Adele: la storia e la sua carriera musicale

Adele: la storia e la sua carriera musicale

Adele Laurie Blue Adkins, conosciuta semplicemente come Adele, è una cantautrice britannica che nasce a Londra il 5 maggio 1988. Considerata come una delle figure di spicco nel mondo della musica, nacque da Penny Adkins e Mark Evans. Dopo due anni dalla sua nascita, la madre poco più che ventenne si separò dal compagno e iniziò ad occuparsi da sola della figlia. I rapporti con il padre furono sempre meno frequenti, addirittura peggiorarono quando divenne dipendente dall’alcol, però furono recuperati quando la cantante iniziò ad ottenere fama.

Si interessò alla musica sin da bambina ascoltando gruppi come le Spice Girls e le Destiny’s Child, inoltre a 13 anni si iscrisse alla BRIT School, nota scuola di musica frequentata nello stesso periodo da Jessie J, altra cantante inglese. Adele si diplomò nel 2006 e iniziò a rincorrere il suo sogno caricando una serie di brani sul suo Myspace ottenendo così una serie di inviti a vari show televisivi britannici, apparizioni che le garantirono la base per il suo successo e le permisero di firmare un contratto con l’etichetta discografica XL Recordings.

La carriera musicale di Adele

Adele inizia ufficialmente la sua carriera nel 2008 con l’album ‘’19’’ che ha venduto oltre 6,5 milioni di copie ed è stato 8 volte disco di platino nel Regno unito. L’album si compone di 12 canzoni, ricordiamo Chasing Pavements e Hometown Glory’ che vennero pubblicate come singoli prima della sua uscita e cui titolo fa riferimento all’età in cui scrisse il disco, caratteristica comune agli altri titoli dei suoi album. Viene tematizzato quello che è l’amore, le delusioni, l’amicizia e le altre emozioni tipiche di una ragazza tra i 18 e 19 anni, inoltre il successo dell’album le permise di vincere il Grammy Award del 2009 come miglior artista esordiente. Un particolare interessante è la diffusione della notizia secondo cui l’ex ragazzo fosse intenzionato a farle causa per ottenere parte dei profitti della cantante, tutto ciò perché sosteneva che la sofferenza che le aveva causato era stata la base per la scrittura dei brani.

Segue l’album ‘’21’’ che venne pubblicato nel 2011, composto da 11 canzoni di cui due sono singoli Rolling in the Deep e Someone like You che insieme a Set Fire to the Rain sono sicuramente tra i brani più famosi dell’artista. Con queste canzoni raggiunse la vetta della Billboard Hot 100 e della Billboard 200, vetta mantenuta per 24 settimane consecutive. Il successo fu tale che ottenne la certificazione di 14 dischi di platino per aver venduto oltre 14 milioni di copie, tutte nel mercato statunitense. Inoltre “21” risulta essere il quarto album più venduto di sempre nel Regno unito. Lo stesso anno fu costretta a eliminare tutte le date del suo tour a causa di un emorragia alle corde vocali, che la costrinse a sottoporsi ad un intervento chirurgico. Poco dopo, il 12 febbraio 2012, ci furono i Grammy Awards ed in questo evento stabilì un altro record, ottenne ben 6 statuette diventando insieme a Beyoncé l’artista femminile ad averne ottenute di più in una sola serata. Vinse anche premi come ‘’Album Britannico dell’anno’’ e ‘‘Cantante femminile britannica’’ ai BRIT Awards 2012. Inoltre nello stesso anno annunciò di aspettare un figlio dal compagno Simon Konecki, con cui divorziò nel 2019 e che fu, tra le varie cose, la base per la scrittura del suo più recente album ‘’30’’.

Prima di questo e prima di ‘’25’’ pubblicò Skyfall, title track della serie cinematografica di James Bond, canzone che ebbe un enorme successo e oltre a scalare le classifiche di numerosi paesi ottenne prestigiosi riconoscimenti come il Golden Globe per la migliore canzone originale e un BRIT award come miglior singolo britannico. Inoltre, grazie al brano vinse l’Oscar alla miglior canzone e il suo decimo Grammy.  

Il 20 novembre 2015, dopo ben quattro anni di pausa, Adele pubblica il suo terzo album ‘’25’’ che viene anticipato dal singolo Hello, una delle canzoni più famose dell’artista. L’album debuttò con vendite enormi, negli Stati Uniti raggiunse tre milioni di copie vendute in una sola settimana, stabilendo così un altro primato. Il successo ovviamente fu mondiale, più di 20 milioni di copie furono vendute quell’anno, riconfermando l’artista come una delle più influenti di questo secolo. Oltre ad Hello vennero estratti altri tre singoli, quali: Water Under the Bridge, Send My Love e When We Were Young. Nel 2017, in occasione dei Grammy Award, Adele vinse tutte e cinque le categorie per cui era stata nominata, inoltre aprì la manifestazione eseguendo Hello e una reinterpretazione di Fastlove, canzone di George Micheal, scomparso due mesi prima.

Il 15 ottobre 2021 pubblicò Easy on me, singolo che anticipò il suo ritorno e che fa parte del suo quarto album ‘’30’’, pubblicato il 19 novembre dello stesso anno. L’album si diffuse così tanto che in soli due mesi diventò l’album più venduto del 2021, inoltre Easy on me è ad oggi la canzone che detiene il record per il maggior numero di riproduzioni in un singolo giorno (24 mililoni). Oltre Easy On Me dall’album venne estratto un altro singolo,  Oh My God, canzone dal ritmo calzante e più ‘’viva’’ rispetto a ciò che la cantante è solita produrre. Quest’album ha ottenuto numerose nomination, ben 5 ai Grammy Awards, invece ai BRIT Award ha vinto per ‘’Artista Britannica dell’anno’’ e ‘’Canzone britannica per Easy On Me’’. Si tratta di un album dove Adele si mostra più vulnerabile che mai, ricordiamo i brani My Little Love e To be Loved, nel primo appare la voce del figlio Angelo in quella che pare essere una conversazione reale con il figlio mentre il secondo brano è particolarmente caro all’artista, ha infatti detto che non lo canterà mai dal vivo, probabilmente a causa dell’impatto emotivo. Altra cosa interessante è che l’album, composto da 12 canzoni, è organizzato come una sorta di storia che viene raccontata partendo dal primo all’ultimo brano, storia che vede descritti i recenti avvenimenti della sua vita come il divorzio e tutto ciò legato ad esso, come gli effetti sul figlio e su se stessa.

 

Fonte immagine di copertina: cover dell’album 30

A proposito di Raffaele Pepe

Nato nel 2001, si appassiona sin da piccolo alla cultura e alla storia dell'Oriente, cosí inizia gli studi presso l'Orientale. É anche un amatore della lettura e dei prodotti audiovisivi.

Vedi tutti gli articoli di Raffaele Pepe

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *