Seguici e condividi:

Eroica Fenice

Una mela al giorno toglie il medico di torno

Una mela al giorno toglie il medico di torno: da proverbio a verità scientifica

La parola mela deriva dal latino malum, a sua volta risalente al greco mêlon, con radice –mal probabilmente indoeuropea, portatrice del significato “molle” o “dolce”. La sua etimologia è già indicativa di una delle caratteristiche più apprezzate della mela, cioè l’ottimo sapore zuccherino (fortunatamente) associato a un basso apporto calorico.

È il frutto che per eccellenza ci fa compagnia tutto l’anno in quanto è il più destagionalizzato, e anche quello che ci regala più versioni di se stesso, poiché ne esistono circa 2000 varietà. Forse per questo, o anche per il suo essere un prodotto semplice ma assolutamente indispensabile, ha sempre esercitato un grande fascino nell’immaginario collettivo e nella narrativa, caricandosi di connotati simbolici. È proprio la mela il simbolo associato al peccato originale commesso da Adamo ed Eva. È la mela l’icona della città di New York, e anche quella scelta dall’azienda Apple. È proprio una mela, secondo la tradizione, ad essere caduta sulla testa di Isaac Newton facendogli scoprire la gravità, ed è proprio questa, ma ricoperta d’oro, che Paride assegnò ad Afrodite in qualità di dea più bella dell’Olimpo.

La mela appartiene alla famiglia delle Rosacee. Ha un pomo definito globoso, è ombelicata e ha un colore che varia solitamente tra il rosso e il verde. Il picciolo è generalmente robusto e fissato alla sua forma tondeggiante in un incavo, alla cui estremità opposta si rintraccia la calicina. È uno dei primi alimenti che si consumano dopo il latte materno. Eppure sono in pochi a conoscere una verità sul suo conto: la mela è un falso frutto, in quanto solo il torsolo è il vero frutto, mentre la sua polpa succosa è il ricettacolo del fiore.

Ma perché “Una mela al giorno toglie il medico di torno?”

Sembra proprio che l’antichissimo proverbio sia stato convertito in verità scientifica: lo conferma uno studio condotto dal Dipartimento di Farmacia della Federico II, dal quale è stata siglata una collaborazione tra l’Università di Napoli e Il Consorzio della Melannurca. Proprio su questa specifica varietà della mela, la Melannurca, prodotto ortofrutticolo tipico della regione Campania, sono stati condotti studi ed esperimenti. I ricercatori hanno infatti estratto due nuovi prodotti nutraceutici in fase di sperimentazione da un campione selezionato di mele e appurato la loro efficacia terapeutica su diversi piani.

In primo luogo la mela produce un significativo aumento del colesterolo buono a discapito di quello cattivo. Inoltre è da tenere in considerazione il suo effetto antidiabetico causato da un basso contenuto di zuccheri, il suo ruolo rinforzante per unghie e capelli, la sua utilità contro i calcoli renali in quanto combatte l’acidità di stomaco, e la sua ricchezza di fibre che svolgono numerose funzioni tra cui quella dello sbiancamento dentale. Non meno fondamentale risulta la sua duplice funzionalità: se consumata cruda è indicata per lenire la dissenteria, se consumata cotta invece è adatta a chi soffre di stipsi.

Queste sono qualità tipiche di tutte le varietà della mela?

Tutti i tipi di mela sono un farmaco naturale: la vitamina B1 che contiene aiuta a sconfiggere stanchezza e nervosismo. Inoltre tiene sotto controllo la glicemia e la sua buccia ha il potere di diminuire il rischio tumorale. Una dieta carente di mele può peggiorare sintomatologie legate all’asma.

Tuttavia è necessario sottolineare le specificità della Melannurca; presente in Campania da almeno due millenni, probabilmente originata dal ventre dell’antica Puteoli, oggi Pozzuoli, la sua denominazione Melannurca Campana è stata riconosciuta a livello europeo quale Indicazione Geografia Protetta (IGP) nel 2006.
La Melannurca ha meritato l’appellativo di “regina delle mele” per i suoi benefici salutistici. Essa, infatti, è costituita da un gruppo di polifenoli che, tra tante altre proprietà, curano la salute del capello, combattendo le calvizie e accelerando la sua crescita.

Un prodotto prezioso e naturalmente sopraffino in seno alla nostra patria, che ne descrive le illimitate potenzialità e il miracolo della sua ricchezza. Una mela al giorno non solo toglie il medico di torno, ma il suo consumo è essenziale per prendersi cura del proprio benessere fisico e mentale e per consacrare i doni che la Campania Felix continua a elargire.