Seguici e condividi:

Eroica Fenice

La Tag: comunicato stampa contiene 23 articoli

Comunicati stampa

O’ Pizzaiuolo di Sergio Miccù: presentazione a LaFeltrinelli di Napoli

Il 17 gennaio a LaFeltrinelli di Piazza dei Martiri sarà presentato, alle ore 17, il libro “O’ Pizzaiuolo” scritto da Sergio Miccù, presidente dell’Associazione Pizzaiuoli Napoletani (APN), edizione GM Press. Un volume, questo, dedicato alla professione strettamente napoletana del pizzaiolo, riconosciuta come patrimonio dell’umanità dall’UNESCO nel 2017. Quaranta storie a cui si affiancano volti e aneddoti di uomini e donne eredi della Napoli ante guerra, pizzaioli da generazioni, ragazzi cresciuti impastando, con vite trascorse, il più delle volte, tra i banconi delle pizze più che tra i banchi di scuola, con notti insonni passate a far crescere “la pasta” tra sacchi di farina e stenti. L’evento, moderato dalla scrittrice Francesca Scotto, vedrà la partecipazione, accanto all’autore Sergio Miccù, di Giuseppe Branca, editore GM press, e importanti Bookblogger, che diffonderanno l’evento attraverso dirette social in modo da raggiungere decine di migliaia di utenti contemporaneamente, tra i quali Emanuele Bosso (circa 9mila follower attivi su Instagram). A raccontarci la nascita, i segreti e i volti di chi vive ogni giorno l’arte della pizza in Italia e nel mondo le letture dell’attrice Enza Palumbo. O’ Pizzaiuolo è un dialogo a più voci, ma in una lingua sola: quella del pizzaiuolo. Un viaggio che percorre quaranta tappe per conoscere da vicino come nasce il prodotto culinario più famoso al mondo, attraverso aneddoti e storie di successo raccontate da importanti pizzaioli napoletani, i luoghi in cui questo pregiato prodotto della cucina campana vede la luce, gli ingredienti speciali con cui ogni piatto viene realizzato e, ovviamente, le ricette particolari che rendono ogni pizza unica nel suo genere. Un racconto in cui ogni pizzaiolo si è ritrovato con l’altro rispecchiandosi nella stessa realtà, sebbene ognuno con i propri ricordi familiari e le proprie emozioni. Nel libro O’ Pizzaiuolo, Sergio Miccù rivendica la dignità di un mestiere, quello del pizzaiuolo, da due anni riconosciuto come arte, sebbene non ancora asceso al rango di professione riconosciuta dallo Stato, il cui ruolo è da sempre contribuire, aldilà degli stereotipi, alla crescita di Napoli nel mondo. Di fatti il ricavato del libro andrà all’Associazione I Sedili di Napoli per contribuire al restauro di Santa Maria Stella Maris, una delle tante chiese abbandonate ubicate ai Decumani nello straordinario Centro Storico di Napoli. Alla presentazione saranno inoltre presenti gli sponsor Antimo Caputo (Mulino Caputo), Giuseppe Russo Krauss (Ideatore Scugnizzo Napoletano), Raffaele Maiello (Caseificio Orchidea), Antonello Sorrentino (Sorì), Marco D’Annibale (G Metal), Lino Cutolo (Ciao Pomodoro), Diego Rubino (Inpact).    

... continua la lettura
Comunicati stampa

Al Kestè nasce AperiKult

AperiKult è il nuovo format di aperitivi che fa della cultura l’ingrediente principale. Dal 13 dicembre mostre d’arte e performance, appuntamenti per grandi e piccini,musica live, libri, presentazioni e stand up comedy Un nuovo format che mette al centro la cultura, facendone l’ingrediente principale degli aperitivi, rendendoli unici, Kult! È AperiKult la nuova sfida lanciata dal Kestè, storico locale del centro di Napoli che da 22 anni fa di arte, musica, mostre, aggregazione e rivalutazione territoriale le parole chiave delle sue attività, divenendo ora anche il primo locale baby friendly di Napoli con una programmazione dedicata. Dal 13 dicembre ogni venerdì, sabato, domenica e martedì, dalle 19.00 alle 23.00, appuntamenti “a tema” dedicati a tutti i tipi di pubblico e a tutte le fasce di età. Si parte con “VenerdINart”, che aprirà il weekend con mostre, live painting, visual art e installazioni, accompagnate da una curata e raffinata selezione musicale, eventi che andranno ad aggiungersi alle oltre 130 esposizioni che il Kestè ha ospitato nel corso degli anni. Per la prima serata in programma l`evento “Live Tablet”, una mostra in cui saranno ripercorse tutte le azioni di live painting che si sono tenute durante la scorsa stagione del locale che hanno visto la partecipazione di oltre 70 disegnatori. Ci sarà spazio anche alla creazione di quattro nuove opere realizzate su tavolette, sempre in maniera estemporanea, sempre a cura di ospiti casuali che amano l’arte condivisa ed estemporanea.  I lavori resteranno esposti per tutto il periodo natalizio, in piazza, a creare una istallazione artistica, posta in risalto dalle luci natalizie. Una “luminaria d`autore dunque, quella del Kestè, i cui elementi potranno essere acquistati; le tavolette saranno infatti messe in vendita e il ricavato sarà raccolto nel “Karusiello”di Arteteka, l’associazione che si prende cura dei giardini e della riqualificazione di Largo San Giovanni Maggiore. Altra istallazione a cura di Francesca Pacelli: “Fravaglie Napoletane”, fibre ottiche e pesci fluo, troverà il suo spazio in una delle stanze buie di “Abbash”, gli spazi sotterranei, laboratorio di arte del Kestè. Le fravaglie al posto delle sardine, perchè “ogni mare ha il suo branco di pesci”. -La selezione musicale sarà a cura di Dj Umby. Il sabato sarà dedicato ai genitori e ai loro figli con PolliciniVerdi: i bambini potranno accompagnare gli adulti al Kestè, lasciarli per un aperitivo con drink e musica per dedicarsi a giochi, spettacoli, laboratori creativi e attività legate al green e all’ambiente. Per il primo appuntamento, sabato 14 in programma il laboratorio di pittura di RiciclArte a cura di Rosita Giardino L’aperitivo del 14 sostiene la campagna #prendi3#, campagna di attivismo ambientale che sensibilizza sulla buona pratica di prendere semplicemente 3 rifiuti a testa, contribuendo così al riciclo e alla pulizia. Chi porterà 3 pezzi di plastica riceverà in omaggio un Fiero Spritz, un nuovo aperitivo al 100% naturale a cura della storica casa Martini. La selezione musicale sarà a cura di Dj Soulfood. Dal 14 dicembre, i bimbi troveranno sempre a disposizione fogli, colori e giochi, oltre alla piazza pulita […]

... continua la lettura
Food

La Shell di Eugenio Tibaldi per il restyling del Nabilah

In Nabilah affida a Eugenio Tibaldi il suo restyling: una Shell (conchiglia) per la Villa romana di Bacoli. Luca Iannuzzi mette nelle mani e nello sguardo di Eugenio Tibaldi il suo Nabilah: il risultato è una Shell, una conchiglia ultramoderna dal fascino vintage, incastonata nella sabbia e nel tufo della Villa romana di Bacoli.  Il 1956 è stato il nostro punto di partenza. L’anno in cui il lido è stato costruito. Siamo partiti da qui per compiere uno slittamento in una sorta di “disio”, di “nostalgia per il futuro”: costruire un ambiente possibile ma non reale fatto di dettagli che rimandano ad un tempo altro, ad un futuro mancato che poteva essere. Un futuro utopico che contempla il passato come bagaglio, che registra gli errori e le incertezze come momenti di costruzione preziosa rivisitandoli in un’atmosfera che, con un termine partenopeo unico al mondo, si potrebbe definire di dolce “pucundria”. Queste le parole dell’artista che ha fatto della nostalgia, della “pucundria” la sua cifra stilistica e l’ha declinata, nel lavoro fatto per il Nabilah, in un vintage ricercato e raffinato, in un’atmosfera calda, soffusa e vagamente malinconica. La conchiglia di Tibaldi rientra probabilmente in quella scuola di pensiero che vuole le strutture in piena armonia, se non addirittura fuse e confuse, nel territorio in cui si sviluppano: e in effetti la conchiglia per i materiali utilizzati, per i colori, per la forma e per lo stesso concetto che la anima si confonde con i colori e le forme della spiaggia romana di Bacoli. Acciaio, legno, vetro e PVC, tecnologia e design, arte e architettura modellano una tensostruttura pensata per resistere al violento vento di Ponente che sferza la spiaggia in ogni stagione. Ma Tibaldi riesce nel miracolo di dare un’anima alla materia, di dare calore al vetro e al PVC, di dare una lacca vintage all’ipermoderno acciaio, di far dialogare tecnologia e natura, mondanità e storia, passato e presente. L’ambiente diventa uno spazio surreale, una bolla sospesa tra tempo e spazio: la tela e il legno si fondono con la sabbia, tre alberi, una Sterlizia Nicolai detta Semi di Uccello del Paradiso, un  Ficus Benjamin, una Dracaena Drago, rompono le barriere che separano l’interno dall’esterno, accessori da donna vengono celebrati in teche come opere d’arte, raffinatissimi suppellettili trasformano il cibo da bisogno primario in lusso, pensiero, produzione culturale, piacere.

... continua la lettura
Comunicati stampa

Centro Teatro Spazio, presentazione della stagione teatrale 2019/2020

Riparte la nuova stagione teatrale del Centro Teatro Spazio, il rinomato teatro di San Giorgio a Cremano fra tradizione e innovazione Giovedì, 3 ottobre ha avuto luogo al caffè letterario “Intra Moenia” la presentazione della nuova stagione teatrale del Centro Teatro Spazio 2019/2020.  Ha moderato la conferenza stampa lo scrittore e drammaturgo  Antonio Mocciola.  Nell’atmosfera alquanto rétro del caffè letterario il direttore artistico del teatro, Vincenzo Borrelli, prima di introdurre la presentazione degli spettacoli, ha voluto sottolineare il ‘nocciolo’ della ragione del suo infaticabile lavoro teatrale.  L’energia preziosa, atavica e che si conserva al  Teatro di via San Giorgio Vecchio, scaturisce da una sorgente infinita di passione, amore ancestrale, ambizione di fare teatro tout court e con professionalità, che nasce da quel lontano 1988, l’anno in cui Vincenzo decise di strappare al logorio incessabile del tempo e della incuria quel palco su cui aveva mosso i suoi primi passi della sua carriera il grande Massimo Troisi. L’ infinito amore per il teatro ha retto sulle molteplici difficoltà, con i quali ogni piccolo teatro deve necessariamente fare i conti nei nostri tempi, e il tempo ha restituito a Vincenzo Borrelli in ogni caso le sue soddisfazioni. Il direttore artistico ci ha tenuto a informarci che l’Accademia teatrale UNO SPAZIO PER IL TEATRO, gestita dallo stesso Borrelli, è stato riconosciuta dalla Regione Campania come scuola di formazione professionale allo spettacolo e a breve anche centro di formazione per la Regione, una scuola che ogni anno forma con professionalità  molteplici giovani, guidandoli attivamente e con consapevolezza verso l’impervio percorso della carriera teatrale e aprendogli le porte dello straordinario e catartico mondo del teatro e dell’arte. Borrelli ci ha tenuto, altresì, anche a spendere due parole sul ruolo culturale che incessantemente svolgono i piccoli teatri, molte delle volte attraverso mille difficoltà. Infatti, è innegabile la straordinaria qualità degli spettacoli che sembra essere inversamente proporzionale al seguito del pubblico. Dunque, Il direttore coglie l’occasione per spendere due parole sui piccoli teatri, sulla urgenza di fare squadra, di cooperare affinché si possa far luce nei meandri di quei palcoscenici, i quali più delle volte rimangono nell’ombra di una ingombrante superficialità, allargando anche il proprio pubblico. Non occorre, come spesso succede, farsi guerra addirittura tra piccoli teatri, ma cercare di lottare con tutte le forze per far luccicare quel vitale diamante prezioso che è il teatro e far rifulgere  in tutta la sua vividezza la vera arte. Gli spettacoli della nuova stagione teatrale del Centro Teatro Spazio Ad aprire le danze a questa nuova stagione teatrale sarà come sempre “O’ Curt” (11-12-13 ottobre), festival di corti teatrali che quest’anno farà parte dell’ambito premio Massimo Troisi. Successivamente, la stagione proseguirà  con: “Questa sera si recita a soggetto”, dall’1 al 17 novembre, per Uno Spazio per il Teatro produzioni, tratto da Luigi Pirandello con Vincenzo Borrelli e Rosaria De Cicco. Adattamento e Regia Vincenzo Borrelli. “Un comico da marciapiede”, spettacolo in programma il 24 novembre, di e con Nando Varriale che impone la sua presenza comica d’autore, sia per […]

... continua la lettura
Comunicati stampa

Vanilla Wine e Restaurant: laboratorio sensoriale di approccio al vino

Iniziano gli appuntamenti di approccio al vino al Vanilla Wine&Restaurant lungo la suggestiva costiera di Castellammare di Stabia. Dal prossimo 2 ottobre alle ore 20.00 avrà inizio il ciclo di appuntamenti dedicati all’approccio al vino. Il primo incontro sarà rivolto all’analisi sensoriale. Un viaggio esplorativo nell’affascinante mondo dei profumi, dei sapori e dei colori del vino. Si scoprirà in che forma i cinque sensi lavorano per raccontarci il vino, come interpretare i segnali che ci sono inviati dai sensi per poi tradurli e raccontare agli altri le nostre sensazioni. In questo primo corso introduttivo, saranno misurate le capacità sensoriali degli ospiti e saranno degustati i vini dalle diverse caratteristiche aromatiche. A seguire cena – degustazione a cura di con il seguente menu: Antipasto di benvenuto, Polpettina su crema di zucchine, Fagottino ripieno di ricotta e funghi, Maialino al forno bagnato al vino bianco con patate e piselli e dolce della casa. Per info e prenotazioni_E-mail [email protected]; Tel. 3518806095; Fb: Vanilla_Wine&Restaurant

... continua la lettura
Comunicati stampa

C.R.E.O, la call for artist di Machiavelli Music

Il bando C.R.E.O. nasce in collaborazione con l’associazione Artemista e con il sostegno del MiBACT e di SIAE, nell’ambito dell’iniziativa “Per Chi Crea” ed è rivolto ad artisti residenti in Italia e under 35. Gli artisti selezionati verranno accolti per un periodo di residenza creativa di 14 giorni presso il Centro Culturale Artemista di Spessa (PV) e saranno sostenuti da una borsa di studio. Lo spazio della residenza offre l’ambiente ideale per la creazione musicale ed il tempo, durante il soggiorno creativo, sarà quindi dedicato a: creazione, formazione, produzione. I tutor, professionisti nel settore musicale, offriranno un supporto su soluzioni creative, scelte di arrangiamento, pratiche esecutive, atte a rafforzare l’identità musicale di ogni progetto. Almeno uno dei brani prodotti durante la residenza sarà edito da Machiavelli Music ed incluso in un album digitale pubblicato sui principali store digitali (Spotify, Apple Music, Deezer…). Un evento live finale consentirà agli artisti di dare pubblica esecuzione ad una o più delle opere prodotte in un grande concerto-maratona che sarà ripreso e diffuso live streaming. Le proposte dovranno essere inviate entro il 10 ottobre 2019 via email, corredate di provino. La partecipazione alla selezione è gratuita. Qui trovate il testo completo del bando: versione online.

... continua la lettura
Comunicati stampa

Alessio Arena trio: il concerto al Museo Nitsch

Questa domenica 7 luglio ci sarà il concerto di Alessio Arena in trio presso l’incantevole terrazza del Museo Nitsch, a Vico Lungo Pontecorvo 29/d, nei pressi di Piazza Dante. L’ingresso è alle 19 e ci sarà prima la visita libera al museo e la degustazione di vino e alle 19:30, all’imbrunire, inizierà il concerto sulla terrazza del Museo. N.B. La prenotazione è obbligatoria! Alessio Arena, per l’occasione, presenterà il suo nuovo disco “Atacama!”, uscito a maggio del 2019 per Apogeo Records. Alessio Arena in trio: Alessio Arena: voce, chitarra, chitarrino napoletano Arcangelo Michele Caso: violoncello e mandoloncello Michele Maione: percussioni Napoli, classe 1984, cantascrittore formatosi tra Italia e Spagna, Alessio Arena pubblica a Barcellona i primi tre dischi (un EP e due album) in cui propone un’ inedita amalgama di lingue e tradizioni musicali. Lo stesso accade con i romanzi (quattro all’attivo, l’ultimo pubblicato da Fandango) dove una scrittura originale e visionaria si adegua a trame e personaggi coraggiosi. Il lavoro di Alessio Arena è situato a metà strada tra la canzone d’autore e la world music più viscerale. Il giovane chansonnier del Rione Sanità dipinge nella sua opera i paesaggi invisibili di un nuovo canzoniere mediterraneo. “Atacama!” Inciso tra Santiago del Cile, Barcellona e Napoli, Atacama! è il quarto disco del cantascrittore napoletano, il più camminante e ramingo, immaginato come l’avventura di un ritorno a casa. Alessio Arena duetta con grandi ospiti internazionali come il cileno Manuel García e la colombiana Marta Gómez, e affida il suono di queste canzoni di resistenza poetica e denuncia sociale al talento di diversi arrangiatori. Canzoni emozionanti che compongono il paesaggio inedito di un nuovo canzoniere, un personalissimo e struggente deserto fiorito. In allegato, trovi la scheda del gruppo e alcune foto, mentre qui di seguito trovi la pagina facebook: https://www.facebook.com/alessioarenaofficial/ Il costo del biglietto è di 15 euro, comprensivo dell’ingresso e della visita libera alla collezione museale, della degustazione di vino e del concerto. Per prenotare invia un’e-mail a [email protected] o chiama al 328-3849804 specificando il numero di prenotazioni, i nominativi e i recapiti cellulari. In caso di disdetta, comunicare entro le 48 ore precedenti l’evento per consentire l’inserimento di persone in lista di attesa. N.B. Per accedere al Museo il modo più comodo è da Piazza Gesù e Maria. È possibile parcheggiare nel garage Quadrifoglio a via Gesù e Maria 18 a pochi passi a piedi dal Museo Nitsch o per chi viene da Piazza Dante bisogna salire per salita Pontecorvo seguendo le indicazioni del Museo Nitsch.

... continua la lettura
Comunicati stampa

‘Li cunti’ di un cilentano di Raffaele Scorziello venerdì alla libreria IOCISTO

‘Li cunti’ di un cilentano di Raffaele Scorziello, Edizioni Magna Graecia, sarà presentato questo venerdì alla libreria IOCISTO di piazza Fuga a Napoli. Ne parlano Nunzia Gionfriddo (scrittrice e rappresentante Iplac per la Campania) e Prospero Albertini (fisico) tra le letture dell’attore Mario Mauro. Modera lo scrittore Luciano Galassi. Il tema di  ‘Li cunti’ di un cilentano, pubblicato postumo a cura di Vanda Riccio Scorziello, libro suddiviso per argomento in cinque parti, trae linfa dalla usanze e le abitudini di vita delle popolazioni cilentane dalla metà degli anni ’30 ai primi ’60 del secolo scorso. Non sono racconti di fantasia, dunque, ma più che uno spaccato di vita vissuta, e di memoria, in un arco di tempo che comprende il periodo del secondo conflitto mondiale e il suo Dopoguerra. L’autore, Raffaele Scorziello di origine cilentana, nato e vissuto a Roccadaspide, non ha mai spezzato il profondo legame con la sua gente e con il suo territorio nonostante da adulto fosse vissuto a Napoli. “Questi racconti, che l’autore avrebbe voluto ampliare, sono stati scritti a mano”, spiega la curatrice dell’opera, “solo pochi erano già stati trascritti sul PC. È toccato a me quindi mettere ordine tra i fogli, iniziando dai più autobiografici che riguardano la vita dei giovani di allora in quei luoghi, partendo proprio dalla sua esperienza; ecco così la sezione iniziale, Roccadaspide: la storia di uno di qua che comprende i primi dieci capitoli di cui l’ultimo, I bagni nel Calore, relativo ai ragazzi che, ormai adolescenti, si cimentano con i primi “contatti” con l’altro sesso”. Usi e costumi cilentani secondo Raffaele Scorziello La seconda parte riguarda gli usi e i costumi dei paesi cilentani, soprattutto nel mondo degli adulti, come il matrimonio e tutto ciò che concerne i preliminari e il fidanzamento nel modo in cui avvenivano in quel contesto. Rituali dimenticati, estranei alle nuove generazioni e, comunque, a chi ha sempre e solo abitato in zone metropolitane. “Seguono narrazioni un po’ più tecniche, relative a lavori di campagna e a quelli cosiddetti preindustriali”, continua Vanda Riccio Scorziello. Fede e credenze popolari è la parte in cui la fede è espressa in modo collettivo attraverso la Tredicina di Sant’Antonio e le Compagnie in pellegrinaggio al Sacro monte di Novi Velia. “In tempi difficili come quelli della guerra”, chiarisce Riccio Scorziello, “era facile passare dalla fede a credenze popolari a cui potersi “appigliare”, si credeva quindi alle cosiddette maare, benefiche fattucchiere sempre pronte a dare informazioni rassicuranti a quelle persone che attendevano notizie dei propri cari dal fronte da cui era molto difficile inviare lettere”. Così, come inizia con una nascita a Roccadaspide, il volume termina con Ritorno a Roccadaspide per la morte di un uomo, il Patriarca, il più anziano della sua contrada, che “aveva fatto del lavoro la sua fede”. “L’utilità di questo libro riguarda tutti noi”, tiene a precisare la curatrice della raccolta. “Gli anziani ritroveranno un po’ della loro esistenza da bambini e la potranno rapportare, nel bene e nel male, alla vita attuale. I […]

... continua la lettura
Eventi/Mostre/Convegni

Silvian Heach spring/summer 2019, la nuova collezione è pronta!

Pop Tropicale Party: collezione spring/summer 2019 di Silvian Heach nello store di via Nisco. Nello store Silvian Heach di via Nisco è ufficialmente cominciata l’estate: la collezione Silvian heach spring/summer 2019 con i suoi colori vividi e vitaminici spazza via il grigio di queste piovose giornate di maggio. Per presentarci la sua nuova collezione, Silvian Heach ha organizzato un evento nel cuore del quartiere Chiaia: il party Silvian Heach in mood Pop Tropicale, punto di incontro per fashion hunter, amiche, clienti, shopaholic, gente a caccia di tendenze o anche semplicemente passanti attratti dagli accattivanti colori e dalla musica di un evento che ha i contorni di un fashion mob. L’evento si è tenuto venerdì 17 maggio dalle 18 fino alle 21, nella sede di via Nisco: a scaldare il clima ancora un po’ freddo di questo maggio così incerto ci hanno pensato il soudtrack del dj Marco Piccolo, che ha sapientemente mixato pop, indie ed elettronica, il dolci della pasticceria Gay Odin e il bar catering di Matteo di Stasio con i suoi drink dal sapore tropical, per rimanere in tema! Tra la folla di invitati e curiosi in & out store, le modelle in outfit Silvian Heach hanno svelato alcuni pezzi della collezione Spring Summer 2019. La collezione presentata è in linea con l’identità del brand: giovane, grintosa e versatile. Colori acidi e freddi, come il menta, il giallo, il fuxia, stampe floreali, fantasie optical, audaci e inediti mix, intramontabili black and white campeggiano su un backdrop fatto di piante tropicali e animali wild e si fondono con l’atmosfera jungle e safari che fa da cornice all’evento e alla collezione stessa. Silvian Heach, inoltre, presenta una novità: il denim customizzato. Il jeans, con bande laterali a contrasto, si apre alla personalizzazione: con la calligraphy, tendenza design e street attualissima, il jeans porta sul lato posteriore maxi lettering nei colori bianco, nero, rosso o blu metal, con cui customizzare e dare identità al proprio jeans. Il servizio di customizzazione gratuito, può essere effettuato negli store, presso i rivenditori del brand e sul sito del brand www.silvianheach.com.

... continua la lettura
Comunicati stampa

7° FIM Salone della Formazione e dell’Innovazione Musicale

Il FIM, Salone della Formazione e dell’Innovazione Musicale, è l’evento italiano di riferimento per la ricerca, la formazione e per l’innovazione in ambito musicale che riunisce, in una rete solidale, università, centri di ricerca, scuole di musica pubbliche e private provenienti da tutta Italia, istituzioni regionali e comunali, una rete di musei cittadini visitata da migliaia di studenti e centinaia di insegnanti, importanti aziende leader nei diversi comparti, grandi e piccoli imprenditori che partecipano attivamente all’evento contribuendo a rendere ogni anno sempre più ricco e originale il programma di FIM con contenuti didattici, seminari, laboratori, workshop, show-case, talk, panel, concerti ed iniziative straordinarie. Nato da un’idea di Verdiano Vera, FIM è organizzato da Maia in collaborazione con L’associazione L’Alveare, BigBox freepress e Circolo Artistico Musicale Song ArsPopuli, con il supporto della Regione Lombardia, InLombardia, con il patrocinio del Comune di Milano (assessorato alla Cultura), la content partnership di Conservatorio di Milano, LIM – Laboratorio di Informatica Musicale dell’Università Statale di Milano, Politecnico di Milano, CESMA, Steinberg Media Technologies, Cluster, Mondomusica, Ottavanota e altre importanti realtà didattiche, gli educational partner Museo degli Strumenti Musicali del Castello Sforzesco, Museo della Scienza e della Tecnologia e Museo del Teatro Alla Scala di Milano. Il FIM 2019 è dedicato ai 500 anni dalla morte di Leonardo Da Vinci e il programma dell’evento prevede una serie di iniziative a tema tra cui la presenza di una riproduzione della fisarmonica disegnata da Leonardo Da Vinci, grazie alla partnership con Biasin Strumenti Musicali e alla presentazione delle innovazioni musicali più curiose e geniali del Premio Leonardo 2019 per la musica, con l’esposizione di alcune nuove “invenzioni” in ambito musicale. Dalle ore 9.30 alle ore 17.30 circa 2.600 studenti provenienti da scuole italiane medie e superiori a indirizzo musicale (accompagnati da circa 400 insegnanti) parteciperanno a un intenso programma di laboratori su vari argomenti della musica moderna i cui contenuti sono curati dai partner istituzionali LIM – Università Statale e Politecnico di Milano, quelli privati CESAM, Steinberg, Roland, Biasin e Insurance4Music e la partecipazione speciale di Christian Meyer (con Born4Music) e Cesareo (con Bespeco). Nel salone, l’originale studio di registrazione di vetro FIM Social posto al centro di Piazza Città di Lombardia e allestito all’interno di un BoxGlass fornito da Phonex International con la correzione acustica di StopSound e la gestione tecnica di Accademia del Suono ospiterà le performance live di decine di musicisti e band presentate da Alain DJ davanti al pubblico presente dotato di cuffie wireless fornite da LEM International – Silentsystem e a quello collegato in diretta via web sui social. L’Auditorium Testori (FIM Theater) accoglierà le esibizioni diurne delle numerose orchestre giovanili ospiti della manifestazione e presentate da Jocelyn Hattab e Giovanni La Grotteria (coordinatore del Progetto Educational del FIM), alcuni laboratori one shot e i concerti serali della serata inaugurale FIM Live InnovAction (15/5) con il “Dialogo per Tromba ed Ensemble di Api Operaie” di Marco Calvo e Francesco Cilione, “ViMotion” di Alessandro “Mynus” Scaglione (con la collaborazione di Ottavanota e la partecipazione […]

... continua la lettura