Seguici e condividi:

Eroica Fenice

Culturalmente

Eduardo De Filippo compie 120 anni e torna in onda sulla Rai

In occasione del suo centoventesimo compleanno, la Rai ritrasmette le opere di Eduardo De Filippo, un viaggio nel pensiero dell’artista napoletano Eduardo De Filippo o più semplicemente: Eduardo Perché di Eduardo ce n’è uno. Il solo nome, infatti, è sufficiente ad identificare quella che è stata una delle migliori menti del panorama italiano. Drammaturgo, attore, scrittore, regista, pensatore, comunicatore. È forse l’ultima di queste parole che meglio descrive Eduardo De Filippo, nato a Napoli il 24 maggio del 1900. Quando si parla di Eduardo, il rischio è quello di cadere nella difficoltà, nell’imbarazzo, di dover descrivere qualcosa di indescrivibile e che, seppur descritto, perda almeno metà del suo valore. La stessa difficoltà che si ha nel racconto di un mito o di un amore, per intenderci. Impossibile da comunicare, per farlo, ci vorrebbe Eduardo. Nessuno è infatti riuscito altrettanto abilmente a portare sulle rumorose tavole di legno quell’umorismo che è “la parte amara della risata“, come lo definiva lui stesso. Eduardo ha riso e pianto sul palco, ha divertito e commosso. Non vi era singola parola che non fosse studiata, nella sua scrittura e nella sua pronuncia, né gesto lasciato al caso, né espressione non ricercata. “Sulla scena non c’è nessuno in Europa che gli si possa anche solo avvicinare“, così affermava Orson Welles, riferendosi all’autore napoletano. Il teatro di Eduardo, tra Cantate e umorismo “Chi per primo coniò l’espressione ‘non sentire il peso degli anni’ dovette sicuramente prendere Eduardo De Filippo come metro di giudizio”. Nel suo caso, infatti, il lascito artistico testimonia tutto, tranne i 120 anni che lo separano dalla sua nascita. Profondamente segnato dagli eventi del XX secolo, la sua evoluzione dal teatro macchiettistico (di forte influenza scarpettiana) a quello squisitamente umoristico, sicuramente più vicino al Maestro Pirandello (con cui collaborerà nella scrittura a 4 mani di L’abito Nuovo ma non solo: De Filippo riporterà in scena una versione napoletana de ‘Il Berretto A Sonagli’), ne testimonia grandezza e spirito di osservazione del  suo tempo. Ma anche grande intuito, apertura verso il nuovo, come dimostra il fatto che l’autore sia stato tra i primi a utilizzare il meccanismo televisivo in funzione del teatro, inaugurando per l’appunto il ciclo Rai “il Teatro di Eduardo”. Sicuramente, nell’ampia produzione teatrale di Eduardo (si parla di più di 60 opere scritte di suo pugno), è d’obbligo ricordare le due Cantate, raccolte di commedie selezionate dallo stesso De Filippo, che meglio permettono di entrare in quello che è uno dei mondi più interessanti mai raccontati. Nella Cantata Dei Giorni Dispari i temi si fanno sicuramente più cupi con l’incomunicabilità di Le voci di dentro, il dramma in Filumena Marturano, la disgregazione della famiglia presente in Gli Esami Non Finiscono Mai e Napoli Milionaria!, l’ingiustizia sociale che emerge in De Pretore Vincenzo e Il Sindaco Del Rione Sanità. È forse questa la produzione più ricordata e replicata di Eduardo, anche di recente, prendendo ad esempio La grande Magia, portata in scena da Lluìs Pasqual Il suo è un teatro malinconico, che sfrutta l’umorismo per […]

... continua la lettura
Musica

Benedetta Raina debutta con Frammenti, un EP Indie-Pop

Il biglietto da visita della giovane cantautrice Benedetta Raina è “Frammenti” (Noize Hills Records), un EP dai toni indie-pop di 5 tracce, disponibile su tutte le piattaforme dal 28 aprile Benedetta Raina si presenta fin da subito come un’incoraggiante promessa del panorama musicale italiano. Giovanissima, classe 2001, di Alessandria, fin da piccola legata alla musica, alla scrittura e alla composizione, si cimenta prima con testi in inglese e poi in italiano. Benedetta racconta e canta quella che è la sua realtà, quella della “generazione z” nelle sue sfumature, nei suoi Frammenti. Benedetta Raina e i primi passi, dai singoli all’EP Grazie anche alla collaborazione iniziata nel 2018 con l’etichetta Noize Hills Records, la cantautrice pubblica nel 2019 il singolo Basta, aprendo il sipario alla sua carriera in lingua italiana. Il brano (di cui è anche disponibile il video ufficiale su Youtube) riesce a dipingere perfettamente la condizione dell’artista e contemporaneamente quella di un’adolescente catapultata in un mondo molto più grande e caotico di quanto si possa a volte sopportare. L’esperimento del cambio lingua è sicuramente riuscito: ecco così arrivare, nel dicembre 2019, il nuovo lavoro “Davvero” e finalmente, la pubblicazione di Frammenti il 28 aprile 2020. L’indie pop al femminile di Frammenti Ricomprendendo anche i due singoli già rilasciati, Benedetta Raina esordisce con un EP “fotografico”. Le 5 tracce in cui il prodotto si snoda sono infatti 5 piccole istantanee della vita della cantante, scattate con gli occhi, ridisegnate con penna e produzioni musicali, per poi essere raccontate con il timbro estremamente particolare di Benedetta. Le atmosfere di Frammenti, perennemente in bilico tra spensieratezza e malinconia, richiamano sonorità che oscillano tra Lorde e California (Coma_Cose). Le produzioni colgono poi nel segno, riuscendo ad essere delicate ,ma di impatto. Meritevole di citazione in questo senso è sicuramente Non Me Ne Frega Se Non Ci Vedo Bene che riesce a cullare l’ascoltatore nelle strofe per poi lanciarlo in alto al momento giusto. Si sente chiaramente l’influenza di artisti contemporanei, e fra tutti il primo richiamo e punto di riferimento (forse scontato ma sicuramente coerente) è con Billie Eilish, campionessa di ascolti già nel 2019. Il velo di amarezza, sempre però accompagnato dall’impetuosità della giovinezza, è evidente in “Stata mai”, singolo estratto in rotazione radiofonica dal 1 maggio. La consapevolezza di raccontare un oggetto concreto e vicino a molti, la si evince già dal commento della cantautrice proprio su Stata mai:  «La delusione che ti provoca la fine di un’amicizia fa mettere in discussione prima di tutto te stessa, quando poi, ripensandoci, ti chiedi come hai fatto a screditarti per qualcuno che credevi amico. Una sorta di crisi d’identità». Sicuramente bisogna riconoscere anche il coraggio e la determinazione di questa giovane artista nel pubblicare il suo lavoro, Frammenti, in un contesto difficile come questo, nel quale però la musica può dimostrarsi (e sicuramente per molti è così) un importante strumento e motivo per andare oltre la finestra delle nostre stanze. E Frammenti è forse proprio questo: un’interessante finestra con vista sul mondo di Benedetta […]

... continua la lettura
Musica

Ghemon presenta il nuovo album Scritto Nelle Stelle

Dal 24 aprile, finalmente disponibile su tutte le piattaforme “Scritto nelle stelle”, il 6° album solista di Ghemon, ultimo progetto del rapper /bluesman avellinese Dopo un’iniziale spostamento della data d’uscita (originariamente prevista per il 20 marzo), Scritto Nelle Stelle (Carosello Records / Artist First) giunge sul mercato discografico. Ormai a 3 anni dal suo ultimo lavoro, Mezzanotte, Ghemon  (pseudonimo di Giovanni Luca Picariello) ritorna con il suo inconfondibile stile e la naturale capacità di fondere rap, soul, blues, funky e cantautorato italiano in un solo elemento inscindibile. Il cantante aveva già ottenuto recensioni positive sia con i precedenti lavori, sia con la sua partecipazione al Festival di Sanremo del 2019. Atteso dai fan, lo spostamento dell’uscita e del relativo tour (dal 4 aprile con partenza a Napoli, Common Ground) non hanno fermato l’artista campano, che arriva con un disco d’impatto, orecchiabile ma che non stanca, grazie anche al lessico ricercato e alle sonorità che variano dal jazz alla disco. Tra instore digitali, videoparty ufficiali e tracklist ipotetiche L’artista ha dimostrato un attaccamento ai fan non scontato, organizzando dirette Instagram e chiamate singole con coloro che hanno preordinato l’album. Sulla stessa frequenza è il video ufficiale del terzo singolo Buona Stella, visibile su Youtube. Il video risulta infatti essere un collage di numerose videochiamate di amici, fan e componenti della band intenti a cantare il brano, ciascuno nella propria casa, riuscendo a trasmettere un grande senso di positività e leggerezza che in questo momento risultano sicuramente non scontati, permettendoci una riflessione sul ruolo della musica anche in situazioni fuori dal comune come quella attuale. Durante la fase di rilascio dei singoli, l’artista aveva poi pubblicato sulla sua pagina Instragram diversi video in cui, raccontando il disco e la sua genesi, come un moderno Pollicino seminava briciole della tracklist da far indovinare ai suoi fan nei commenti, ricompensando i più intuitivi con pass backstage da utilizzare durante il tour. Track by track di Scritto Nelle Stelle: un incontro atteso tra rap e soul Il nuovo lavoro mette a nudo Ghemon come artista e persona, attraverso un album che ha come tema principale l’amore, le sue cause e relative conseguenze. Questioni Di Principio è il brano di apertura, già conosciuto in quanto primo singolo che il cantante aveva diffuso. Un’analisi pungente che l’artista compie su di sé, spingendosi a non accontentarsi o giustificarsi musicalmente e umanamente. In Un Certo Qual Modo: secondo brano, altro singolo. Ghemon tenta (e i numeri streaming gli danno ragione) la hit. La canzone ha chiare influenze disco, con un ritornello che entra in testa e fatica ad uscirne. Nel terzo brano Champagne, il cantautore ripercorre i passi di una vecchia storia conclusasi, brindando alla fine della relazione su una produzione estremamente funky. Segue nella tracklist Due Settimane, che riprende le vicende di un quotidiano diverbio di una coppia; traccia aiutata da una base particolarmente ricca, che rimanda ancora una volta alla disco anni ’70. Cosa Resta Di Noi è forse il lavoro più riuscito della prima parte dell’album . […]

... continua la lettura