Seguici e condividi:

Eroica Fenice

La Tag: comunicato stampa contiene 17 articoli

Comunicati stampa

Alessio Arena trio: il concerto al Museo Nitsch

Questa domenica 7 luglio ci sarà il concerto di Alessio Arena in trio presso l’incantevole terrazza del Museo Nitsch, a Vico Lungo Pontecorvo 29/d, nei pressi di Piazza Dante. L’ingresso è alle 19 e ci sarà prima la visita libera al museo e la degustazione di vino e alle 19:30, all’imbrunire, inizierà il concerto sulla terrazza del Museo. N.B. La prenotazione è obbligatoria! Alessio Arena, per l’occasione, presenterà il suo nuovo disco “Atacama!”, uscito a maggio del 2019 per Apogeo Records. Alessio Arena in trio: Alessio Arena: voce, chitarra, chitarrino napoletano Arcangelo Michele Caso: violoncello e mandoloncello Michele Maione: percussioni Napoli, classe 1984, cantascrittore formatosi tra Italia e Spagna, Alessio Arena pubblica a Barcellona i primi tre dischi (un EP e due album) in cui propone un’ inedita amalgama di lingue e tradizioni musicali. Lo stesso accade con i romanzi (quattro all’attivo, l’ultimo pubblicato da Fandango) dove una scrittura originale e visionaria si adegua a trame e personaggi coraggiosi. Il lavoro di Alessio Arena è situato a metà strada tra la canzone d’autore e la world music più viscerale. Il giovane chansonnier del Rione Sanità dipinge nella sua opera i paesaggi invisibili di un nuovo canzoniere mediterraneo. “Atacama!” Inciso tra Santiago del Cile, Barcellona e Napoli, Atacama! è il quarto disco del cantascrittore napoletano, il più camminante e ramingo, immaginato come l’avventura di un ritorno a casa. Alessio Arena duetta con grandi ospiti internazionali come il cileno Manuel García e la colombiana Marta Gómez, e affida il suono di queste canzoni di resistenza poetica e denuncia sociale al talento di diversi arrangiatori. Canzoni emozionanti che compongono il paesaggio inedito di un nuovo canzoniere, un personalissimo e struggente deserto fiorito. In allegato, trovi la scheda del gruppo e alcune foto, mentre qui di seguito trovi la pagina facebook: https://www.facebook.com/alessioarenaofficial/ Il costo del biglietto è di 15 euro, comprensivo dell’ingresso e della visita libera alla collezione museale, della degustazione di vino e del concerto. Per prenotare invia un’e-mail a [email protected] o chiama al 328-3849804 specificando il numero di prenotazioni, i nominativi e i recapiti cellulari. In caso di disdetta, comunicare entro le 48 ore precedenti l’evento per consentire l’inserimento di persone in lista di attesa. N.B. Per accedere al Museo il modo più comodo è da Piazza Gesù e Maria. È possibile parcheggiare nel garage Quadrifoglio a via Gesù e Maria 18 a pochi passi a piedi dal Museo Nitsch o per chi viene da Piazza Dante bisogna salire per salita Pontecorvo seguendo le indicazioni del Museo Nitsch.

... continua la lettura
Comunicati stampa

‘Li cunti’ di un cilentano di Raffaele Scorziello venerdì alla libreria IOCISTO

‘Li cunti’ di un cilentano di Raffaele Scorziello, Edizioni Magna Graecia, sarà presentato questo venerdì alla libreria IOCISTO di piazza Fuga a Napoli. Ne parlano Nunzia Gionfriddo (scrittrice e rappresentante Iplac per la Campania) e Prospero Albertini (fisico) tra le letture dell’attore Mario Mauro. Modera lo scrittore Luciano Galassi. Il tema di  ‘Li cunti’ di un cilentano, pubblicato postumo a cura di Vanda Riccio Scorziello, libro suddiviso per argomento in cinque parti, trae linfa dalla usanze e le abitudini di vita delle popolazioni cilentane dalla metà degli anni ’30 ai primi ’60 del secolo scorso. Non sono racconti di fantasia, dunque, ma più che uno spaccato di vita vissuta, e di memoria, in un arco di tempo che comprende il periodo del secondo conflitto mondiale e il suo Dopoguerra. L’autore, Raffaele Scorziello di origine cilentana, nato e vissuto a Roccadaspide, non ha mai spezzato il profondo legame con la sua gente e con il suo territorio nonostante da adulto fosse vissuto a Napoli. “Questi racconti, che l’autore avrebbe voluto ampliare, sono stati scritti a mano”, spiega la curatrice dell’opera, “solo pochi erano già stati trascritti sul PC. È toccato a me quindi mettere ordine tra i fogli, iniziando dai più autobiografici che riguardano la vita dei giovani di allora in quei luoghi, partendo proprio dalla sua esperienza; ecco così la sezione iniziale, Roccadaspide: la storia di uno di qua che comprende i primi dieci capitoli di cui l’ultimo, I bagni nel Calore, relativo ai ragazzi che, ormai adolescenti, si cimentano con i primi “contatti” con l’altro sesso”. Usi e costumi cilentani secondo Raffaele Scorziello La seconda parte riguarda gli usi e i costumi dei paesi cilentani, soprattutto nel mondo degli adulti, come il matrimonio e tutto ciò che concerne i preliminari e il fidanzamento nel modo in cui avvenivano in quel contesto. Rituali dimenticati, estranei alle nuove generazioni e, comunque, a chi ha sempre e solo abitato in zone metropolitane. “Seguono narrazioni un po’ più tecniche, relative a lavori di campagna e a quelli cosiddetti preindustriali”, continua Vanda Riccio Scorziello. Fede e credenze popolari è la parte in cui la fede è espressa in modo collettivo attraverso la Tredicina di Sant’Antonio e le Compagnie in pellegrinaggio al Sacro monte di Novi Velia. “In tempi difficili come quelli della guerra”, chiarisce Riccio Scorziello, “era facile passare dalla fede a credenze popolari a cui potersi “appigliare”, si credeva quindi alle cosiddette maare, benefiche fattucchiere sempre pronte a dare informazioni rassicuranti a quelle persone che attendevano notizie dei propri cari dal fronte da cui era molto difficile inviare lettere”. Così, come inizia con una nascita a Roccadaspide, il volume termina con Ritorno a Roccadaspide per la morte di un uomo, il Patriarca, il più anziano della sua contrada, che “aveva fatto del lavoro la sua fede”. “L’utilità di questo libro riguarda tutti noi”, tiene a precisare la curatrice della raccolta. “Gli anziani ritroveranno un po’ della loro esistenza da bambini e la potranno rapportare, nel bene e nel male, alla vita attuale. I […]

... continua la lettura
Eventi/Mostre/Convegni

Silvian Heach spring/summer 2019, la nuova collezione è pronta!

Pop Tropicale Party: collezione spring/summer 2019 di Silvian Heach nello store di via Nisco. Nello store Silvian Heach di via Nisco è ufficialmente cominciata l’estate: la collezione Silvian heach spring/summer 2019 con i suoi colori vividi e vitaminici spazza via il grigio di queste piovose giornate di maggio. Per presentarci la sua nuova collezione, Silvian Heach ha organizzato un evento nel cuore del quartiere Chiaia: il party Silvian Heach in mood Pop Tropicale, punto di incontro per fashion hunter, amiche, clienti, shopaholic, gente a caccia di tendenze o anche semplicemente passanti attratti dagli accattivanti colori e dalla musica di un evento che ha i contorni di un fashion mob. L’evento si è tenuto venerdì 17 maggio dalle 18 fino alle 21, nella sede di via Nisco: a scaldare il clima ancora un po’ freddo di questo maggio così incerto ci hanno pensato il soudtrack del dj Marco Piccolo, che ha sapientemente mixato pop, indie ed elettronica, il dolci della pasticceria Gay Odin e il bar catering di Matteo di Stasio con i suoi drink dal sapore tropical, per rimanere in tema! Tra la folla di invitati e curiosi in & out store, le modelle in outfit Silvian Heach hanno svelato alcuni pezzi della collezione Spring Summer 2019. La collezione presentata è in linea con l’identità del brand: giovane, grintosa e versatile. Colori acidi e freddi, come il menta, il giallo, il fuxia, stampe floreali, fantasie optical, audaci e inediti mix, intramontabili black and white campeggiano su un backdrop fatto di piante tropicali e animali wild e si fondono con l’atmosfera jungle e safari che fa da cornice all’evento e alla collezione stessa. Silvian Heach, inoltre, presenta una novità: il denim customizzato. Il jeans, con bande laterali a contrasto, si apre alla personalizzazione: con la calligraphy, tendenza design e street attualissima, il jeans porta sul lato posteriore maxi lettering nei colori bianco, nero, rosso o blu metal, con cui customizzare e dare identità al proprio jeans. Il servizio di customizzazione gratuito, può essere effettuato negli store, presso i rivenditori del brand e sul sito del brand www.silvianheach.com.

... continua la lettura
Comunicati stampa

7° FIM Salone della Formazione e dell’Innovazione Musicale

Il FIM, Salone della Formazione e dell’Innovazione Musicale, è l’evento italiano di riferimento per la ricerca, la formazione e per l’innovazione in ambito musicale che riunisce, in una rete solidale, università, centri di ricerca, scuole di musica pubbliche e private provenienti da tutta Italia, istituzioni regionali e comunali, una rete di musei cittadini visitata da migliaia di studenti e centinaia di insegnanti, importanti aziende leader nei diversi comparti, grandi e piccoli imprenditori che partecipano attivamente all’evento contribuendo a rendere ogni anno sempre più ricco e originale il programma di FIM con contenuti didattici, seminari, laboratori, workshop, show-case, talk, panel, concerti ed iniziative straordinarie. Nato da un’idea di Verdiano Vera, FIM è organizzato da Maia in collaborazione con L’associazione L’Alveare, BigBox freepress e Circolo Artistico Musicale Song ArsPopuli, con il supporto della Regione Lombardia, InLombardia, con il patrocinio del Comune di Milano (assessorato alla Cultura), la content partnership di Conservatorio di Milano, LIM – Laboratorio di Informatica Musicale dell’Università Statale di Milano, Politecnico di Milano, CESMA, Steinberg Media Technologies, Cluster, Mondomusica, Ottavanota e altre importanti realtà didattiche, gli educational partner Museo degli Strumenti Musicali del Castello Sforzesco, Museo della Scienza e della Tecnologia e Museo del Teatro Alla Scala di Milano. Il FIM 2019 è dedicato ai 500 anni dalla morte di Leonardo Da Vinci e il programma dell’evento prevede una serie di iniziative a tema tra cui la presenza di una riproduzione della fisarmonica disegnata da Leonardo Da Vinci, grazie alla partnership con Biasin Strumenti Musicali e alla presentazione delle innovazioni musicali più curiose e geniali del Premio Leonardo 2019 per la musica, con l’esposizione di alcune nuove “invenzioni” in ambito musicale. Dalle ore 9.30 alle ore 17.30 circa 2.600 studenti provenienti da scuole italiane medie e superiori a indirizzo musicale (accompagnati da circa 400 insegnanti) parteciperanno a un intenso programma di laboratori su vari argomenti della musica moderna i cui contenuti sono curati dai partner istituzionali LIM – Università Statale e Politecnico di Milano, quelli privati CESAM, Steinberg, Roland, Biasin e Insurance4Music e la partecipazione speciale di Christian Meyer (con Born4Music) e Cesareo (con Bespeco). Nel salone, l’originale studio di registrazione di vetro FIM Social posto al centro di Piazza Città di Lombardia e allestito all’interno di un BoxGlass fornito da Phonex International con la correzione acustica di StopSound e la gestione tecnica di Accademia del Suono ospiterà le performance live di decine di musicisti e band presentate da Alain DJ davanti al pubblico presente dotato di cuffie wireless fornite da LEM International – Silentsystem e a quello collegato in diretta via web sui social. L’Auditorium Testori (FIM Theater) accoglierà le esibizioni diurne delle numerose orchestre giovanili ospiti della manifestazione e presentate da Jocelyn Hattab e Giovanni La Grotteria (coordinatore del Progetto Educational del FIM), alcuni laboratori one shot e i concerti serali della serata inaugurale FIM Live InnovAction (15/5) con il “Dialogo per Tromba ed Ensemble di Api Operaie” di Marco Calvo e Francesco Cilione, “ViMotion” di Alessandro “Mynus” Scaglione (con la collaborazione di Ottavanota e la partecipazione […]

... continua la lettura
Comunicati stampa

7° FIM Salone della Formazione e dell’Innovazione Musicale

Piazza delle Città di Lombardia – Milano 16 e 17 maggio 2019 Il FIM, Salone della Formazione e dell’Innovazione Musicale, è l’evento italiano di riferimento per la ricerca, la formazione e per l’innovazione in ambito musicale che riunisce, in una rete solidale, università, centri di ricerca, scuole di musica pubbliche e private provenienti da tutta Italia, istituzioni regionali e comunali, una rete di musei cittadini visitata da migliaia di studenti e centinaia di insegnanti, importanti aziende leader nei diversi comparti, grandi e piccoli imprenditori che partecipano attivamente all’evento contribuendo a rendere ogni anno sempre più ricco e originale il programma di FIM con contenuti didattici, seminari, laboratori, workshop, show-case, talk, panel, concerti ed iniziative straordinarie. Nato da un’idea di Verdiano Vera, FIM è organizzato da Maia in collaborazione con L’associazione L’Alveare, BigBox freepress e Circolo Artistico Musicale Song ArsPopuli, con il supporto della Regione Lombardia, InLombardia, con il patrocinio del Comune di Milano (assessorato alla Cultura), la content partnership di Conservatorio di Milano, LIM – Laboratorio di Informatica Musicale dell’Università Statale di Milano, Politecnico di Milano, CESMA, Steinberg Media Technologies, Cluster, Mondomusica, Ottavanota e altre importanti realtà didattiche, gli educational partner Museo degli Strumenti Musicali del Castello Sforzesco, Museo della Scienza e della Tecnologia e Museo del Teatro Alla Scala di Milano. Il FIM 2019 è dedicato ai 500 anni dalla morte di Leonardo Da Vinci e il programma dell’evento prevede una serie di iniziative a tema tra cui la presenza di una riproduzione della fisarmonica disegnata da Leonardo Da Vinci, grazie alla partnership con Biasin Strumenti Musicali e alla presentazione delle innovazioni musicali più curiose e geniali del Premio Leonardo 2019 per la musica, con l’esposizione di alcune nuove “invenzioni” in ambito musicale. Dalle ore 9.30 alle ore 17.30 circa 2.600 studenti provenienti da scuole italiane medie e superiori a indirizzo musicale (accompagnati da circa 400 insegnanti) parteciperanno a un intenso programma di laboratori su vari argomenti della musica moderna i cui contenuti sono curati dai partner istituzionali LIM – Università Statale e Politecnico di Milano, quelli privati CESAM, Steinberg, Roland, Biasin e Insurance4Music e la partecipazione speciale di Christian Meyer (con Born4Music) e Cesareo (con Bespeco). Nel salone, l’originale studio di registrazione di vetro FIM Social posto al centro di Piazza Città di Lombardia e allestito all’interno di un BoxGlass fornito da Phonex International con la correzione acustica di StopSound e la gestione tecnica di Accademia del Suono ospiterà le performance live di decine di musicisti e band presentate da Alain DJ davanti al pubblico presente dotato di cuffie wireless fornite da LEM International – Silentsystem e a quello collegato in diretta via web sui social. L’Auditorium Testori (FIM Theater) accoglierà le esibizioni diurne delle numerose orchestre giovanili ospiti della manifestazione e presentate da Jocelyn Hattab e Giovanni La Grotteria (coordinatore del Progetto Educational del FIM), alcuni laboratori one shot e i concerti serali della serata inaugurale FIM Live InnovAction (15/5) con il “Dialogo per Tromba ed Ensemble di Api Operaie” di Marco Calvo e Francesco Cilione, “ViMotion” […]

... continua la lettura
Comunicati stampa

Invito Conferenza Stampa di presentazione FIM 6 Maggio: Conservatorio Giuseppe Verdi di Milano

7° FIM SALONE DELLA FORMAZIONE E DELL’INNOVAZIONE MUSICALE 2019 MILANO – 16/17 MAGGIO 2019 Lunedì 6 Maggio 2019 | ore 11.00 Conservatorio Giuseppe Verdi di Milano Foyer della Sala Verdi – Via Conservatorio, 12 Al termine della conferenza stampa, e per la prima volta al Conservatorio Giuseppe Verdi di Milano, la ricostruzione della fisarmonica disegnata da Leonardo Da Vinci suonerà per l’occasione nelle mani di Denis Biasin accompagnato al violoncello da Riccardo Pes.   Per informazioni: www.fimfiera.it Info Line: +39 010 86 06 461 E-Mail: [email protected]

... continua la lettura
Comunicati stampa

Take me to Church presenta Fabrizio Cammarata

Domenica 28 aprile alle 20.30 ritorna Take Me To Church, rassegna musicale organizzata da Apogeo Records. Ospite di questo terzo appuntamento il palermitano Fabrizio Cammarata che presenterà il suo ultimo disco Lights. L’appuntamento è per i partecipanti presso la Chiesa di San Severo fuori le Mura in Piazzetta San Severo a Capodimonte 15 – Rione Sanità alle ore 19,00. Prodotto da Dani Castelar (Paolo Nutini, Editors, REM), LIGHTS esalta il songwriting maturo e delicato di Fabrizio Cammarata, allargando il suo universo sonoro come mai prima d’ora. Le tastiere ed i synth danno profondità alla natura folk dei brani, mentre la geografia delle influenze musicali arriva fino alla tradizione iberica del flamenco (All Is Brighter) ed ad un delicato passo del cantautore in italiano (il ritornello di Cassiopea). LIGHTS rinnova così il racconto folk di Fabrizio Cammarata, mettendo in equilibrio delicatezza narrativa ed esplorazioni sonore: i brani danno vita a una costellazione musicale unica, destinata a incantare sui palchi di tutto il mondo. Nonostante un processo creativo tumultuoso e inquieto, in Lights risplendono speranze ed inni alla vita: “Nel disco non c’è neanche un momento negativo. È un rifiuto dell’egotismo ed una celebrazione dell’unione e della solidarietà”. Si intrecciano così riflessioni sull’importanza delle verità più profonde, che scaturiscono dal fermarsi (Run Run Run) e parole d’amore romanticamente lasciate al vento, come quelle di Timbuktu. In Eileen, Fabrizio esplora il tema della libertà raggiungibile in una relazione d’amore: sottile ma non per questo debole. “Ho trovato ispirazione in una bellissima metafora di un poeta bengalese: l’amore è come un elefante che vuole essere legato ad un palo con un sottile filo di seta. Può scappare quando vuole e senza fatica, ma non lo fa: sceglie il legame, ed è comunque libero”. Info evento Prenotazione obbligatoria compilando il form sul sito Apogeo Records Costo del biglietto €10,00 da pagare in loco La quota include: ingresso al concerto + calice di vino + tarallo + visita guidata della location

... continua la lettura
Comunicati stampa

Musica e tecnologia: studiare con le App e i pianoforti digitali Roland

Quando parliamo di nuove tecnologie, la nostra mente va quasi sempre a prodotti che hanno cambiato la nostra vita Un esempio su tutti? I computer, gli smartphone e i tablet del marchio della mela morsicata… Ebbene, anche nella musica elettronica ci sono marchi che hanno prodotto pietre miliari dell’evoluzione tecnologica in questo settore. Uno di questi è il giapponese Roland. I suoi primi sintetizzatori MIDI, le batterie elettroniche e le bass machine, gli effetti a pedale fino alle loopstation, i pianoforti digitali e le fisarmoniche in tecnologica physical modeling (sintesi a modelli fisici) sono tutti strumenti Roland che identificano precisi step evolutivi nell’ambito della musica elettronica. Un marchio con una storia del genere alle spalle ha le carte in regola per proporre un laboratorio interessante per gli studenti delle scuole medie e superiori che visiteranno il FIM, Salone della Formazione e dell’Innovazione Musicale che si terrà in Piazza Delle Città di Lombardia a Milano nei giorni 16 e 17 maggio 2019. Claudio Marini, Piano Product Sales Specialist di Roland Europe racconterà ai ragazzi come è possibile sfruttare l’interazione tra i pianoforti digitali Roland e le App anche di altri produttori per facilitare e rendere più stimolante lo studio della musica e dello strumento. Appuntamento con Roland alle ore 11.00 del giorno 16 maggio 2019 nell’auditorium FIM Theater. I 2.600 ragazzi provenienti da scuole medie e superiori italiane parteciperanno a una ventina di altri laboratori offerti dai prestigiosi partner istituzionali e privati del FIM, il cui programma completo è ancora in via di definizione. DETTAGLI Per informazioni: www.fimfiera.it Info Line: +39 010 86 06 461 E-Mail: [email protected]    

... continua la lettura
Comunicati stampa

‘BELLA CIAO’ un’inedita versione di un canto popolare, un inno di Libertà e Resistenza umana, sociale e civile

Pochi artisti oggi in Italia possono scegliere di interpretare un canto così conosciuto e profondamente significativo come Bella Ciao e riuscire nell’intento di creare un’opera allo stesso tempo nuova e intensa come hanno fatto i Marlene Kuntz. La loro versione è infatti una canzone che conserva tutta la forza e l’urgenza dell’originale, così come è cantata e amata in tutto il mondo, ma allo stesso tempo si rivela un brano del tutto attuale e profondamente radicato nel tempo presente, sia dal punto di vista musicale che artistico, sociale e culturale. Ne è prova la scelta di Riace come luogo reale e ideale dove girare il video che accompagna questa nuova interpretazione. Che i Marlene Kuntz abbiano voluto lanciare un segno forte e preciso, così legato ai tempi che viviamo, è evidente. Un segnale all’insegna di senso etico e civico. Ma la loro è anche e soprattutto un’operazione artistica, destinata a rimanere nel tempo. In trent’anni di carriera la band capitanata da Cristiano Godano ha già dato ampiamente prova di saper arrivare in modo forte e memorabile al pubblico, spesso proprio grazie a singoli che sono penetrati sotto la pelle di una platea che va ben al di là di quella dei fan di più lunga data. Lungo il cammino che li ha portati alla pubblicazione di ‘Bella Ciao’, i Marlene Kuntz ritrovano anche la straordinaria collaborazione con Skin. La partecipazione convinta dell’artista britannica al progetto, la sua interpretazione e la sua voce accanto a quella di Godano aggiungono al brano una profondità, un’atmosfera e un impatto ancora più forte, coinvolgente, unico e memorabile. «Bella Ciao è un canto per la libertà, il canto di tutti. Noi invitiamo le persone ad abbracciarsi, non a dividersi, e la libertà è il presupposto principale per avere lo stato d’animo positivo e buono per farlo. Non si tratta di buonismo, e nemmeno di avere soluzioni in tasca a problemi enormi destinati a diventare sempre più complessi, ma di avere la mente predisposta a sentimenti di pace, a comprendere gli altri, a cercare soluzioni umane per tutti, a mantenere la calma. “Bella ciao” dunque è l’emblema della resistenza nei confronti di una deriva che consideriamo portatrice di tensioni. E, dal nostro punto di vista, di valori ben poco poetici. E siccome la poesia piace a tutti, facciamo in modo di essere coerenti con questo slancio poetico insito nell’essere umano. I Marlene Kuntz hanno sempre voluto contribuire alla diffusione del fare e del vivere poetici, e chi ci segue lo considera un nostro valore riconosciuto e stimabile. Per noi è dunque particolarmente importante sottolineare la radiosa bellezza di un mondo che sia vario, armonioso e melodico, perché varietà, armonia e melodia, sono requisiti essenziali della poesia. I muri reali o ideologici che vogliono dividerlo di questi tempi paiono voler distruggere queste premesse: pienezza e varietà di volti e parole che nella loro abbondanza creano, ciascuno nel loro ambito, un risultato magnifico e poetico. Per noi il mondo è magnifico perché è vario, non perché è chiuso […]

... continua la lettura
Comunicati stampa

La scuola di musica Cluster al FIM con una serata speciale

La scuola di musica Cluster al FIM di Milano con una serata speciale In occasione del FIM – Salone della Formazione e dell’Innovazione Musicale, Giovedì 16 maggio 2019 alle ore 21.00, presso l’Auditorium Testori, all’interno del Palazzo della Regione Lombardia, Cluster presenta una serata unica nel suo genere: quattro diverse formazioni, quattro diversi generi: pop italiano e straniero, jazz e gospel. • Cluster Pop Choir • Cluster Voices (Special guest: Rossana Casale) • Cluster Gospel Choir • Cluster Big Band (Special guest: Giovanni Falzone) Ingresso al pubblico dalle ore 20.30 Lo speciale concerto, con cui gli allievi dei corsi intermedi e avanzati della Scuola si esibiranno, ricalca il tradizionale stile degli spettacoli Cluster, un grande e travolgente pot-pourri musicale in cui l’esibizione sarà affidata, come la tradizione Cluster vuole, solo ed esclusivamente ai giovani allievi della scuola. Special guest della serata saranno Rossana Casale e Giovanni Falzone che duetteranno con gli allievi della scuola per creare qualcosa di unico nel suo genere. La prima parte del concerto vedrà protagonisti i cori ragazzi, un’armonia di voci al servizio delle grandi hit pop che hanno fatto la storia. La seconda parte sarà un omaggio alla musica di Rossana Casale, grande artista della musica italiana che duetterà, insieme agli allievi dei corsi intermedi e avanzati di canto, sulle note dei grandi successi che l’hanno resa famosa. Nella terza parte il coro gospel adulti di 40 elementi, con i giovani solisti dei corsi di canto e una band di 4 giovani e talentuosi musicisti (pianoforte, chitarra, basso e batteria), ci condurrà nel groove del Black Traditional Gospel. Infine, l’ultima parte sorprenderà il pubblico con la Big Band Cluster diretta da Valentino Finoli e che vedrà la partecipazione, come special guest, del celebre trombettista Giovanni Falzone. L’intera serata sarà all’insegna del contagioso spirito Cluster: Music&Life! 20€: Prezzo scontato per allievi e familiari Cluster 30€: Prezzo al pubblico La Scuola di Musica Cluster, nata nel 1999, oggi conta oltre 1.000 allievi e un corpo docenti stabile di 40 insegnanti ed è un importante centro di formazione musicale a livello nazionale. • Ente accreditato dalla Regione Lombardia per i Servizi di Istruzione e Formazione • Certificata per la qualità ISO 9001:2015 • Sede autorizzata dal Trinity College of London per il rilascio di certificazioni internazionali Rock&Pop e Classical dal livello base al diploma • Scuola convenzionata con il Conservatorio di Milano per i corsi preaccademici. Grazie ai percorsi formativi offerti e alle numerose specializzazioni dei docenti, l’allievo acquisisce tutti gli strumenti utili alla propria crescita musicale. Con le lezioni individuali (Canto; Pianoforte; Chitarra; Flauto; Violino; Clarinetto; Sassofono; Tromba; Basso elettrico; Percussioni; Batteria) e gli oltre 80 corsi collettivi complementari (Teoria Musicale; Armonia moderna; Storia della Musica ad indirizzo Jazz, Classico e Rock&Pop; Teoria ritmica e percezione musicale; Armonia; Computer Music; Songwriting; Coro gospel e pop-moderno; Musica d’insieme; Big Band; Ensemble di Fiati; Orchestra; Chitarra d’accompagnamento; Musica da camera e prima vista; Improvvisazione e prima vista;) nel corso degli anni di studio, l’allievo si trova a vivere una […]

... continua la lettura