e Samuela Sardo. Non solo, la stagione continua con uno spettacolo di Serena Autieri #Lasciantosa – la prima influencer e presentato da lei personalmente. Emozionata, l’attrice ha affermato di voler portare sul palco un One Woman Show, in cui balla, canta e racconta e si racconta. Sarà a teatro dal 7 al 16 dicembre 2018. Ancora: Massimo Ranieri torna con il suo tradizionale Sogno e son desto, 400 volte che in occasione delle sue 400 repliche viene presentato in una performance del tutto inedita. Subito dopo, dal 21 dicembre 2018 al 6 gennaio 2019, Buccirosso con Colpo di scena rinnova il sodalizio con lo storico teatro. Dall’11 al 20 gennaio i fratelli Gallo andranno in scena con Comicissimi fratelli. Anche loro presenti alla conferenza, hanno affermato che lo spettacolo si muove su due filoni opposti seppur complementari: quello della drammaturgia tradizionale e quello della commedia dell’arte, fatto di improvvisazione e ispirazione dettata dalle contingenze. Caccavale ha inoltre specificato che la stagione 2018-2019 sarà caratterizzata dall’utilizzo di effetti speciali e di tecnologie per offrire agli spettatori un’esperienza più realistica e innovativa. Ad esempio Peter Pan – Il musical forever con musiche di Edoardo Bennato, dall‘8 al 17  febbraio, utilizza un drone per rappresentare la fatina Trilly. Come pure Priscilla, la regina del deserto, in scena dal 5 al 14 aprile. Una rassegna di spettacoli legati fortemente allo spirito dell’Augusteo, che da anni coniuga la passione per la tradizione attoriale e musicale napoletana, tipica del cabaret, a commedie che danno uno sguardo anche al presente, in maniera tuttavia leggera. Quest’anno tocca a Paolo Caiazzo portare sul palco qualcosa di divertente che al contempo tratta di un tema attualissimo: i social. Non mi dire te l’ho detto, dall’8 al 17 marzo, è uno spettacolo che nel suo intreccio innesta social media e i loro possibili effetti collaterali. Ultimo spettacolo nel cartellone, Cavalli di Ritorno 2.0 di Gino Rivieccio andrà in scena dal 26 aprile al 5 maggio.  I fuori abbonamento del Teatro Augusteo Oltre a questi spettacoli in […]

... continua la lettura
Libri

Thomas Hardy torna con “Sotto gli alberi”, l’idillio della campagna inglese

Thomas Hardy e il suo capolavoro nascosto: Sotto gli alberi Torna in libreria con la Fazi Editore Sotto gli alberi di Thomas Hardy nella collana Le strade. Hardy non ha bisogno di presentazioni: grandissimo autore dell’Ottocento inglese divenuto un classico grazie ai suoi capolavori come Tess dei d’Uberville e Jude l’Oscuro, rappresenta un must per i lettori che vogliono definirsi conoscitori della letteratura inglese. Sotto gli alberi, con Thomas Hardy nella campagna inglese Scritto nel 1892 e revisionato fino al 1912, il romanzo è ambientato nella campagna inglese, l’azione scandita dalle quattro stagioni, dall’inverno fino all’autunno, e narra della storia d’amore tra Dick e Fancy. Il primo è figlio di un carrettiere e suonatore di violino, la seconda è l’affascinante direttrice del collegio di Mellstock. Alle vicende amorose dei due si intrecciano le vicende del coro della parrocchia di Mellstock, la cui sopravvivenza è seriamente minacciata dall’introduzione di un organo meccanico fortemente voluto dal vicario. Hardy ci proietta subito in un mondo quasi incantato, in cui l’ombra degli alberi culla dolcemente il lettore trasportandolo in mezzo alle radure, tra le fronde dei boschi che si vestono e si svestono di foglie. È un paesaggio ameno quello che ci si prospetta davanti agli occhi, e ci si sente riempiti dalla felicità campagnola plasmata sulla gioia delle piccole cose, come il gusto del miele fresco appena estratto o del sidro che accompagna le sere d’inverno particolarmente rigide. Tra un sentiero e l’altro vediamo affaccendati i due protagonisti, i quali sono ancora troppo giovani per riconoscere fin da subito i palpiti dell’amore, ma che a poco a poco scoprono l’uno nell’altro una fonte di felicità inaspettata e insperata, non tuttavia impermeabile alle minacce esterne. Un acquerello dalle tinte chiare che tuttavia è leggermente sporcato dalla consapevolezza che il progresso e il futuro invadono anche i luoghi più nascosti e la natura più caparbia a resistere: così le vicende del coro vengono viste soprattutto come esempio di resilienza al tempo che fugge e non lascia scampo a chi non riesce a tenere il passo giusto. L’acerrima lotta tra l’organo meccanico e il palpito vitale dei cuori che compongono il coro è assunta a dicotomia universale nella metafora tra progresso e anacronistica chiusura, tra passato e futuro. Con uno stile inconfondibile e unico, Sotto gli alberi si posiziona con gran merito tra i capolavori di Thomas Hardy tuttavia messi in secondo piano rispetto alle opere più famose e conosciute. Attingendo alla tradizione umoristica inglese, caratterizzata da sottili ironie e sorrisi a denti stretti, Hardy non delude le alte aspettative del lettore. Thomas Hardy, i romanzi

... continua la lettura
Eventi/Mostre/Convegni

Salerno Letteratura Festival presentato al Napoli Città Libro

Nell’ambito della manifestazione Napoli Città Libro che si terrà presso il complesso monumentale di San Domenico Maggiore dal 24 al 27 maggio, si è svolta nella sala del Capitolo, sabato 26 maggio, la presentazione del Salerno Letteratura Festival, il quale aderisce a Back Home / Rete dei Festival del Sud. Il festival si terrà nel chiostro del Duomo di Salerno dal 16 al 24 giugno e vi parteciperanno moltissimi scrittori della scena nazionale e internazionale, come André Aciman, Eva Cantarella, Maurizio De Giovanni, Fortunato Cerlino, Olivia Sudijc e tanti altri. Salerno Letteratura Festival per la rinascita del Sud L’intento di Back Home/La rete dei festival del Sud è altamente nobile e rivoluzionario: a partire dalla presa di coscienza del fatto che anche il più piccolo paesino del Sud Italia vanta un piccolo nucleo di persone che vogliono uscire dalla marginalità, si cerca di realizzare un progetto culturale comune come quello del Salerno Letteratura Festival. Per questo è necessario unire le singole potenzialità del territorio affinché la cultura e il sapere diventino chiave d’accesso ad un mondo che corre sempre più veloce. Il Festival, inoltre, nasce dall’alleanza di 25 manifestazioni promosse in questi anni da Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia. Nel corso dei suoi primi cinque anni di vita è riuscito a ritagliarsi un’ampia fetta di prestigio nel panorama delle manifestazioni culturali italiane e oggi si presenta come una delle più importanti su tutto il territorio italiano. Accanto alla letteratura, grandissima protagonista, trovano spazio altre esperienze come la musica, il teatro, il cinema e le arti visive, che vengono fuse insieme per donare ai partecipanti un’avventura totale, di cultura che non esclude nulla, ma che anzi ruota a 360 gradi. Ecco perché il Salerno Letteratura festival si vanta di avere un’impostazione “generalista”, intesa a soddisfare tutti i gusti, da quelli più infantili a quelli più adulti. Salerno Letteratura Festival, tra sviluppo economico e sociale A braccetto con la cultura va di pari passo anche lo sviluppo economico: attraverso di essa ci si propone di risollevare e valorizzare l‘attività imprenditoriale, sociale e soprattutto economica che gravita intorno a questo tipo di manifestazioni e, più in generale, intorno al mondo dell’editoria. Questo incide in maniera cospicua nelle vite di ognuno di noi, pur non essendo sempre lampante. A sorpresa, durante la presentazione, è riuscito a essere presente anche Roberto Fico, attuale presidente della camera. Questi si è detto contento dell’esperienza del Salone del Libro a Napoli, città che rappresenta un Sud tutt’altro che dormiente, con una fortissima vitalità anche nel settore economico. Tutto ciò che è necessario fare dal punto di vista politico è sicuramente trovare una forte rappresentanza delle istituzioni in maniera omogenea su tutto il territorio nazionale. Vi aspettiamo al Salerno Letteratura Festival!

... continua la lettura
Teatro

“Fortuna” di Alessandro Sesti al TRAM: storia di un ossimoro

Giovedì 17 maggio è andato in scena Fortuna al TRAM, Teatro Ricerca Arte Musica, quinto spettacolo all’interno della rassegna del festival TrentaTram, che prevede undici spettacoli nei quali si esibiscono tutte compagnie under 30. Lo spettacolo è interamente scritto e interpretato da Alessandro Sesti,  accompagnato con la chitarra da Nicola Papapietro; entrambi fanno parte della compagnia umbra SMG. “Fortuna” di Alessandro Sesti al TRAM, omertà e silenzio Chi non ricorda la storia della piccola Fortuna? Stuprata più volte dal compagno della madre, muore a sei anni, uccisa dal mostro che puntualmente usava violenza su di lei e anche sugli altri suoi amichetti. La vicenda è emersa nel 2016, dopo due anni di silenzio e di omertà, due anni in cui tutti sapevano ciò che stava accadendo al Parco Verde di Caivano, ma in cui nessuno osava proferire parola sull’orrore che si stava consumando. Senza alcuna pretesa di condanna, senza la retorica che avrebbe rischiato di rendere finto il messaggio, Alessandro Sesti ci racconta del Parco e dei fantasmi che vi abitano: il giovane extracomunitario ucciso perché pretendeva un contratto di lavoro regolare, Paolina, la signora un po’ ritardata sopravvissuta agli innumerevoli disastri della sua vita, le due signore che stanno sempre al balcone e conoscono i fatti di tutti quanti. Non si sa se siano veri o fittizi questi personaggi e forse non interessa nemmeno tanto: il punto è che rendono verosimile la trama, equilibrando momenti di ironia e momenti di tensione. Proprio le parole che potevano salvare la piccola Fortuna ed Antonio Giglio, suo compagno di disavventure, fluiscono velocemente dalla bocca dell’attore, in un lungo monologo che amalgama ironia, dolore, tensione, tenerezza e rabbia. Tutta la sofferenza viene sputata via, come un male da cui è necessario curarsi in fretta: è l’indifferenza il veleno che rende torbidi gli animi che sono coinvolti nella vicenda, rende belve feroci e assassine non tanto meno di chi ha alzato le mani e se l’è sporcate. Lo spettacolo Fortuna al TRAM manda un messaggio alla coscienza di tutti Singolare è inoltre il fatto che una compagnia non napoletana abbia deciso di scegliere una vicenda nostrana. È un segnale forte e tangibile: non serve essere campani per percepire la disperazione della nostra terra; una disperazione che è estesa anche su tutto il resto dell’Italia. Fortuna al Tram è una rappresentazione contro il silenzio e l’omertà, che non coinvolgono necessariamente gli episodi di violenza domestica, molto spesso considerati meno gravi rispetto ai fatti di mafia; estende il suo discorso a tutto il sistema di favoritismi e di illegalità che avvizzisce tutto il Paese. “Cerchiamo di dare una scossa a questa situazione, nel nostro piccolo, attraverso il teatro” spiegano Alessandro e Nicola alla fine della rappresentazione. È la coscienza di tutti gli spettatori il destinatario vero e proprio di Fortuna, affinché casi come questi divengano a poco a poco una minoranza, per non dover più tenere dentro dei mostri che ci arrovellano lo stomaco e ci mangiano da dentro.  

... continua la lettura
Libri

Sopravvivi all’amore, con Michel de Montaigne l’uomo conosce se stesso

Dopo Coltiva l’imperfezione e La fame di Venere, è uscito in libreria il 5 aprile il terzo volume dedicato ai saggi di Michel de Montaigne. Sopravvivi all’amore, infatti, è il capitolo conclusivo di una grande opera di ristampa  della raccolta saggistica di Montaigne che la Fazi Editori ha deciso di promuovere, proponendola con una nuova traduzione. Sopravvivi all’amore, saggio sull’uomo di Michel de Montaigne Parlare di Sopravvivi all’amore non è semplice a causa della molteplicità dei temi che vengono trattati, apparentemente in maniera rapsodica. Attraverso uno stile fluido, amabile come una conversazione che si intrattiene con un amico che conosce tutto su tutti gli argomenti, Michel de Montaigne ci fa entrare subito nel vivo della materia. Diceva Bolano che”leggere è come pensare, come pregare, come parlare con un amico, come esporre le tue idee, come ascoltare le idee degli altri, come ascoltare la musica sì, come contemplare un paesaggio, come uscire a fare una passeggiata sulla spiaggia”. E mai citazione fu più calzante nel descrivere il meccanismo letterario di Sopravvivi all’amore. Un’enciclopedia delle emozioni, che scandaglia in profondità sentimenti come la vanità, la tristezza, la collera, saltando da un argomento all’altro in maniera leggiadra: così, ci si ritrova a leggere se stessi e a specchiarsi nelle parole di Montaigne come Narciso faceva nell’acqua del lago. L’incostanza delle nostre azioni, l’amore per i libri, addirittura gli odori, diventano protagonisti della trattazione, a cui si allegano spesso esempi illustri provenienti soprattutto dalla letteratura e dalla storia greca e latina. Il potere di accomunarci con i grandi personaggi fittizi e reali del passato già di per sé dovrebbe essere garanzia di una lettura edificante, in quanto ci rende parte di un unico, immenso respiro vitale. Il titolo quindi potrebbe ingannare il lettore: non si tratta di un saggio come quello di Ovidio “sull’amore e i suoi rimedi”, non è il sentimento che viene analizzato puntualmente. Si dà più che altro spazio all’intimità dell’individuo, partendo da ciò che più lo accomuna al resto degli uomini. In costante tensione, dunque, nella ricerca della propria affermazione, Michel de Montaigne promuove l’identità come conservazione del proprio io, in contrasto dunque con l’amore, inteso come propulsione che spinge a cercare nell’altro se stessi. Il messaggio lanciato, in definitiva, è forte e chiaro: è solo attraverso la conoscenza del sé, con i propri punti di forza e debolezza, che si riesce a vivere una vita completa, nella quale la condivisione, e soprattutto la tendenza a superare i propri limiti, trovano un posto di prim’ordine. Da leggere tutto d’un fiato o da assaporare lentamente e in maniera graduale, Sopravvivi all’amore costituisce un tassello imprescindibile per i lettori che vogliono rinsaldare il legame prima di tutto con se stessi e in second’ordine con il resto del mondo.

... continua la lettura
Teatro

La nuova stagione del Teatro Stabile 2018-2019 presentata al Mercadante

Nell’elegantissima cornice del Teatro Mercadante si è tenuta la conferenza stampa per la presentazione della  nuova stagione del Teatro Stabile di Napoli. Il presidente Filippo Patroni Griffi e il direttore artistico Luca De Fusco hanno interagito con pubblico e artisti al fine di illustrare il prossimo ricco tabellone teatrale, all’insegna di proposte che variano dai classici fino ad arrivare ai contemporanei, passando attraverso la danza. I grandi successi del Teatro Stabile di Napoli Il presidente ha espresso con orgoglio la riconferma del primato del Teatro Stabile a Teatro Nazionale, tra i più importanti nel Mezzogiorno d’Italia. In un momento politico davvero difficile, la cultura deve essere la risposta a qualsiasi domanda: “Siamo pronti a valorizzare l’offerta, ricca e diversificata, della nuova stagione teatrale” ha affermato Filippo Patroni Griffi. Nonostante le numerose difficoltà economiche, dettate soprattutto da uno scarso finanziamento della regione, lo Stabile ha saputo destreggiarsi con le proprie risorse e passare dal sedicesimo al sesto posto nella lista dei più importanti teatri italiani. La nuova stagione teatrale non vede protagonisti solo i classici della grande letteratura e del grande teatro, ma si distingue anche e soprattutto per l’impronta napoletana dei suoi spettacoli: ancora una volta è la città la vera protagonista della scena culturale, declinata in tutte le sue diverse sfaccettature. Ma non solo. Il vero tentativo è quello di riuscire a coniugare la realtà cittadina con le realtà esterne. Di conseguenza, importare ed esportare sono termini chiave, volti a instaurare un dialogo ininterrotto tra il fuori e il dentro, tra Napoli e Italia (e addirittura estero!). È dunque necessario mettere in risalto ciò che di positivamente rilevante accade in una città così contraddittoria come Napoli e non scegliere solamente di raccontare gli accadimenti nefasti del presente, come ha affermato lo stesso direttore. Ancora una volta, infatti, il teatro si è confermato tra i migliori per offerta in Campania e in Italia soprattutto. L’orgoglio per un primato così importante come quello del Teatro Stabile è assolutamente lecito se immerso all’interno di una situazione problematica come talvolta può apparire quella della città. Durante la conferenza, inoltre, si sono toccati altri temi importantissimi come quello della scuola teatrale del Mercadante. Nata sotto il segno della famiglia De Filippo, continuerà a operare sul territorio, assicurano Griffi e De Fusco, malgrado le numerose difficoltà. Anche la scelta di inserire nel cartellone spettacoli di danza, settore in lento decadimento in Italia, rappresenta una precisa volontà: quella di gettare un’ancora di salvataggio a un tipo di intrattenimento che predilige le emozioni e non l’intelletto. La programmazione della nuova stagione del Teatro Stabile Il direttore Luca De Fusco ha asserito: “Abbiamo cercato di far coincidere la conferma a Teatro Nazionale con un cartellone particolarmente gioioso. Uso questo termine non perché presentiamo solo spettacoli divertenti: sarebbe contrario alla stessa filosofia di un teatro pubblico. La gioia di cui parlo è quella dell’amore per il teatro, perché in questa stagione non c’è genere teatrale o linguaggio scenico che venga trascurata“. Al Mercadante: 24 ottobre-11 novembre 2018 : Salomé di Oscar Wilde, […]

... continua la lettura
Libri

Dietro anime d’inchiostro di Marco Chiaravalle, tra sogno e realtà

Presso la libreria Raffaello sabato 14 aprile si è tenuta la presentazione del libro Dietro anime d’inchiostro, edito da La strada per Babilonia, con la partecipazione di Ida Basile, scrittrice del blog ReadEat – Libri da mangiare e Marilena Cracolici di Marilena’s Journal, insieme al giovane autore Marco Chiaravalle. Dietro anime d’inchiostro e la dicotomia sogno-realtà Uno scrittore intrattiene un rapporto con la scrittura molto particolare, viscerale. Questa necessità può essere definita sempre in maniera diversa, in quanto diverse sono le anime che costellano il panorama della narrativa. E può succedere addirittura che la necessità sia talmente bruciante che a volte si ritiene necessario staccarsene, un po’ come un fumatore che decide di smettere di fumare. Il vizio, pur donando piacere incommensurabile, si converte automaticamente in senso di colpa. È questo che è successo a Marco Bandini, protagonista del romanzo: scrittore appassionato, a causa di un misterioso evento non riesce più a scrivere una sola parola e ciò che prima rappresentava l’unica via di fuga dalla realtà adesso diventa qualcosa di troppo pesante per essere sostenuta. Accanto a lui, i suoi amici Mike e Luca e due ragazze Alice e Michelle. Marco si innamora di Alice, ma nella notte il ricordo della sua ex ragazza Michelle torna a tormentarlo, impedendogli di superare alcuni sensi di colpa e vivere la vita in maniera spensierata. Entrambe sono l’emblema della voglia di andare avanti e delle paure che ci tengono legati e impossibilitati a conseguire qualsiasi passo verso la felicità. Un romanzo onirico, un funambolismo tra sogno e realtà, vita e fantasia, incarnano perfettamente le pagine del racconto, che non disdegna di fare riferimento al racconto di Alice nel Paese delle meraviglie, ma al contempo anche ad aspetti più concreti della realtà, legate alla società: Marco, infatti, stringerà una forte amicizia con due ragazzini rom e li difenderà contro le ingiustizie del campo in cui vivono; non solo, ma anche il terremoto dell’Aquila trova un posto d’onore nel libro. Insomma, Dietro anime d’inchiostro rivela perfettamente il nostro essere in assoluto frammentario, racconta la convivenza di caratteristiche spesso divergenti dentro ognuno di noi, all’apparenza inspiegabili. Dolce e salato, bianco e nero, in noi stessi si contrappongono anime che se fossero d’inchiostro potrebbero essere protagonisti dei nostri romanzi quotidiani. Come va a finire Dietro anime d’inchiostro? E via così, il pomeriggio è scorso tra una domanda e l’altra: il rapporto di Marco Chiaravalle con la scrittura, la presenza della sua personalità all’interno dei vari personaggi e, punto cruciale, il finale. Senza rivelare oltre, Ida Basile ha spiegato che il finale del romanzo è aperto e può essere sottoposto a interpretazioni varie. Il che potrebbe sembrare un aspetto negativo, ma, ha spiegato la scrittrice del blog ReadEat, in realtà invece potrebbe risultare un escamotage per lo scrittore al fine di coinvolgere attivamente il lettore e, attraverso le risposte diverse che coloro che lo leggono si forniscono, ci si può mettere qualcosa della propria anima.  

... continua la lettura
Teatro

Teatro in pillole all’Hart: giochi teatrali con Pirandello

Ritorna presso l’Hart l’appuntamento mensile di Teatro in Pillole, ideato e diretto da Stefania Russo. Il format, alla sua quarta edizione, vede cambiare la sua location e il suo tema di volta in volta. Giovedì 12 aprile è stato scelto come topic quello del Così è se vi pare, tratto da una famosissima commedia di Luigi Pirandello. Ospiti speciali Gabriella Cerino, direttrice del teatro Diana, e il pittore Massimiliano Mirabella, autore a fine serata di un vero e proprio tableau vivant. Teatro in pillole all’Hart, la verità pirandelliana In un’atmosfera molto informale, va in scena un vero e proprio contest teatrale: si sfidano tre attori amatoriali e tre attori professionisti e sarà poi il pubblico a decidere il vincitore di entrambe  le categorie. Tra un piatto di pasta e un bicchiere di vino si è assistito, comodamente seduti sulle poltrone del teatro, alla sfida a colpi di battute, intervallata dal commosso monologo sulla solitudine delle donne di Gabriella Cerino. Teatro in pillole all’Hart, attori amatoriali sfidano attori professionisti Per la categoria amatoriali Stefania Ciancio e Paolo Amodio hanno interpretato una coppia in crisi nella quale non si capisce bene chi sia la vittima e chi il carnefice; Paolo Alfaro ha portato sulla scena un monologo di Checov molto intenso sui danni del tabagismo, che in realtà si presenta più come pretesto per esprimere tutta la sofferenza dell’autore russo e la sua voglia di scappare lontano; Mariangela Saggese e Ivan Valentinelli sono stati invece due neo sposini all’apparenza molto innamorati. Per la categoria professionisti, invece, la spassosissima scenetta del Mago Sasà, prestigiatore e ventriloquo ha dato un tocco di leggerezza alla serata; a seguire Marcello Cozzolino con il suo racconto di com’è morto infilandosi un calzino. Infine, Paolo Gentile nel ruolo di un attore pronto a sacrificare tutto per ottenere fama, dimenticandosi tuttavia delle cose più essenziali. Come se si ritrovassero dopo molto tempo e decidessero di passare la serata a giocare al gioco da bambini “facciamo che io ero”, di volta in volta i personaggi hanno regalato performance diverse unite dal  fil rouge pirandelliano della verità sfuggente. Le scenette, infatti, erano accomunate dal fatto che lo spettatore pensasse che ciò che veniva inscenato non avesse segreti o seconde interpretazioni. In realtà, tutto era velato dalla sottile patina dell’apparenza e sotto sotto, andando a scavare nel profondo, la verità era altra da quella puramente estetica. Come insegna il caro Pirandello, non può esistere un’unica interpretazione del contingente, questa deve essere invece plurima, molteplice, cangiante. È una, nessuna e centomila. Teatro in pillole all’Hart, ma non solo Sono previste in tutto 10 cene-spettacolo alla fine delle quali i vincitori di ciascuna serata si sfideranno per il superamento della prova finale e il conseguimento del super premio. Per ulteriori informazioni sugli spettacoli visitate la pagina Facebook del gruppo Teatro in pillole.        

... continua la lettura
Libri

All’ombra di Julius di E.J. Howard- Fazi Editore

In tutte le librerie è in arrivo il 9 aprile il nuovo libro di Elizabeth Jane Howard, All’ombra di Julius, edito da Fazi Editori. La casa editrice ha precedentemente pubblicato della stessa autrice la ormai nota Saga dei Cazalet, ambientata in un arco cronologico che va dagli anni immediatamente precedenti alla seconda guerra mondiale fino al secondo dopoguerra, e che narra le vicende di una famiglia inglese al cui interno sono racchiuse ben tre generazioni. All’ombra di Julius è una storia che parla di molti argomenti, tocca temi importantissimi che se calati nel 1965, anno di scrittura del libro, hanno il potere di sorprendere il lettore per la loro enorme attualità. Ma se è possibile rintracciare un unico, vero protagonista, al di là dei personaggi di cui vengono narrate le vicende, quello è senz’altro l’amore in tutte le sue forme: per la patria, per una donna, per un uomo, per se stessi. All’ombra di Julius, una storia di speranza Julius è un padre affettuoso, legato alle sue due figlie, Cressy ed Emma, ma ancor di più attaccato all’ideale di amore per la patria e per il prossimo: è per questo che deciderà di partire volontario per la battaglia di Dunkerque (1940) al fine di arrestare l’avanzata tedesca e di evitare, così, lo sbarco dei nazisti sulle coste inglesi. A quel tempo lo scontro fu una vera e propria carneficina, ma il sacrificio di molti evitò la resa dell’Inghilterra, allora governata da Winston Churchill. Proprio il suo sacrificio e la sua morte influenzeranno le vite delle donne che ha lasciato a casa: Cressy, per tamponare l’insopportabile dolore si sposa giovanissima e giovanissima rimarrà vedova. Da allora vivrà solo di rapporti occasionali e fortuiti. Al contrario, Emma, la sorella più piccola, rifiuta relazioni con altri uomini a causa dei suoi impegni lavorativi e soprattutto perché non riesce a trovare nessuno che senta propriamente degno di starle accanto. E poi c’è Esme, madre delle due ragazze e moglie di Julius: fin da sposata intrattiene rapporti extraconiugali con Felix, di dieci anni più giovane, che tuttavia deciderà di allontanarsi da lei proprio quando si diffonde la notizia della morte di Julius. Infine Dan, estraneo alla famiglia, poeta stravagante ma al tempo stesso affascinante, legato ad Emma da un sentimento nuovo per entrambi. Vent’anni dopo la scomparsa di Julius i cinque si ritroveranno a passare un weekend tutti insieme nella casa di campagna di Esme. Quest’occasione sarà la miccia che farà esplodere nuove emozioni in tutti loro. Fare i conti col passato, con la costante presenza-assenza di Julius, realizzare che non tutto ciò in cui si crede può precludere l’esperienza di certe sensazioni, scoprire lati nascosti dell’altro pur conoscendolo da una vita, andare contro i propri pregiudizi, abbandonarsi senza razionalità alle suggestioni, disfarsi delle paure sono solo alcuni dei concetti toccati dalla penna leggera della Howard e che in parte ritroviamo anche nella saga dei Cazalet. All’ombra di Julius è il libro che racconta storie di insicurezze e paure, di cadute e rinascite, di amore che […]

... continua la lettura